14°

31°

Quartieri-Frazioni

Lettere al direttore - Via D'Azeglio sta morendo

Lettere al direttore - Via D'Azeglio sta morendo
Ricevi gratis le news
55

Egregio direttore,
come negoziante di strada D'Azeglio, prendo lo spunto dalla lettera del sig. Marcello Tosolini, del 6-5-2013. Da parecchio tempo, infatti, sono scomparsi dalla via i cosiddetti «negozi di vicinato» che sono stati sostituiti da pub, bar, kebab, pizzerie da asporto ecc. Alla fine di giugno, a malincuore, qualcuno dei pochi rimasti chiuderà i battenti per diventare paninoteca, yoghurteria e via dicendo. Questo è il risultato di una politica che, avendo trasformato via D'Azeglio nella via dei «locali» e dello «sballo», ha reso impossibile la sopravvivenza delle attività commerciali tradizionali. Tra i residenti, chi può, se ne è andato o sta meditando seriamente  di andarsene se riuscirà a disfarsi di proprietà che, purtroppo, hanno perso il  loro effettivo valore: chi vuole andare ad abitare in una via dove è impossibile lavorare e vivere?
 Se ne vanno i residenti, le poche attività tradizionali rimaste sono destinate a fallire e ciò decreterà la «morte» di una zona della città fino a qualche anno fa vivace, sicura ed attiva proprio grazie alla molteplice presenza di negozi e di offerte capaci di attrarre persone della città e turisti. Il puro divertimento senza regole e lo sballo «low cost» non possono che produrre perdita di identità, degrado, criminalità e, soprattutto, l'estinzione di quella realtà commerciale variegata che dovrebbe caratterizzare il centro storico della nostra città.

Guido Rossi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • simo

    27 Maggio @ 16.47

    non voglio farmi pubblicita' . io ho un negozio di vicinato in oltretorrente , e dato che , ho visto dei commenti , sul fatto che i negozi di vicinato hanno dei prezzi alti, voglio intervenire . allora , intanto il negozietto , non puo' avere gli stessi prezzi delle grosse catene , perché non ha gli stessi costi . io pero' ho dei prezzi bassi , e trovo infatti riscontro , pero' sento sempre dire , la solita frase ...... non venivo da una vita , non ci passo spesso in oltretorrente ...... per cui , io il prezzo basso lo faccio , non ci guadagno , quasi nulla , perché se dovessi calcolare anche le spese di spedizione , dovrei alzarli i prezzi - faccio orario continuato tutti i giorni , anche il giovedì , per dare la possibilita' a tutti di poter visitare il negozio . il problema dove sta allora .... e' che ormai e' comodo , fare sempre le solite vie , andare nei centri commerciali , nelle solite grosse distribuzioni , che poi io questo grande risparmio , non l' ho mai trovato ..... la gente e' comunque abituata cosi' ormai . e' pure se, come me , ci sono dei commercianti che fanno il prezzo basso , non vengono considerati .... io quello che posso fare per aumentare il flusso di gente in oltretorrente , e' andare a Lourdes ... e vedere se accade il miracolo , perché piu' di cosi' non posso fare ......

    Rispondi

  • claudio

    24 Maggio @ 11.31

    @ Maurizio: il famigerato '68, con le sue ipocrite mistificazioni e i suoi falsi idoli (vedi, ad esempio, tante Rockstars strafatte e morte per droga), ha distrutto dalla fondamenta la nostra società occidentale: con le stronz..te delle famose "Comuni" ha delegittimato la famiglia, la scuola e, in generale, il doveroso rispetto verso ogni forma di autorità, di gerarchia, di disciplina; con la ridicola storiella dei "figli dei fiori" ha diffuso la piaga sociale della droga: ha sparso nei giovani il venefico seme dell'abuso e del "tutto è lecito"! Il '68 ha rovinato il mondo! Per i sonori ceffoni a quei VIGLIACCHI (io li chiamo con il loro nome) sono d'accordissimo con te: ogni forma di autorità costituita va rispettata a prescindere e chi sostiene il contrario è solo un povero mentecatto.

    Rispondi

  • Geronimo

    24 Maggio @ 08.28

    Claudio, io non ero presente ma non darei la colpa al 68, io sono figlio di sessantottini ma le sberle le prendevo così come i miei coetanei, piuttosto sono i nipoti dei sassantottini a comportarsi così. Una riflessione, se saranno presi i vandali che hanno lanciato bottiglie alle auto o quelli che hanno picchiato l'autista tep ci sarà una querela da parte dei genitori verso chi ha denunciato il tutto? a spanne io avrei preso qualche schiaffo pesante al limite del telefono azzurro e una punizione di circa un anno, oltre all'estate a lavorare, cosa che peral'tro ho fatto già da 14 anni autonomamente senza costrizioni, come i miei coetanei

    Rispondi

  • claudio

    23 Maggio @ 17.43

    @ Maurizio: concordo e condivido appieno soprattutto la seconda parte del tuo commento. Un tempo rispettati e quasi..."temuti", ormai i genitori sono goffi e patetici complici dei figli. Guai se alzano un dito su di loro o se solo alzano la voce, ecco che insorgono coorti di ipocriti pedagoghi-psicologi e sociologi sinistroidi ad intimare che non si educa così! Questo è solo uno degli effetti della legittimazione di ogni autorità, nella fattispecie la potestà dei genitori sui figli. E anche questo è rovinoso retaggio del delirio sessantottino. Gli sberloni e le pedate nel sedere, invece, erano proprio salutari, eccome!

    Rispondi

  • Geronimo

    23 Maggio @ 14.51

    Claudio, io il buonismo lo chiamo menefreghismo da parte della politica soprattutto nazionale, non abbiamo ne leggi ne mezzi per punire queste persone. Poi c’è un falso buonismo che io chiamerei col proprio nome, opportunismo ed è quello ad esempio delle associazioni di categoria e dei baristi nel caso della movida, il buonismo a pensarci bene lo vedo solamente nei genitori, infatti se prima tu facevi una stupidata e magari prendevi due schiaffi in giro, venivi a casa e ne prendevi altri due dai genitori, adesso fai la stupidata, prendi una semplice sgridata verbale da tizio, vieni a casa dai genitori ed ecco che magari i tuoi genitori querelano tizio….

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Daria Bignardi lascia la Rai

tv

Daria Bignardi lascia la Rai

Fisco: Raul Bova condannato a un anno e 6 mesi

tribunale

Fisco: Raul Bova condannato a un anno e 6 mesi

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

Lealtrenotizie

Fred nella casa, un silenzioso dolore

L'omicidio

Fred nella casa, un silenzioso dolore

LA PERIZIA

Il massacro di Gabriela e Kelly, Turco e il figlio sani di mente

via capelluti

Teneva la pianta di marijuana sul balcone. Ma sono passati i vigili....

partecipate

Stu Pasubio, chiusa l'indagine preliminare. Pizzarotti: "Resto tranquillo"

Ateneo

Università, la corsa alle iscrizioni

Salsomaggiore

Migranti o miss, questo è il dilemma

gazzareporter

Parma, 2017: dormire sotto il ponte

MONCHIO

«Montagna creativa», una start up per il territorio

lavoro

L'osteopatia entra in Barilla: trattamenti per i dipendenti

Per migliorare la resistenza allo stress e in generale la vita dei lavoratori

Prevenzione

«Intervenire sul Baganza»

PARMA

Insigne jr: «Lorenzo è il mio modello»

Comune

Presto al Duc la «Fontana delle religioni»

serie b

Parma, c'è passione: chiusa la prima fase degli abbonamenti a quota 4.700

E oggi seconda amichevole contro la Settaurense (ore 17)

incidente

Tamponamento a catena a Baccanelli: lunga coda in via Spezia

busseto

Operaio 46enne ustionato con la soda caustica Video

Adiconsum

Consigli utili per non sprecare acqua

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga

di Francesco Bandini

6commenti

ITALIA/MONDO

latitante

Tradito dall'amore per una donna: catturato Johnny lo Zingaro

VIDEOTESTIMONIANZA

71enne di Cremona uccisa in Kenya, arrestato il giardiniere

SPORT

CASSANO

Fantantonio e il contrordine del contrordine

1commento

legino

Da Savona: "Cassano vieni qui, ti paghiamo in farinata"

SOCIETA'

gazzareporter

Quando l'imbianchino non c'è... il gatto balla Video

francia

Le fiamme devastano il golfo di Saint-Tropez

MOTORI

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video