-2°

Quartieri-Frazioni

Corradone: il re dell'Aquila Longhi

Corradone: il re dell'Aquila Longhi
1

Lorenzo Sartorio

Centotrenta chili di peso per un' altezza di 1,73 : il monumento alla bontà. Questo monumento, però,  ha pure nome  e  cognome: Corrado Marvasi «presidentissimo» del circolo «Aquila Longhi». 
Parmigiano «de dla da  l'acua» di via Imbriani, classe 1950, figlio di Walter, camionista,  e dell'Anna,  operaia e   indimenticabile  «rezdora»,  entrambi  nati  nello stesso borgo oltretorrentino, Corrado, meglio «Corradone»,   trascorre  giovinezza e  adolescenza  in  strada Bixio e   tra  quella ragnatela di  borghetti  che gravitano lì attorno.   E' un ragazzino  molto vivace, non va d'accordo con i libri, tant'è   che  l'agognato   regalo  della zia, un abbonamento  nei «popolari»  per assistere alla partite della squadra  del  Parma (che  è sempre stata nel suo cuore),   gli viene stracciato  in faccia  da papà Walter  dopo avere preso visione della disastrosa pagella del figlio.
 Il piccolo  Corrado ha nella testa il pallone, altro che i libri! Ed allora,  si trova  con i coetanei nell' oratorio  parrocchiale  di Ognissanti  per organizzare  partitelle   nei borghi  e nelle piazzette, improvvisati   campi di calcio   con le cartelle al posto dei pali per delimitare le «porte».  
 Nel ruolo di portiere   difende  i colori di diverse   squadre: Arsenal,  Frassati,   Bar Lux, Crocetta,  Coop. Nordemilia  e  il Bar Pioli.  Disputa il suo primo campionato  Uisp,  nel  1958,   in  campetti improvvisati   nei  «Prati Bocchi»  con  le porte delimitate da due mezze pile  «äd cuadrè»  (mattoni).  Però, Corrado,  è un ragazzo volonteroso  e quindi   il lavoro non gli  fa paura. 
Nonostante  gli insuccessi scolastici,   riesce  ad  ottenere una  risicata  licenza media, lavora giovanissimo  come garzone da un barbiere  in  via Monte Altissimo,  poi in un laboratorio  di teloni per camion, quindi     dallo zio Gino Grolli, titolare   di uno scatolificio   nel  palazzo Belloni in borgo Tommasini per  approdare in seguito,  come apprendista,   dall'elettricista Avanzini    in strada  Farini.  
A  18 anni,  la chiamata alle armi  in Aeronautica in un  reparto di stanza a Campo Imperatore (L'Aquila). La  sua funzione: cuoco.   Dopo alcuni mesi  di naja,  la visita  al giovane aviere  di un folta delegazione di parmigiani, compresi  papà e mamma, e lui  premia i suoi ospiti  con un appetitoso   piatto di polpette con un  sugo da leccarsi i baffi.  E poi il ritorno  a Parma   come capo fabbrica  alla Ari. 
 Nel 1975 il  grande  salto come  imprenditore  al timone  della «Ciemme»,  azienda leader  nella confezione  e  controllo  qualità  di  prodotti  in vetro. Al suo fianco  i figli Simona,  Giorgia e Walter e  la paziente  moglie Romana, coordinatrice  dell'azienda  e del personale.  
 Nell'allora circolo Aquila,   con sede in strada Repubblica,   Marvasi  entra  nel 1977 come  socio,  nel 1979  viene  eletto nel consiglio direttivo.  Nel 1996  l'«Aquila» e il «Longhi» si fondono dando  vita  all'attuale  circolo  con sede in  vicolo  Santa Maria che  Marvasi  presiede  dal 1999. 
Una realtà  che  raduna,   con  poche altre,  l'ultima  parmigianità rimasta  e coniuga soprattutto il cuore   in aiuto  dei bisognosi, dei  meno fortunati  e  degli  anziani. 
Il segreto del successo di Corradone? Una squadra  affiatatissima  di amici  fraterni, sezioni che  funzionano  alla perfezione  come «Parmafotografica», una «task force» di cuochi e cuoche d'eccellenza   e il sostegno  di  tanti  amici tra   i quali, uno,  che  Marvasi   cita sempre  con grande  commozione:  l'indimenticato  imprenditore  Erasmo Mallozzi, uomo di sport e  grande  umanità  che gli  fu a  fianco  sia nel circolo che  nel Lions Club Bardi Val Ceno. 
Tanti sarebbero  gli episodi    da citare in questi anni  ai vertici  del circolo.  Però uno  sta a cuore a Corradone  tanto  da fargli  venire gli occhi lucidi: la commemorazione  di  Bruno Longhi, martire  antifascista, che si svolse un paio d'anni  fa in occasione del 25 aprile alla  presenza  della  sorella del martire, Maria,  e di  tanti  parmigiani. 
Per un circolo,  un nome davvero impegnativo   da portare,   ma  che  l'«Aquila Longhi»  porta con onore, orgoglio e tanta fierezza. Una fierezza tutta «oltretorrentina».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • step

    04 Marzo @ 00.36

    complimenti a una persona gentile e di una disponibilita' inusuale

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Piazzale S. Lorenzo:  festa al «Piano A»

Pgn

Piazzale S. Lorenzo: festa al «Piano A» Foto

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Il ds Faggiano si presenta: "Discuto su tutto ma niente rancore. Voglio un rapporto vero con la squadra"

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

2commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie

3commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

3commenti

Polizia

Grazie al gps trova in un campo le macchinette cambiasoldi rubate in via Toscana

1commento

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

Viale Mentana

Un'altra rapina in farmacia: è sempre lo stesso bandito

1commento

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

Salso

Dotti, una vita sulle navi da crociera

IL CASO

Tangenziale di Collecchio: ora la gente chiede la rotatoria

1commento

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

1commento

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

11commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Reggio Emilia

Giovane bastonato e preso a frustate: in manette un 55enne e due figli

MILANO

Berlusconi al San Raffaele per una serie di controlli

SOCIETA'

SOCIAL NETWORK

Fb e YouTube creano database antiterrorismo Video

Campus

Sfera Ebbasta, dal rap al trap

SPORT

Calcio

LegaPro in campo oggi, aspettando il Parma e la Reggiana Tempo reale: Bassano sotto 2-0 in casa con l'ultima in classifica

Parma Calcio

Trasferta, Saporetti ci sarà. D'Aversa: "Nessun alibi anche nelle difficoltà"

FOTOGRAFIA

Parma

Acqua, luce, metamorfosi: le foto di Nencini in San Rocco

Fotofestival

Fra metafisica e Storia: un mese di mostre fotografiche a Montecchio