13°

31°

Quartieri-Frazioni

I senzatetto? Trovano rifugio alla Civica

I senzatetto? Trovano rifugio alla Civica
6

Margherita Portelli
Biblioteca Civica: dove cultura e sociale si incontrano. E, talvolta, si scontrano. È la casa del sapere, la Civica: da oltre 30 anni in vicolo Santa Maria, cuore pulsante dell’Oltretorrente, è stata e continua ad essere un punto di riferimento per generazioni di studenti alle prese con gli esami, e per appassionati lettori intenti a scandagliare gli scaffali. Negli ultimi mesi, però, la biblioteca è divenuta anche un presidio di accoglienza, perché sono diverse decine i senzatetto che, quotidianamente, frequentano i suoi spazi semplicemente per avere un luogo caldo in cui trascorrere le ore.
«Stesse facce, tutti i giorni» assicura qualche dipendente. Sfuggono il freddo e la pioggia rifugiandosi tra i libri, aspettano che faccia sera nei corridoi, nel cortile, o davanti agli schermi dei computer messi a disposizione dall’Istituzione Biblioteche agli utenti.
«Cultura - secondo una bibliotecaria - è anche questo: aprirsi alle culture degli altri, condivisione e soccorso, là dove ce n’è bisogno».
Le tante situazioni di nuova povertà, le emergenze abitative e la mancanza di prospettive determinate anche dalla crisi, però, spesso sono causa di nervosismi e tensioni che sfociano in piccole liti. Inoltre, nelle ultime settimane, la biblioteca è stata oggetto di alcuni atti di vandalismo. Basta guardarsi intorno e osservare: in fondo al cortile della biblioteca, la piccola sala ristoro che dal 2004 ospita gli utenti per una pausa tra una sessione di studio e l’altra, è stata chiusa (momentaneamente a quanto sostengono i dipendenti). Le macchinette del caffè e il distributore di bibite sono ora inaccessibili, e un cartello palesa la chiusura del locale in conseguenza a ripetuti episodi di maleducazione.
Stando alle testimonianze dei lavoratori, alcuni individui un paio di settimane fa avevano danneggiato i locali, arrivando addirittura a urinare sui muri. Da allora si è deciso di impedire l’accesso alla sala. Altri segnali di degrado sono tuttora evidenti (come il lavandino ostruito e intasato nel bagno al piano terra o il totem danneggiato all’ingresso), mentre ad altri è stato posto rimedio (ad esempio la fioriera sfasciata nel cortile, che poi è stata tolta).
Capita, talvolta, che gli addetti ai prestiti debbano calmare gli animi di chi si scalda troppo: «Qualcuno si azzuffa per il posto al computer, ma in questi ultimissimi giorni le cose stanno migliorando. Forse il segnale che abbiamo voluto dare chiudendo la sala ristoro è servito - spiegano da dietro il bancone dei prestiti -. Ci è anche capitato di dover “mandar giù” qualche offesa, nel tentativo di far osservare le regole o di stemperare attimi di tensione. Noi tentiamo di mediare: tutti hanno il diritto di frequentare questo luogo, che è pubblico, ma è importante che l’atmosfera non sia troppo tesa, e che i locali e le regole vengano rispettati».
In un periodo di grosse difficoltà, quindi, ci sono spazi che costituiscono un sollievo irrinunciabile per le fasce di popolazione più disagiate, e che al contempo si fanno ricettacolo di nervosismi connaturati alle difficoltà. Emergenze sociali che si specchiano in uno dei luoghi simbolo dell’Oltretorrente, il quale, come molte altre realtà del quartiere, chiede aiuto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliano

    12 Marzo @ 08.09

    senza tetto? per poco qualche cosa che non funziona c\'è ,bisognerebbe trovare un \r\nposto che fuori dalla città dove si possano autogestire per vivere da soli, perchè \r\nuno che non è autosufficiente e lo devi assistere gli insufficienti diventano tre, mi spiego\r\nuno lo assiste un\'altro deve lavorare per quei due li per mantenerli allora sono tre. un bel danno non c\'è che dire se andiamo avanti cosi si lavora solo per i governanti e i nullafacenti.pensate quanti ragazzi studiano scienze politiche quelli per tuttala vita\r\nnon lavoreranno mai. in italia che lavora fisicamente sarà il 30% tutti gli altri sono nelle\r\nscartoffie. io penso che i senza tetto abbiano capito tutto e che tribulare non ne valga\r\nla pena, ti fai la casa devi pagare i tributi, non la fai te la da il comune perchè sei un\r\nsenza tetto,i deficienti chi sono? chi lavora o chi non fà niente.Italia Italia

    Rispondi

  • luca

    10 Marzo @ 18.01

    non avere una casa non sarà una scelta voluta, comportarsi come bestie si!

    Rispondi

  • francesco brundo

    10 Marzo @ 06.04

    Esser senza casa, non credo sai una scelta razionale e divertente, ma un ripiego, un minimo di tolleranza non guasta e necessita, Non tutti hanno la fortuna di esser su Carosello.

    Rispondi

  • Giuio

    09 Marzo @ 19.26

    ... e bisogna anche stare attenti ad usare la fermezza perchè se si tenta di educarli si è RAZZISTI o si becca una mano di botte da questi poverini !!! bisogna usare le maniere dolci o i metodi delicati e indiretti, perchè poi si offendono. Ma in che inferno di m.... siamo precipitati con le porte aperte all'immigrazione ??? !!! Questi sono i frutti di Riccardi. Sentiti ringraziamenti al ministro per questo letamaio di incivilità d'importazione !

    Rispondi

  • Giuio

    09 Marzo @ 19.20

    questo bel mondo l'avete voluto tutti voi permissivisti, buonisti cattocomunisti. e tutto deve essere tollerato dalla solita retorica e i soliti nauseanti ipocriti giri di parole per cui la cultura serve anche a dare questo tipo di accoglienza alle altre "grandi culture" di cui avevamo sicuramente bisogno. ora la nostra nazione, la nostra città doominate dal degrado e nessuno cerca di migliorare la situazione. ieri sera a tv7 ho asistito a uno spettacolo indegno e vergognoso: un manipolo di comunisti dei centri sociali di bergamo che hanno ostacolato uno sfratto a carico di immigrati che NON pagavano l'affitto da 2 anni. all'arrivo del proprietario si sono messi a dettare condizioni per prorogare lo sfratto. il propietario, che aveva come unico reddito quelle case affittate ai nordafricani, dal momento che anche lui ha perso il lavoro ha dovuto ripegare ed andarsene. ecco cosa sono capaci di fare gli squadristi di sinistra in barba alla giustizia e al buon senso... con la proprietà degli altri. che gentaglia !!!! ecco a chi siamo in mano.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica pomeriggio al Colle San Giuseppe

FESTE

Un pomeriggio al Colle... foto

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

1commento

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Ruspe al lavoro nel laghetto del Ducale (1995)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«+50 no limits» Idee e proposte per i migliori anni

INIZIATIVE

«+50 no limits»: idee e proposte per i migliori anni

Lealtrenotizie

Secondo caso di tubercolosi al Rondani

PARMA

Secondo caso di tubercolosi al Rondani: studente ricoverato al Maggiore

Il ragazzo, minorenne, è in buone condizioni di salute

Parma

Una lettrice: "Stazione, un uomo nudo nel piazzale ma nessuno interviene"

8commenti

Parma

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave Foto

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

7commenti

CASALTONE

Auto esce di strada e si ribalta: ferita una ragazza

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

Criminalità

Salso, anziana rapinata: le rubano catenina e orologio d'oro

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

3commenti

INCIDENTE

Scooter contro auto nel Piacentino: morto 29enne portato al Maggiore

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

MILANO

Assemblea di Parmalat su azione di responsabilità: Amber e Lactalis ai ferri corti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

MONZA

Ragazza violentata per anni e sequestrata per punizione: 24enne in manette

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

Gazzareporter

"En passant", crepuscolo parmigiano

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

1commento

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover