brescello

'Ndrangheta: nuovi guai per la famiglia Grande Aracri

'Ndrangheta: nuovi guai per la famiglia Grande Aracri
0

 

Nuovi guai per la famiglia Grande Aracri. Dopo il recente provvedimento di sequestro preventivo di beni per un ammontare di tre milioni di euro emesso nei confronti del pregiudicato Francesco Grande Aracri 59enne residente a Brescello, ritenuto elemento apicale dell’articolazione 'ndranghetista riconducibile alla cosca Grande Aracri di Cutro, lo stesso 59enne e suoi due figli sono finiti nei guai per aver occupato abusivamente un’area demaniale adibendola a magazzino e deposito di beni delle loro aziende, ora sequestrata.
 I carabinieri di Brescello e di Reggio Emilia hanno infatti denunciato alla Procura reggiana il 59enne e suoi due figli di 30 e 23 anni, in quanto ritenuti responsabili del reato di concorso per invasione di terreni ed edifici.
 Per Francesco Grande, il reato è aggravato in quanto compiuto da persona oggetto di misura di prevenzione antimafia. Secondo le risultanze investigative, i tre avrebbero occupato in modo sistematico ed arbitrario l’area demaniale posta in Via Breda Vignazzi nel territorio del comune della bassa reggiana, con mezzi d’opera e numerosi attrezzi per uso edile, nonché con materiale da costruzione e di risulta. 
Si sarebbero anche riservati tale spazio al loro esclusivo uso, delimitandola con reti metalliche e da cantiere. Nell’ambito delle indagini altri due imprenditori (un ventitreenne ed una trentasettenne)  sono stati denunciati per lo stesso reato avendo anche loro occupato con materiale delle loro rispettive aziende la stessa area demaniale. 
Nuovi guai per la famiglia Grande Aracri. Dopo il recente provvedimento di sequestro preventivo di beni per un ammontare di tre milioni di euro emesso nei confronti del pregiudicato Francesco Grande Aracri 59enne residente a Brescello, ritenuto elemento apicale dell’articolazione 'ndranghetista riconducibile alla cosca Grande Aracri di Cutro, lo stesso 59enne e suoi due figli sono finiti nei guai per aver occupato abusivamente un’area demaniale adibendola a magazzino e deposito di beni delle loro aziende, ora sequestrata. I carabinieri di Brescello e di Reggio Emilia hanno infatti denunciato alla Procura reggiana il 59enne e suoi due figli di 30 e 23 anni, in quanto ritenuti responsabili del reato di concorso per invasione di terreni ed edifici. Per Francesco Grande, il reato è aggravato in quanto compiuto da persona oggetto di misura di prevenzione antimafia. Secondo le risultanze investigative, i tre avrebbero occupato in modo sistematico ed arbitrario l’area demaniale posta in Via Breda Vignazzi nel territorio del comune della bassa reggiana, con mezzi d’opera e numerosi attrezzi per uso edile, nonché con materiale da costruzione e di risulta. Si sarebbero anche riservati tale spazio al loro esclusivo uso, delimitandola con reti metalliche e da cantiere. Nell’ambito delle indagini altri due imprenditori (un ventitreenne ed una trentasettenne)  sono stati denunciati per lo stesso reato avendo anche loro occupato con materiale delle loro rispettive aziende la stessa area demaniale. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Ucciso da forma di parmigiano: condannato produttore "spazzolatrice"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

5commenti

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

2commenti

16 dicembre

Valter Mainetti professore ad honorem dell'Università di Parma

Il conferimento alle ore 11 nell’Aula Magna dell’Ateneo

Curiosità

Al seggio col colbacco del «no»

tg parma

Ventenne travolto a Lemignano: è in Rianimazione Video

QUESTURA

Bici rubate trovate al parco Falcone e Borsellino: qualcuno le riconosce? Foto

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Cambridge

Trovata morta ricercatrice italiana: cause naturali

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

pazzo mondo

Venezia: si lancia con il surf da Ponte degli Scalzi

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

calcio e tragedia

L'omaggio agli "angeli-campioni": Coppa sudamericana alla Chapecoense

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)