-5°

Quartieri-Frazioni

Via D'Azeglio. La protesta dei negozianti

Via D'Azeglio. La protesta dei negozianti
2

Gian Luca Zurlini
La mancata comunicazione preventiva dell'apertura del cantiere e il fatto di avere annunciato la chiusura della strada come se fosse totale tenendo  così lontani buona parte dei potenziali clienti. Sono queste le principali lamentele dei commercianti della parte finale della «Strada Maestra» dell'Oltretorrente che avrebbero voluto dal Comune una programmazione dei lavori concordata e comunque una maggiore precisione nella comunicazione.
«Negozi riaperti, strada chiusa»
«Non nego che i lavori andassero fatti, perché effettivamente i lastroni della parte finale della strada erano in uno stato precario, però ci è dispiaciuto è di avere saputo solo dalla “Gazzetta” che ci sarebbe stata la chiusura». A parlare è Gino Milani, notissimo titolare della pasticceria D'Azeglio che, sia pure con toni pacati, non manca di esternare la propria amarezza: «Pensi che noi abbiamo chiuso per ferie l'ultima settimana di luglio e abbiamo riaperto il 18 agosto, due giorni prima della chiusura della strada. E da allora, in pratica, non  lavoriamo più. Se avessimo saputo prima dei lavori, avremmo programmato le ferie  in un periodo diverso, perché già è un momento  di crisi e se si aggiungono queste cose i negozi vanno in crisi».   Lo stesso discorso arriva da Matteo Abati, titolare di uno storico negozio di fiori: «Abbiamo riaperto proprio il giorno di avvio del cantiere, ma lo sapevamo solo per averlo letto sul giornale.   A questo poi si aggiunge che, per come è stata diffusa la notizia, sembra che noi siamo irraggiungibili, mentre invece, anche se non c'è il passaggio, comunque si può parcheggiare qui vicino. Insomma, al danno si è aggiunta la beffa».
«Ci vorranno altri lavori»
Amaro è Felice Fortunati, bottegaio «pramzan dal sas»: «Guardi, l'anno scorso prima del Giro d'Italia avevano dato una sistemata e ci avevano detto che ci saremmo rivisti presto. Purtroppo è stato così, ma è assurdo che non si possa asfaltare anche questo tratto di strada, perché fra un paio d'anni saremo daccapo». Sulla stessa linea Alessia Mambriani della «Gelateria Due Torri»: «Il danno c'è stato, inutile negarlo. Non possiamo farci nulla, però ci vorrebbe più rispetto per chi lavora».   Giorgio Corradi, «biciclettaio» di lungo corso, la prende con filosofia: «Purtroppo fanno quello che vogliono e di certo noi non ci guadagniamo. Però almeno il Comune avrebbe potuto avvisarci con un certo anticipo».  Infine Daniele Chiodi, titolare di una tabaccheria ce l'ha con la durata del cantiere: «A parte che nessuno ci ha avvisato, altrimenti avremmo fatto le ferie adesso, 3 settimane mi sembrano molte per questi lavori. E poi, comunque, con le centinaia di autobus che passano di qui fra qualche anno saremo daccapo. Meglio sarebbe stato asfaltare anche questo tratto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • francesco

    29 Agosto @ 21.16

    Commercianti di via D'Azeglio ribellati dai bigotti bacchettoni (4 gatti comunque) fate nomi e cognomi di queste belle persone.

    Rispondi

  • claudio

    29 Agosto @ 10.19

    E che, anche per i lavori di manutenzione delle strade, occorre il...BENEPLACITO di Lor Signori, i Commercianti??? Ma non scherziamo! Roba da far ridere i polli. Mica sono i padroni della strada!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, la decisione è ufficiale: "Mi ricandido". Il video-annuncio. E Dall'Olio si ritira dalle primarie: "Sostengo Scarpa"

10commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

6commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

fino al 23 febbraio

Al via le iscrizioni per la Maratona delle Terre verdiane

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

MODENA

Donna di 53 anni trovata mummificata in casa a Modena

si scava ancora

Rigopiano: si cercano tracce dei cellulari, è corsa contro il tempo

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto