-5°

Quartieri-Frazioni

Marano, il paese sulla collina che sogna una rotonda

Marano, il paese sulla collina che sogna una rotonda
2

Andrea Del Bue

Per chi non è mai stato dentro il paese, Marano è un lungo rettilineo su via Traversetolo, delimitato da due cartelli che ne indicano l’inizio e la fine, a pochi metri uno dall’altro. Per i più impazienti è anche l’occasione di sorpassare. 
Dalla strada, si vede il bar trattoria, che ha anche i tabacchi, sotto un portico antico. In lontananza, arrampicato sulla collina, il campanile della chiesa.
 Portici e campanile sono i due punti di riferimento per Marano. Sotto i primi si trova un po’ di tutto, perché la giovane titolare, Cristina Mastropieri, ha solo 25 anni, ma ha capito benissimo cosa bisogna fare in un piccolo paese se si ha un’attività commerciale; quindi, dall’etto di prosciutto al deodorante c’è una gamma di prodotti che non manca mai. In parrocchia, invece, ci si preoccupa soprattutto di fare aggregazione. Per il resto, a Marano, non c’è nulla. L’ufficio postale e l’alimentare, qualche anno fa, hanno abbassato le saracinesche; su via Traversetolo, a poche centinaia di metri dall’abitato, c’è il Parco di Marano. Dentro, una trattoria, un grande parco giochi, un dancing, oltre alle strutture comunali per i bambini e i ragazzi disabili (una stanza per attività ludiche e ricreative, una piccola piscina).
 Gli abitanti del paese non disdegnerebbero fare un salto al parco, soprattutto verso sera. Per arrivare lì, però, ci vuole sempre l’automobile, perché, senza marciapiedi e pista ciclabile, provare a raggiungere il parco in bicicletta o a piedi significherebbe tentato suicidio, tanto è il traffico. La soluzione ci sarebbe, ossia una stradina che raggiunge il parco da dietro: c’è anche il cancello, quello d’accesso agli adiacenti orti sociali, ma è sempre chiuso.
Anche prendere l’automobile, però, è un rischio. All’incrocio tra la strada di accesso alla località, via Cava in Marano, e via Traversetolo, bisogna prestare la massima attenzione e portare molta pazienza. Da oltre un mese è stato divelto lo specchio e non è mai stato ripristinato, nonostante ci siano già palo e relativo supporto. Nelle ore di punta, passano anche parecchi minuti prima di poter immettersi sulla provinciale. La soluzione sarebbe una rotonda, sulla falsariga di quella di Botteghino; c’era già il progetto, sembrava che dovessero partire i lavori, poi è sopraggiunta la caduta dell’amministrazione, il commissariamento del Comune e altri pensieri.
Il gruppo di case che forma l’abitato principale della frazione, l’ultima del Comune di Parma in direzione Traversetolo, si sviluppa su una collina. La chiesa domina, con il suo piccolo circolo, il suo campo da calcio, il suo parco giochi. Tutto è molto curato e accogliente. Altalene, scivoli, cavallini sono belli, puliti; sui giochi, nemmeno una scritta o uno scarabocchio: una rarità. C’è anche una tettoia, che d’estate ospita le cucine della festa campagnola di luglio; chiusa la manifestazione, diventa uno dei tanti luoghi che ospitano le attività del grest estivo, frequentato praticamente da tutti i bambini di Marano.
 A pochi passi dalla chiesa, però, l’abbandono. Lì dove sono sorte delle nuove palazzine, doveva arrivare anche una grande area verde. «Di quel progetto sono rimaste solo erbacce, un abbozzo di percorso pedonale invaso dalle sterpaglie e dei lampioni – spiega un abitante -. Ci sarebbe anche la fontana, che avrebbe solo bisogno di essere messa in funzione; sarebbero previsti anche giochi per i più piccoli, e panchine. 
Il cantiere è però fermo da circa due anni, la gru ripiegata, i container sono stati abbandonati da un giorno all’altro». Ci sono, infatti, ancora le porte aperte e quei posti sono diventati il riparo per persone in difficoltà. «Dentro, si trovano ancora alcuni indumenti da lavoro: tute, caschetti, scarpe, guanti – continua il residente -. Ci sono anche copie di mappe, progetti, piani urbanistici. In passato, siamo stati noi abitanti a ripulire quegli anfratti, almeno dalle siringhe. Doveva essere una rigogliosa area verde, oggi è un luogo di degrado. Che non ha tempi, non ha certezze».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianfranco ferrari

    29 Settembre @ 19.23

    Se la provincia viene accorpata con quella di Reggio, la rotonda la fanno subito, basta contare il numero di rotonde che hanno fatto intorno ed a Montecchio e a Reggio Emilia hanno escogitato, in località acquedotto, la rotonda principale con attaccate due rotonde satelliti. roba che si commenta dasola

    Rispondi

  • giancarlo

    27 Settembre @ 18.27

    Aggiungerei anche che l'incrocio tra via Cava e via Traversetolo diventa pericolosissimo a causa delle autovetture che, parcheggiate in divieto di sosta davanti alla trattoria,impediscono la visuale alle auto che si immettono su via Traversetolo.Questa mancata osservanza del divieto è,insieme alla rimozione dello specchio che ormai avviene sistematicamente da anni,indice di menefreghismo e di cattiva educazione. Aggiungiamo pure che raramente si vede un vigile urbano da queste parti e le poche volte che compaiono controllano solo la velocità delle auto che passano su via Traversetolo.Per il resto nulla.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Incidente Cascinapiano
Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

1commento

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

3commenti

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

2commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

primarie pd

Dall'Olio-Scarpa: c'è l'accordo

1commento

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

2commenti

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Tg Parma

Alfieri: "Parma deve tornare ad essere la nostra casa"

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

soccorsi

Altri 4 estratti dalle macerie del Rigopiano, ma c'è una quarta vittima

I Parete

"Viva anche Ludovica": Giampiero riabbraccia la famiglia

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto