15°

Quartieri-Frazioni

L'uomo che aiuta il Madagascar piantando alberi

L'uomo che aiuta il Madagascar piantando alberi
0

Chiara Pozzati

Il suo non è puro mal d’Africa. Piuttosto una nostalgia latente intrisa di volti, mani e del profumo del legno di palissandro. D’altronde «ciò che l’occhio ha visto, il cuore non dimentica»: Nicola Gandolfi, parmigiano, ripete il proverbio malgascio con orgoglio. Il 37enne è nato in quartiere Golese e in Madagascar è approdato a poco più di 20 anni. Il suo obiettivo: battersi per la tutela della foresta e la crescita delle popolazioni locali. In quello scampolo di paradiso spinto alla deriva dell’Oceano Indiano la notte dei tempi lui ha trovato una casa accogliente, un progetto che riempie le sue giornate e una famiglia.
Con il diploma di laurea in Scienze Naturali infilato nel borsone si è imbarcato sul volo diretto ad Antananarivo nel 2000. Proprio lì, nella capitale malgascia: «tra viottoli stretti e aggrovigliati, che come in un labirinto si snodano fra le baracche del mercato – ripete - o le scalinate, che si inerpicano fino al colle del palazzo della regina. Ogni strada brulica di vita», ripete. «E’ successo tutto per caso – spiega Gandolfi –: grazie all’associazione ong ''Reggio terzo mondo''. Cercavano volontari con un titolo di studio per dare il via a un nuovo progetto di tutela delle foreste. A cominciare dalla nuova piantumazione degli alberi di palissandro. In realtà, l’iniziativa coinvolgeva diversi ambiti: dalla sensibilizzazione della popolazione, all’istituzione del commercio equo solidale. In altre parole abbiamo aiutato i figli del Madagascar a comprendere che distruggere la foresta non era il modo giusto per dare un nuovo impulso all’economia». Un progetto fatto di mani nodose che sanno utilizzare l’ascia ma anche seminare di nuovo. «Il profumo della foresta di Vohiday non lo dimenticherò mai» si lascia sfuggire il 37enne. «Sono rientrato in Italia la prima volta nel 2002 – aggiunge – e non vedevo l’ora di tornare là». E non ci ha messo molto, giusto il tempo di una seconda laurea in Scienze forestali: «A fine 2005 inizio 2006 sono tornato in Madagascar mentre il progetto continuava a coinvolgere sempre più persone ed ettari di foresta». I numeri parlano chiaro: dal 2008 al 2010 sono state piantate circa 9 mila piante, si parla di 3mila piante di palissandro ogni anno. «Purtroppo il contratto è scaduto nel 2011» - commenta asciutto. Quindi è tornato a casa. «Ma solo per poco – giura Gandolfi – giusto il tempo di presentare una nuova iniziativa alla mia città». Si chiama progetto «Tsiry». La mission: creare vivai di piante d’ebano e Bois de rose (specie di palissandro particolarmente utile ai malgasci) a Manompana, a 520 chilometri a nord-est della Capitale. «Le parole d’ordine rimangono sempre le stesse: ''rispettare questo popolo di viandanti e il loro polmone verde''».

.L'iniziativa
Un obiettivo ambizioso: salvare le foreste
Il progetto Tsiry nasce nell’aprile del 2011, in accordo con il Ministero dell’Ambiente e delle Foreste malgascio, come contributo alle attività per il recupero ambientale della regione Nord-Est del Madagascar. L’intento principale è concorrere all’interruzione del circolo vizioso che causa attualmente la continua e rapida diminuzione degli alberi delle specie Dalbergia spp e Diospyros spp nelle foreste del paese. Una sorta di tutela ambientale ma anche diffusione di una cultura del rispetto tra le popolazioni locali. In Madagascar sono 43 le specie appartenenti al genere Dalbergia, comunemente denominate Palissandro, Bois de rose o Rosewood. Buona parte di queste specie sono state sfruttate eccessivamente nel corso degli anni e fanno parte della Lista rossa Iucn come specie a rischio estinzione. Per chi fosse interessato a contribuire al programma basta contattare via mail gandolf.nicola@alice.it, solosaina@yahoo.fr e info@tsiry.org. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.tsiry.org  C.P.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

LEGA PRO

Sotto di 2 gol, il Pordenone ne segna 7 e aggancia il Parma! Domani crociati a Gubbio

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

3commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

10commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa