19°

32°

Quartieri-Frazioni

Il degrado dell'Oltretorrente

0

Egregio direttore,
non è materia di recente attenzione quel fenomeno di aggregazione giovanile che da troppo tempo è deviato nel disprezzo delle regole, nella violenza verso il prossimo, come pure nel vilipendio del patrimonio urbanistico e monumentale della nostra città, sulle tracce di una costumanza tanto diffusa quanto snaturata e costruita con l’alibi di rivitalizzare il centro storico, ma con la mira di soddisfare gli interessi economici di una sottocategoria di commercianti.
Non più di «movida» si deve allora trattare, ma di degenerazione comportamentale e morale da parte di contingenti traviati, autorizzati a trasgredire ed in crescita esponenziale che la latitanza e l’indulgenza delle istituzioni ha contribuito a fomentare.
A fronte di un' emergenza le cui connessioni sinaptiche hanno inquinato la quota maggioritaria dei quartieri cittadini, sorge la percezione che l’obiettivo di prossima conquista coincida con il crepuscolo di ogni forma di civile convivenza.
Non a caso, in una lettera inviata al sindaco nel giugno scorso ponevo sul tappeto la perplessità nel constatare come pretese commerciali di alcuni locali a vocazione squisitamente alcolica potessero prevalere sui diritti di centinaia di residenti che, in un recente passato, hanno speso la loro firma in petizioni e sono ricorsi alle vie legali con l’auspicio di essere tutelati.
L’art. 659 del codice penale punisce «chiunque mediante schiamazzi o rumori, ovvero abusando di strumenti sonori o di segnalazioni acustiche... disturba le occupzioni o il riposo delle persone».
E’ pure inconfutabile che disturbare la quiete pubblica con rumori molesti che oggettivamente infastidiscono la tranquillità di una pluralità di persone, può portare ad una condanna penale.
Senza volersi distrarre dalle pelose e disarticolate argomentazioni rivendicate dal popolo della notte, sembra che l’unico diritto riconosciuto negli ultimi tempi, sia quello del divertimento di massa, ammesso che possa onorarsi di tale definizione l’attitudine allo sballo da intossicazione alcolica che non ha risparmiato episodi di coma etilico. Secondo fonti competenti il binge drinkyng, cioè l’assunzione di plurimi bicchieri di bevande alcoliche  in un’unica occasione, è un modello comportamentale di alcune fasce giovanili ritenuto un life-style del giovane doc  riguardante oltre il 16% della popolazione italiana dagli 11 anni in su (ISTAT 2010).
Inoltre uno studio multicentrico (HBSC) gli adolescenti sostengono che l’abbuffata di alcol «fuori di casa» abbia una funzione socializzante e sia un rituale di gruppo con nota euforizzante per affrontare al meglio la realtà ed acquisire le capacità per integrarsi nel mondo concorrenziale.
Ecco allora che un’efficace strategia di mercato abbina interessi economici alle esigenze degli adolescenti bisognosi di recepire padronanza di sé attraverso un linguaggio che si accordi con il conformismo del momento.
Questi soggetti ad alto grado di vulnerabilità psicologica possono raggiungere nel tempo livelli di consumo alcolico sempre più alti con rischi individuali, sociali e tali da procurare gravi danni per la salute, la cui tutela, intesa come fondamentale diritto dell’individuo, attiene anche a quella parte di cittadini contribuenti che nel corso degli anni ha visto svilire la propria qualità di vita in quanto impediti del sonno notturno per stressori ambientali non prettamente antropici.
E’ allora pertinente richiamare che l’uomo, come «animale diurno» associa lo stato di veglia e di attività al periodo di luce e, per controverso, il sonno ed il riposo al periodo di buio. La scansione ritmica del tempo biologico è generata da un orologio biologico che condiziona il sonno e, per il mantenimento di una buona condizione di salute, è quindi essenziale una corretta sincronizzazione dei ritmi con le condizioni ambientali esterne.
La riduzione o deprivazione del sonno causa effetti negativi sull’attività del sistema nervoso centrale, caratterizzati da riduzione della vigilanza, dell’attenzione, della memoria, della concentrazione e della performance. A lungo andare, condizioni stressanti, favoriscono il manifestarsi di sindromi neuro-psichiche quali l’affaticamento cronico, il rischio di ictus cerebrale e possono costituire il preludio di malattie psicosomatiche di pertinenza gastrointestinale e cardiovascolare.
Chi quindi decide di vivere il proprio tempo secondo il profilo scialbo della disubbidienza comportamentale innesca una sequela di negatività che coinvolge anche la parte sana della platea urbana più emancipata.
E’ pertanto essenziale accendere il semaforo verde ai provvedimenti previsti dalle norme vigenti e non ancora considerati da un' amministrazione locale scarsa di diottrie e ancora imbastita dalla illusione di escogitare una soluzione condivisa onde evitare il punto del non ritorno.
Intanto si sta perdendo tempo e ci si chiede se sarebbe auspicabile confrontarsi con un sindaco meno attendista e più sceriffo.

Daniele Cappelli 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Salisburgo la dolce: assolo barocco tra le Alpi

VIAGGI

Salisburgo la dolce: assolo barocco tra le Alpi

di Roberto Longoni

Lealtrenotizie

Pizzarotti

BALLOTTAGGIO

"Effetto Parma" festeggia in pizzeria. Pizzarotti: "Altri cinque anni entusiasmanti" Video

Ecco l'intervista di TvParma durante lo scrutinio

elezioni 2017

Ballottaggio, affluenza al 45,17%

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna che vanno al ballottaggio

5commenti

ELEZIONI 2017

Genova e Verona, avanti il centrodestra

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

degrado

Maxi raid vandalico in via Toscana con il catrame: vetrine e auto imbrattate, gomme tagliate anche alle bici

4commenti

polizia

Torna all'Esselunga per un altro furto (di supercalcolici): denunciato un 22enne

4commenti

VIOLENZA

Ancora risse davanti alla stazione

9commenti

gazzareporter

San Pancrazio, il degrado continua Gallery

CHIESA

Montecchio, cambia il parroco: arriva don Orlandini da Reggio

Don Romano Vescovi, originario di Neviano, lascia Bibbiano per l'eremo di Salvarano (Quattro Castella)

tg parma

Al Regio l'assemblea dell'Upi con il ministro Graziano Delrio Video

polizia

Furto al Bar Squisjto ad Alberi di Vigatto

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

CRIMINALITA

Monticelli, automobilista insegue gli scippatori in viale Marconi

2commenti

Sant'Ilario d’Enza

Ladro aveva in auto del parmigiano rubato, sarà donato alla Caritas

Notato dai Cc vicino a supermarket, aveva precedente specifico

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

2commenti

ITALIA/MONDO

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

SOCIETA'

elezioni 2017

Genova: elettore al seggio con cane al seguito Foto

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

SERIE A

Donnarumma inneggia a Raiola, poi si scusa con i tifosi. Dopo l'Europeo incontro con il Milan

MOTORI

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande