Quartieri-Frazioni

Il degrado dell'Oltretorrente

Ricevi gratis le news
0

Egregio direttore,
non è materia di recente attenzione quel fenomeno di aggregazione giovanile che da troppo tempo è deviato nel disprezzo delle regole, nella violenza verso il prossimo, come pure nel vilipendio del patrimonio urbanistico e monumentale della nostra città, sulle tracce di una costumanza tanto diffusa quanto snaturata e costruita con l’alibi di rivitalizzare il centro storico, ma con la mira di soddisfare gli interessi economici di una sottocategoria di commercianti.
Non più di «movida» si deve allora trattare, ma di degenerazione comportamentale e morale da parte di contingenti traviati, autorizzati a trasgredire ed in crescita esponenziale che la latitanza e l’indulgenza delle istituzioni ha contribuito a fomentare.
A fronte di un' emergenza le cui connessioni sinaptiche hanno inquinato la quota maggioritaria dei quartieri cittadini, sorge la percezione che l’obiettivo di prossima conquista coincida con il crepuscolo di ogni forma di civile convivenza.
Non a caso, in una lettera inviata al sindaco nel giugno scorso ponevo sul tappeto la perplessità nel constatare come pretese commerciali di alcuni locali a vocazione squisitamente alcolica potessero prevalere sui diritti di centinaia di residenti che, in un recente passato, hanno speso la loro firma in petizioni e sono ricorsi alle vie legali con l’auspicio di essere tutelati.
L’art. 659 del codice penale punisce «chiunque mediante schiamazzi o rumori, ovvero abusando di strumenti sonori o di segnalazioni acustiche... disturba le occupzioni o il riposo delle persone».
E’ pure inconfutabile che disturbare la quiete pubblica con rumori molesti che oggettivamente infastidiscono la tranquillità di una pluralità di persone, può portare ad una condanna penale.
Senza volersi distrarre dalle pelose e disarticolate argomentazioni rivendicate dal popolo della notte, sembra che l’unico diritto riconosciuto negli ultimi tempi, sia quello del divertimento di massa, ammesso che possa onorarsi di tale definizione l’attitudine allo sballo da intossicazione alcolica che non ha risparmiato episodi di coma etilico. Secondo fonti competenti il binge drinkyng, cioè l’assunzione di plurimi bicchieri di bevande alcoliche  in un’unica occasione, è un modello comportamentale di alcune fasce giovanili ritenuto un life-style del giovane doc  riguardante oltre il 16% della popolazione italiana dagli 11 anni in su (ISTAT 2010).
Inoltre uno studio multicentrico (HBSC) gli adolescenti sostengono che l’abbuffata di alcol «fuori di casa» abbia una funzione socializzante e sia un rituale di gruppo con nota euforizzante per affrontare al meglio la realtà ed acquisire le capacità per integrarsi nel mondo concorrenziale.
Ecco allora che un’efficace strategia di mercato abbina interessi economici alle esigenze degli adolescenti bisognosi di recepire padronanza di sé attraverso un linguaggio che si accordi con il conformismo del momento.
Questi soggetti ad alto grado di vulnerabilità psicologica possono raggiungere nel tempo livelli di consumo alcolico sempre più alti con rischi individuali, sociali e tali da procurare gravi danni per la salute, la cui tutela, intesa come fondamentale diritto dell’individuo, attiene anche a quella parte di cittadini contribuenti che nel corso degli anni ha visto svilire la propria qualità di vita in quanto impediti del sonno notturno per stressori ambientali non prettamente antropici.
E’ allora pertinente richiamare che l’uomo, come «animale diurno» associa lo stato di veglia e di attività al periodo di luce e, per controverso, il sonno ed il riposo al periodo di buio. La scansione ritmica del tempo biologico è generata da un orologio biologico che condiziona il sonno e, per il mantenimento di una buona condizione di salute, è quindi essenziale una corretta sincronizzazione dei ritmi con le condizioni ambientali esterne.
La riduzione o deprivazione del sonno causa effetti negativi sull’attività del sistema nervoso centrale, caratterizzati da riduzione della vigilanza, dell’attenzione, della memoria, della concentrazione e della performance. A lungo andare, condizioni stressanti, favoriscono il manifestarsi di sindromi neuro-psichiche quali l’affaticamento cronico, il rischio di ictus cerebrale e possono costituire il preludio di malattie psicosomatiche di pertinenza gastrointestinale e cardiovascolare.
Chi quindi decide di vivere il proprio tempo secondo il profilo scialbo della disubbidienza comportamentale innesca una sequela di negatività che coinvolge anche la parte sana della platea urbana più emancipata.
E’ pertanto essenziale accendere il semaforo verde ai provvedimenti previsti dalle norme vigenti e non ancora considerati da un' amministrazione locale scarsa di diottrie e ancora imbastita dalla illusione di escogitare una soluzione condivisa onde evitare il punto del non ritorno.
Intanto si sta perdendo tempo e ci si chiede se sarebbe auspicabile confrontarsi con un sindaco meno attendista e più sceriffo.

Daniele Cappelli 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Thomas: «Sono un anti-social, mi esprimo nei live»

Intervista

Thomas: «Sono un anti-social, mi esprimo nei live»

Festa al Dragoon pub di Salso

pgn

Festa al Dragoon pub di Salso Foto

Polemica tomori

Il messaggio

Toffa, malattia, post e polemiche: "Nadia, il cancro non rende fighi"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La neve potrebbe tornare anche in città con il ciclone artico Burian

METEO

La neve potrebbe tornare anche in città con il ciclone artico Buran Video

VIA PICASSO

Furto al bar: la banda strappa il cambiamonete dal muro 

E' intervenuta la polizia. Il bottino resta da quantificare

PARMA

Scontro fra due auto in via Sidoli: due feriti Foto

Incidente all'incrocio con via XXIV Maggio

weekend

Neve "pigliatutto". E poi teatro, fumetti e ballo: l'agenda del sabato

ALLARME MAFIE

'Ndrangheta, le infiltrazioni mettono ko le aziende sane

3commenti

RICERCA

Cuore, da Parma parte la rivoluzione farmacologica

SERIE B

Il Parma lotta e strappa un punto

2commenti

Via Mameli

Tenta di rubare una bici: "placcato" dal barista

VOLANTI

Rubano un furgone a Parma ma il segnale Gps li fa scoprire: recuperata refurtiva nel Felinese

Materiale elettrico e attrezzi da lavoro erano nascosti fra San Michele Tiorre e Pilastro

PARMA

Via Montebello, il lamento dei negozianti: «Trovare un parcheggio? Impossibile»

Sulla Gazzetta di Parma in edicola, due pagine di Speciale quartiere Montebello

Recidivo

Ai domiciliari, continuava a spacciare cocaina

2commenti

BORGOTARO

Laminam, nuove denunce e nuove smentite

CALCIO

Dilettanti e Giovanili, attività sospesa nel weekend

social

Derapate (follie?) con il quad in piazza Garibaldi Video

4commenti

INAUGURAZIONE

Socogas inaugura due distributori sulla Brebemi

MALTEMPO

Langhirano, cavo elettrico danneggiato dalla neve: intervento dei vigili del fuoco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Stragi in Usa: se la proposta è armare gli insegnanti

di Paolo Ferrandi

4commenti

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

POVIGLIO

Il veterinario fa domande, l'allevatore gli punta il forcone alla gola

1commento

SVIZZERA

Zurigo, spara alla moglie in strada e si uccide: si tratta di due italiani

SPORT

olimpiadi invernali

Ester Ledecka oro anche nello snowboard, male gli azzurri

parma calcio

D'Aversa su Parma-Venezia: "I ragazzi hanno spinto dall'inizio alla fine" Video

SOCIETA'

il disco

1973: Edoardo Bennato spicca il volo

Star di youtube

Diceva di aver sconfitto il cancro con la dieta vegana. Ma è morta

1commento

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day