Quartieri-Frazioni

Vigatto, la rivolta dei residenti: "Viviamo su una strada killer"

Vigatto, la rivolta dei residenti: "Viviamo su una strada killer"
Ricevi gratis le news
1

 Comprare il pane fresco dal fornaio del paese. Un lusso per pochi a Vigatto: «O vai in auto o devi farti il segno della croce». 

Chi parla è un folto drappello di residenti che rilancia sulla questione dei marciapiedi nella frazione. Il punto sta proprio lì: in quello striminzito tratto d’asfalto che orla la strada.
 «Già faticano due auto che passano contemporaneamente, se si aggiunge un uomo a piedi la situazione si fa seria. Figuriamoci passeggini e carrozzine... In bici, poi, è un viaggio da cardiopalma: si rischia davvero la vita». 
Non c’è pace per i residenti del paesino, ottocento anime su per giù, che si srotola su via Martinella. 
La loro è una «rivolta» resa ancora più amara dai «precedenti». Sono anni che il quartiere (come del resto tutte le altre frazioni della zona sud) lamenta i rischi di via Martinella, la «strada killer» come la chiama qualcuno. 
«Ma la faccenda è peggiorata: più traffico, più famiglie, più rischi per i bimbi»: è questo in sintesi il messaggio dei residenti vecchi e nuovi che si dividono Vigatto. 
Una battaglia lunga, anzi lunghissima quella per i marciapiedi nella via principale del paese. Sono stati spesi fiumi d’inchiostro, spedite montagne di  lettere al Comune, inviate segnalazioni, organizzati incontri e momenti du confronto. 
«Ma è cambiato qualcosa? No, assolutamente nulla», ripetono con rassegnazione a pochi passi dalla chiesa. «Intanto noi paghiamo come fossimo in via Repubblica», si sfoga un giovane padre, arrivato in quartiere nel 2008.
 Alla «rivolta», poi, si aggiungono le famiglie di via Cesare Amidano, tipica viuzza residenziale con palazzine colorate e giardini ben curati. 
«Ci sono davvero numerosissime famigliole – spiega una giovane mamma all’ottavo mese di gravidanza – Uscendo dalla nostra via e andando verso la chiesa si ha solo un «assaggio» di marciapiede. Poi c’è la brusca interruzione e ci si ritrova in strada, di fianco a fossi dall’erba alta e spesso zeppi di rifiuti». 
L’argomento tiene banco e infervora un gran numero di persone. Alcuni ragazzi che passano in bici si fermano per dire la loro. E alla fine ma non certo per importanza, rispunta fuori il «parco della vergogna», così lo chiamano a Vigatto. 
Uno scivolo, due altalene e giusto un paio di altri arredi piazzati in un campo assolato e deserto. 
«Non c’è un albero o una fontanella. Abbiamo lottato con la passata amministrazione per anni per l’allestimento di uno spazio bimbi che ci era stato promesso. Ecco cosa abbiamo ottenuto. Speriamo solo che oggi vada diversamente».Ch. Pozz.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • bart

    02 Luglio @ 21.52

    Nella puntata dei simpson dove Bart conduce "la gente di Bart" troverete molte analogie con il modo di scrivere dell'articolista...(deve essere il suo marchio di fabbrica)...detto questo un marciapiede a vigatto a patto di trovarne lo spazio sarebbe ben accetto

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Festa al Dragoon pub di Salso

pgn

Festa al Dragoon pub di Salso Foto

Polemica tomori

Il messaggio

Toffa, malattia, post e polemiche: "Nadia, il cancro non rende fighi"

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche  Foto

social

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Trattoria "Al Voltone"

CHICHIBIO

Trattoria "Al Voltone", la generosa tradizione della Bassa

di Chichibio

Lealtrenotizie

Droga

CARABINIERI

Spaccio di cocaina e hashish fra Parma e Borgotaro: coinvolti 6 magrebini Video

Tre magrebini sono stati arrestati, altri tre sono ricercati nell'ambito dell'operazione "Pokemon Go" dei carabinieri

PARMA

Neve in città: in azione i mezzi del Comune. Previsto un abbassamento delle temperature

E' attivo un numero verde del Comune di Parma per segnalazioni e informazioni. Scuole chiuse a Lesignano e Neviano

6commenti

Gazzareporter

Risveglio con la neve a Parma Invia le tue foto

CONSIGLIO

Via Pontasso: il cavalcavia resterà chiuso ancora a lungo

Si discute il bilancio preventivo 2018: oggi la prima delle tre sedute previste fino alla votazione finale

social

Derapate (follie?) con il quad in piazza Garibaldi Video

VIOLENZA SESSUALE

Molestò una bimba di 8 anni, insegnante condannato

GAZZAREPORTER

Neve: le foto dei lettori da Panocchia all'Appennino

APPENNINO

Varsi, frana nella notte sulla provinciale 28. Strada ghiacciata al Passo del Bratello Video

Le strade provinciali sono tutte percorribili

calcio

Parma, sfida da non fallire

Colorno

Vende elettrodomestici on line e truffa 100 persone, denunciata 30enne

1commento

PARMA

Impresa Pizzarotti e Sonae costruiranno il centro commerciale in zona fiera

Investimento da 200 milioni di euro. Nel 2019 l'inaugurazione

7commenti

Fidenza

E' morto Aldo Bianchi, storico commerciante

Furto

Razzia di salumi in una cantina di Zibello

1commento

CALCIO

Dilettanti e Giovanili, attività sospesa nel weekend

CASO LAMINAM

«L'aria di Borgotaro? Nessun rischio per la salute»

Grandi opere

Archiviazione per Burchi, ex presidente dell'A15

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Stragi in Usa: se la proposta è armare gli insegnanti

di Paolo Ferrandi

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Ondata di gelo "storica'": e la neve potrebbe arrivare fino a Roma

1commento

SALUTE

Morbillo: 164 casi e 2 morti in Italia a gennaio

SPORT

Vela

Soldini straccia il record della Rotta del Tè: è arrivato 5 giorni prima

CALCIO

Europa League: Milano agli ottavi con Arsenal, Dinamo Kiev per la Lazio

SOCIETA'

anniversario

All'asta i cimeli di Steve Jobs, anche la domanda di lavoro del '73

Lutto

E' morta "Sirio", l'astrologa dei vip: aveva 85 anni

MOTORI

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato