Quartieri-Frazioni

Strada Benedetta, una pista piena di rifiuti e piccioni morti

Strada Benedetta, una pista piena di rifiuti e piccioni morti
Ricevi gratis le news
0

Margherita Portelli

Il panorama che si staglia transitando sulla pista ciclopedonale che da strada Benedetta conduce fino a via Doberdò è un crescendo di abbandono. Dal verde che «mangia» l’asfalto, all’altezza dell’incrocio con strada Ugozzolo, ai rifiuti che costeggiano il percorso, procedendo in direzione centro, fino al trionfo del degrado, quando, a passeggio o in bicicletta, ci si ritrova a fianco della struttura che sorregge i binari dell’interconnessione ferroviaria all’alta velocità.
 Sono passati circa quattro mesi da quando una trentina di residenti, sacchi e guanti alla mano, hanno ripulito buona parte della zona, ma la situazione, soprattutto nel tratto di pista ciclabile a ridosso di via Venezia, è nuovamente invivibile. Gli incavi della struttura di sostegno dei binari sono ancora «loculi» di sporcizia, dove la notte trovano rifugio alcuni senzatetto.
 Oltre la recinzione che separa il suolo pubblico dalla proprietà privata di Rfi - Rete ferroviaria italiana (come testimoniano i cartelli) c’è spazio per rifiuti di ogni genere (bottiglie di vetro, vestiti, residui di cibo, sacchetti della spazzatura), ma anche ai lati delle piste ciclabili che corrono parallele a questo serpentone di cemento, di competenza comunale, la situazione non è delle migliori: in poche decine di metri si contano nove piccioni morti, innumerevoli escrementi animali, e non pochi rifiuti (anche là dove, a inizio estete, cittadini e associazioni che avevano deciso di aderire all’iniziativa del Pd, avevano rimosso sacchi di sporcizia, siringhe e molto altro).
 A contare i cestini della spazzatura, invece, si fa molto presto: zero. La situazione, insomma, non è cambiata, e i residenti non hanno smesso di lamentarsi. Tanto che la settimana scorsa, su sollecitazione degli abitanti, alcuni tecnici dell’area Sviluppo e controllo del territorio del Comune, insieme a rappresentanti di Rfi, hanno effettuato un sopralluogo lungo il viadotto, per rendersi conto del degrado imperante e studiare soluzioni volte a garantire la sicurezza e il decoro degli spazi. La volontà è quella di evitare che questa zona continui ad essere un accampamento o una discarica. A sette giorni dalla visita, però, dal Comune rendono noto che: «I tecnici hanno preso atto della situazione e stanno tuttora valutando come poter affrontare le problematiche legate al degrado: la cosa non è di facile soluzione, perché le aiuole recintate sono di competenza di Rete ferroviaria italiana».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

8commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

1commento

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

2commenti

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

MODENA

Ius soli, scontri alla manifestazione: arrestato 28enne antagonista di Parma

Il giovane è stato condannato a 6 mesi (pena sospesa). Due manifestanti al pronto soccorso, 6 agenti lievemente feriti

1commento

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

PARMA

Cremazione di cani e gatti: inaugurato il servizio a Pilastrello

È nato il Ponte dell’Arcobaleno

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

tg parma

Ponte chiuso fra Colorno e Casalmaggiore: protesta sulle due sponde del Po Video

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

PROMO NATALE

Abbonarsi conviene: la Gazzetta digitale con lo sconto del 28%

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande