13°

24°

Quartieri-Frazioni

Corradone: il re dell'Aquila Longhi

Corradone: il re dell'Aquila Longhi
Ricevi gratis le news
1

Lorenzo Sartorio

Centotrenta chili di peso per un' altezza di 1,73 : il monumento alla bontà. Questo monumento, però,  ha pure nome  e  cognome: Corrado Marvasi «presidentissimo» del circolo «Aquila Longhi». 
Parmigiano «de dla da  l'acua» di via Imbriani, classe 1950, figlio di Walter, camionista,  e dell'Anna,  operaia e   indimenticabile  «rezdora»,  entrambi  nati  nello stesso borgo oltretorrentino, Corrado, meglio «Corradone»,   trascorre  giovinezza e  adolescenza  in  strada Bixio e   tra  quella ragnatela di  borghetti  che gravitano lì attorno.   E' un ragazzino  molto vivace, non va d'accordo con i libri, tant'è   che  l'agognato   regalo  della zia, un abbonamento  nei «popolari»  per assistere alla partite della squadra  del  Parma (che  è sempre stata nel suo cuore),   gli viene stracciato  in faccia  da papà Walter  dopo avere preso visione della disastrosa pagella del figlio.
 Il piccolo  Corrado ha nella testa il pallone, altro che i libri! Ed allora,  si trova  con i coetanei nell' oratorio  parrocchiale  di Ognissanti  per organizzare  partitelle   nei borghi  e nelle piazzette, improvvisati   campi di calcio   con le cartelle al posto dei pali per delimitare le «porte».  
 Nel ruolo di portiere   difende  i colori di diverse   squadre: Arsenal,  Frassati,   Bar Lux, Crocetta,  Coop. Nordemilia  e  il Bar Pioli.  Disputa il suo primo campionato  Uisp,  nel  1958,   in  campetti improvvisati   nei  «Prati Bocchi»  con  le porte delimitate da due mezze pile  «äd cuadrè»  (mattoni).  Però, Corrado,  è un ragazzo volonteroso  e quindi   il lavoro non gli  fa paura. 
Nonostante  gli insuccessi scolastici,   riesce  ad  ottenere una  risicata  licenza media, lavora giovanissimo  come garzone da un barbiere  in  via Monte Altissimo,  poi in un laboratorio  di teloni per camion, quindi     dallo zio Gino Grolli, titolare   di uno scatolificio   nel  palazzo Belloni in borgo Tommasini per  approdare in seguito,  come apprendista,   dall'elettricista Avanzini    in strada  Farini.  
A  18 anni,  la chiamata alle armi  in Aeronautica in un  reparto di stanza a Campo Imperatore (L'Aquila). La  sua funzione: cuoco.   Dopo alcuni mesi  di naja,  la visita  al giovane aviere  di un folta delegazione di parmigiani, compresi  papà e mamma, e lui  premia i suoi ospiti  con un appetitoso   piatto di polpette con un  sugo da leccarsi i baffi.  E poi il ritorno  a Parma   come capo fabbrica  alla Ari. 
 Nel 1975 il  grande  salto come  imprenditore  al timone  della «Ciemme»,  azienda leader  nella confezione  e  controllo  qualità  di  prodotti  in vetro. Al suo fianco  i figli Simona,  Giorgia e Walter e  la paziente  moglie Romana, coordinatrice  dell'azienda  e del personale.  
 Nell'allora circolo Aquila,   con sede in strada Repubblica,   Marvasi  entra  nel 1977 come  socio,  nel 1979  viene  eletto nel consiglio direttivo.  Nel 1996  l'«Aquila» e il «Longhi» si fondono dando  vita  all'attuale  circolo  con sede in  vicolo  Santa Maria che  Marvasi  presiede  dal 1999. 
Una realtà  che  raduna,   con  poche altre,  l'ultima  parmigianità rimasta  e coniuga soprattutto il cuore   in aiuto  dei bisognosi, dei  meno fortunati  e  degli  anziani. 
Il segreto del successo di Corradone? Una squadra  affiatatissima  di amici  fraterni, sezioni che  funzionano  alla perfezione  come «Parmafotografica», una «task force» di cuochi e cuoche d'eccellenza   e il sostegno  di  tanti  amici tra   i quali, uno,  che  Marvasi   cita sempre  con grande  commozione:  l'indimenticato  imprenditore  Erasmo Mallozzi, uomo di sport e  grande  umanità  che gli  fu a  fianco  sia nel circolo che  nel Lions Club Bardi Val Ceno. 
Tanti sarebbero  gli episodi    da citare in questi anni  ai vertici  del circolo.  Però uno  sta a cuore a Corradone  tanto  da fargli  venire gli occhi lucidi: la commemorazione  di  Bruno Longhi, martire  antifascista, che si svolse un paio d'anni  fa in occasione del 25 aprile alla  presenza  della  sorella del martire, Maria,  e di  tanti  parmigiani. 
Per un circolo,  un nome davvero impegnativo   da portare,   ma  che  l'«Aquila Longhi»  porta con onore, orgoglio e tanta fierezza. Una fierezza tutta «oltretorrentina».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • step

    04 Marzo @ 00.36

    complimenti a una persona gentile e di una disponibilita' inusuale

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

1commento

Claudio Baglioni

Claudio Baglioni

spettacoli

Sanremo, Baglioni sarà conduttore e direttore artistico

1commento

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

DOMANI

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

La Massese resta piena di pericoli

INCHIESTA

La Massese resta piena di pericoli

POLIZIA

Al setaccio le strade della droga

DELITTO DI BASILICAGOIANO

Il giudice: «Habassi colpito e seviziato per un'ora»

SALSO

Addio all'imprenditore Nando Bellini

BORGOTARO

Laminam, tornano i cattivi odori

Fontanellato

Addio a Spinazzi, agricoltore all'avanguardia

Calcio

Parma, riscatto a Venezia?

AL «GULLI»

In passerella le miss «Over 80»

nel pomeriggio

Cade in bici in via Garibaldi: ottantenne ricoverato in gravi condizioni Video

tg parma

Viadotto sul Po chiuso, il Governo vaglia la fattibilità del ponte di barche Video

5commenti

anteprima gazzetta

Massese, i mesi passano e nulla cambia: resta pericolosa

gazzareporter

Strada allagata in via Gramsci

Pilotta

Verdi Off, le emozioni di Brilliant Waltz Video - 2

venezia-Parma

Brutto momento, D'Aversa: "Dobbiamo uscirne con la voglia di lottare" Video

1commento

Dramma

Sfrattato, si toglie la vita

27commenti

fauna selvatica

Trasporto di animali feriti, affidato l'incarico

Il responsabile del servizio è il dr.Giovanni Maria Pisani

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

uragani

Maria: cede una diga a Portorico, allagate due cittadine

Massa Carrara

Le spese pazze di don Euro: indagato anche il vescovo di Massa

SPORT

motogp

Aragon, seconde libere: Rossi 20° Domina Pedrosa

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

Brianza

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze Foto

turismo

A Forte dei Marmi prorogata la chiusura degli stabilimenti: 5 novembre

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery