Quartieri-Frazioni

«Per colpa di quel dosso rischiamo di essere travolti»

«Per colpa di quel dosso rischiamo di essere travolti»
Ricevi gratis le news
1

Margherita Portelli

Quattro famiglie «ostaggio» di una strada.
A compromettere la tranquillità di alcuni residenti di Alberi, in particolare, è un dosso di strada Martinella che quotidianamente centinaia di automobilisti aggirano, invadendo una porzione di asfalto teoricamente non transitabile, e mettendo a rischio la sicurezza dei pedoni e di chi, su quella strada, vorrebbe immettersi, in auto o in bicicletta.
All’altezza del civico 169, pochi passi oltre il centro del paese in direzione Vigatto, il problema persiste da anni.
«Abbiamo fatto diversi esposti in Comune per segnalare la cosa - spiega Tiziana Brandano -. Le auto che arrivano dalla città per evitare il dosso transitano su un tratto di asfalto che è oltre la carreggiata. E spesso anche chi arriva da Vigatto, non vedendo nessuno giungere nell’altra direzione, fa una sorta di pericoloso “slalom” tra le corsie per evitare il dosso. Il risultato è che noi siamo in pericolo ogni volta che, in bici o in auto, ci affacciamo dal nostro stradello per immetterci: rischiamo di essere travolti».
In effetti non bastano le dita di una mano per contare le macchine che in  una  ventina di minuti si cimentano in questa audace - e assai pericolosa - manovra.
«Inoltre la cosa ha procurato anche danni materiali - aggiunge Cristiana Bacchini -: io ho dovuto rifare il marciapiede privato che costeggia la mia casa già due volte, perché è capitato che diverse auto, passandoci sopra, lo distruggessero».
Questo disagio viabilistico (di pochi, ma non da poco) è già stato segnalato tante volte alle autorità.
«A suo tempo avevo scritto all’ex primo cittadino Pietro Vignali, e altrettanto ho fatto con il sindaco Federico Pizzarotti, poco dopo la sua elezione - specifica Mario Miano -; qualcuno è venuto a dare un’occhiata alla situazione, però non è mai stato risolto nulla».
Ma quali potrebbero essere le soluzioni?
«Allungare il dosso non crediamo che abbia molto senso, perché comunque le macchine continuerebbero a invadere questa porzione di asfalto, essendo la carreggiata molto stretta - commentano i residenti -. Per un marciapiede, che tra le altre cose risolverebbe anche il problema del collegamento pedonale da qui al centro del paese, ci hanno detto che non ci sono soldi. Quindi per risolvere la questione l’unica soluzione rimane quella di collocare prima e dopo il dosso, a lato della strada, dei dissuasori di parcheggio che impediscano anche il transito, esattamente come hanno fatto a Vigatto, nei pressi del dosso vicino alla chiesa».
«Non dovrebbe essere una spesa eccessiva - concludono gli abitanti della zona - e basterebbe a risolvere un grosso problema di sicurezza stradale».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliano

    02 Novembre @ 20.22

    anche a pannocchia parcheggiano in strada ma nessuno fa niente,e non si sa il perché in città ti multano se bevi una coca cola nel piazzale . a pannocchia forse riesci anche a fare i tuooi bisogni in strada.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

PACIFICO

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza in centro

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

59 ANNI

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

DIPENDENZA

Una sera con i Narcotici Anonimi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

89 ANNI

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia

Salsomaggiore

«Serhiy Burdenyuk è scomparso: chi l'ha visto?»

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

6commenti

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

anteprima gazzetta

Quei ragazzini terribili che imperversano in centro Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

2commenti

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

violenze su minori

Abusi su due figlie: il "mostro" smascherato da un tema scolastico è il papà

SPORT

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

manifestazione

Bimbi e tifosi abbracciano il Felino (contro tutte le mafie) Gallery

SOCIETA'

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

gazzareporter

Dall'Appennino alle Alpi

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti