12°

26°

Quartieri-Frazioni

Legami storici tra Parma e la Calabria: uno studioso li svela e approfondisce

Legami storici tra Parma e la Calabria: uno studioso li svela e approfondisce
3

Margherita Portelli

Il Sud glielo ritrovi nel volto e nella voce, ma Parma – città in cui ha scelto di vivere una manciata d’anni fa– è sempre più spesso protagonista dei suoi scritti. Giovanni Celico, uno fra i maggiori esperti di questioni storiche inerenti la Calabria e la Basilicata a livello nazionale, ha legato la sua storia al Ducato diversi anni fa, quando, ancora studente, venne in città per fare l’impiegato. Era il 1965, ma dopo pochi mesi fece ritorno in Meridione, per conseguire la laurea in Filosofia a Palermo e diventare insegnante di Lettere a Cosenza. Ora, che dopo 40 anni di insegnamento ha fatto ritorno in Emilia per stare vicino ai figli «trapiantati» al Nord, Celico continua la sua attività di giornalista e scrittore «innamorato del Sud», strizzando però l’occhio alle vicende parmigiane. Al suo attivo, il professore 69enne nativo di Praia a Mare, ha una ventina di libri e centinaia di articoli pubblicati su diverse riviste. Nel cassetto, insieme al suo primo contratto a «Il Tempo» che porta la firma di Pino Rauti, conserva ancora i numeri del periodico di cui è stato fino a poco tempo fa direttore, «Diogene Moderno», e pile di libri che trattano le storie nascoste di una terra lontana. «Cominciai a scrivere non appena intrapresi la carriera di insegnante – racconta nello studio della sua abitazione di via Rosselli, quartiere San Leonardo -. Non sono mai stato un appassionato della ''grande'' storia, quanto, piuttosto, di quella che viene definita ''storia minore'': le piccole vicende nascoste, i personaggi». E da quando è a Parma, Celico si è rifugiato nelle biblioteche cittadine per i suoi studi, scoprendo diversi legami tra la nostra storia e la sua terra. «Ho pubblicato articoli di approfondimento sulla storia del legame tra i Sanseverino di Marcellinara, storica casata calabrese, con i Sanvitale – accenna lo studioso -, ma mi sono occupato di Parma anche in tanti altri studi. Dalle antiche origini cosentine di Guido Maria Conforti, proclamato santo nel 2011, alle vicende di alcune illustri dame emiliane dalle radici meridionali del quindicesimo secolo». Lo studio, per il professor Celico, continua quindi ad essere il modo migliore per mantenere il legame con la sua terra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marco

    28 Febbraio @ 08.43

    ma insomma... ormai siamo tutti legati con tutti, questi studi mi sembra che lascino il tempo che trovano...

    Rispondi

  • lara

    27 Febbraio @ 09.32

    X Giluy...non è la frase scritta in dialetto che ti rende una fiera parmigiana...è dei concittadini come te che mi vergogno.Ci vantiamo di essere una città "avanti" e invece come si suol dire mi rendo conto che c'è ancora gente indietro "come il cucco"!Se uno studioso come il signore dell'articolo si interessa alla nostra città dovremmo esserne solo che contenti...al di là della sua provenienza. Non dimentichiamo che anche noi abbiamo i nostri "bei signorotti" ...e ultimamente sulla gazzetta abbiamo letto abbastanza!Meditate gente e siate un pò più umili.Grazie.

    Rispondi

  • giuliano

    26 Febbraio @ 19.33

    ma per carità non ne parliamo neanche ,uno studioso senzaltro del sud che si vuole aleggiare del nord , gornot in tla paia resdor.

    Rispondi

Il video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal Partito Democratico al porno: un milione di clic per "Malena"

Foto dalla pagina Facebook ufficiale di "Malena"

BARI

Dal Partito Democratico al porno: un milione di clic per "Malena"

Benedetta Mazza fuori da «Pechino Express»

Televisione

Benedetta Mazza fuori da «Pechino Express»

Samuele Bersani rinvia tour, problema a corda vocale

musica

Samuele Bersani rinvia il tour: problema a una corda vocale

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Festival Verdi: venerdì la festa inaugurale

PARMA

Festival Verdi: venerdì la festa inaugurale

Lealtrenotizie

Legionella nel quartiere Montebello: 14 casi. Ecco le precauzioni da prendere

Parma

Legionella nel quartiere Montebello: 14 casi. Ecco le precauzioni da prendere

Collecchio

A Gaiano il commosso addio a Leonardo, ucciso da una malattia a 42 anni

Anteprima Gazzetta

Lungoparma, raccolta firme contro le corsie preferenziali Video

ciclismo

Malori, che sfortuna: caduta in gara e frattura alla clavicola

tg parma

Aeroporto: resta il volo per Trapani Video

A1

Incidente in A1: traffico in tilt per ore tra Fidenza e Piacenza Tempo reale

Parma Calcio

Simonetti: "A San Benedetto del Tronto servirà un Parma aggressivo"

PALLAVOLO

Festa con la società rivale: tre ragazzine saranno "processate"

15commenti

Pgn

Concerti d'autunno e nuovi locali

droga

Quando gli spacciatori non se ne vanno...

5commenti

san pancrazio

"Sradicano" il bancomat col carro attrezzi. Ma abbandonano il bottino Video

2commenti

San Polo d’Enza

Scippata dell'iPhone: nei guai tre giovani parmigiani traditi dalle foto-profilo

2commenti

Pericolo

Automobilisti al telefono: multe raddoppiate

17commenti

SICUREZZA

Telecamere, via alla «rivoluzione» Video

7commenti

Tintarella

Abbronzati in autunno: come evitare di «scolorire»

3commenti

stessa posa, stesso luogo

Oggi come ieri: sorrisi e nostalgia Gallery Inviateci le vostre foto

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Lettera di un onesto a un farabutto

3commenti

EDITORIALE

Hillary vince ai punti. Non è detto che basti

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

reggio emilia

Identificato l'uomo trovato morto in un canale

Palermo

Botte agli alunni di seconda elementare: arrestate tre maestre Foto

SOCIETA'

Gazzareporter

Giocoliere al semaforo Foto

C999

Ecco "Timeless", la video-installazione che dà il "la" a Verdi Off

SPORT

Calciomercato

Il Valencia nelle mani di Prandelli

Calcio

Simeone: "Potrei non rinnovare"

CURIOSITA'

foto parmigiana

Amatrice, quel guanciale-simbolo ritrovato tra le macerie e donato ai soccorritori

INTERVISTA

Gianni Bella: «In tv per Mogol»