20°

31°

brescello

'Ndrangheta: nuovi guai per la famiglia Grande Aracri

'Ndrangheta: nuovi guai per la famiglia Grande Aracri
0

 

Nuovi guai per la famiglia Grande Aracri. Dopo il recente provvedimento di sequestro preventivo di beni per un ammontare di tre milioni di euro emesso nei confronti del pregiudicato Francesco Grande Aracri 59enne residente a Brescello, ritenuto elemento apicale dell’articolazione 'ndranghetista riconducibile alla cosca Grande Aracri di Cutro, lo stesso 59enne e suoi due figli sono finiti nei guai per aver occupato abusivamente un’area demaniale adibendola a magazzino e deposito di beni delle loro aziende, ora sequestrata.
 I carabinieri di Brescello e di Reggio Emilia hanno infatti denunciato alla Procura reggiana il 59enne e suoi due figli di 30 e 23 anni, in quanto ritenuti responsabili del reato di concorso per invasione di terreni ed edifici.
 Per Francesco Grande, il reato è aggravato in quanto compiuto da persona oggetto di misura di prevenzione antimafia. Secondo le risultanze investigative, i tre avrebbero occupato in modo sistematico ed arbitrario l’area demaniale posta in Via Breda Vignazzi nel territorio del comune della bassa reggiana, con mezzi d’opera e numerosi attrezzi per uso edile, nonché con materiale da costruzione e di risulta. 
Si sarebbero anche riservati tale spazio al loro esclusivo uso, delimitandola con reti metalliche e da cantiere. Nell’ambito delle indagini altri due imprenditori (un ventitreenne ed una trentasettenne)  sono stati denunciati per lo stesso reato avendo anche loro occupato con materiale delle loro rispettive aziende la stessa area demaniale. 
Nuovi guai per la famiglia Grande Aracri. Dopo il recente provvedimento di sequestro preventivo di beni per un ammontare di tre milioni di euro emesso nei confronti del pregiudicato Francesco Grande Aracri 59enne residente a Brescello, ritenuto elemento apicale dell’articolazione 'ndranghetista riconducibile alla cosca Grande Aracri di Cutro, lo stesso 59enne e suoi due figli sono finiti nei guai per aver occupato abusivamente un’area demaniale adibendola a magazzino e deposito di beni delle loro aziende, ora sequestrata. I carabinieri di Brescello e di Reggio Emilia hanno infatti denunciato alla Procura reggiana il 59enne e suoi due figli di 30 e 23 anni, in quanto ritenuti responsabili del reato di concorso per invasione di terreni ed edifici. Per Francesco Grande, il reato è aggravato in quanto compiuto da persona oggetto di misura di prevenzione antimafia. Secondo le risultanze investigative, i tre avrebbero occupato in modo sistematico ed arbitrario l’area demaniale posta in Via Breda Vignazzi nel territorio del comune della bassa reggiana, con mezzi d’opera e numerosi attrezzi per uso edile, nonché con materiale da costruzione e di risulta. Si sarebbero anche riservati tale spazio al loro esclusivo uso, delimitandola con reti metalliche e da cantiere. Nell’ambito delle indagini altri due imprenditori (un ventitreenne ed una trentasettenne)  sono stati denunciati per lo stesso reato avendo anche loro occupato con materiale delle loro rispettive aziende la stessa area demaniale. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Morto svedese Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Lutto nel cinema

E' morto l'attore Michael Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

Serena Williams sulla copertina di Vanity (Ed. Usa)

Il caso

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli

Autovelox (foto d'archivio)

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana 

Lealtrenotizie

Fa la pipì in piazzale Matteotti: 450 euro di multa

polizia municipale

Fa la pipì in piazzale Matteotti: 450 euro di multa

Multato anche un uomo disteso sulla panchina

3commenti

il caso

Vetri rotti, vandali/ladri in azione: la mappa dell'emergenza

1commento

disagi

Temporale su Parma: cellulari, problemi a singhiozzo sulla linea Tim

2commenti

paura

70enne si ritrova con i ladri in casa in zona via La Spezia

2commenti

contratto

Lucarelli crociato per il 10° anno: sarà il più vecchio della B

6commenti

carabinieri

Presi e denunciati i due scippatori di Monticelli: sono giovanissimi

3commenti

Acquedotto

Guasto riparato, torna l'acqua in via Spezia

Il ripristino dell'erogazione è già avvenuto a fine mattinata, dopo una breve interruzione

IL CASO

Truffa milionaria, agente immobiliare condannato a 7 anni e mezzo

furti

Svaligiato il circolo Rapid

2commenti

ATENEO

Preghiera musulmana, inaugurato lo spazio

26commenti

il caso

Sequestro Dall'Orto, nuove indagini dopo 29 anni

TRIBUNALE

Armi e bossoli in casa, primi due patteggiamenti per la banda dei sardi

Intervista

Ermal Meta: «Il mio sogno si chiama musica»

La foto "virale"

Gocce di pioggia su di loro: ed è record di clic

Impresa

L'America's Cup parla parmigiano

SERIE B

Le vacanze dei crociati

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Pd, quanti errori dietro l'ennesima batosta

di Stefano Pileri

10commenti

ITALIA/MONDO

salute

Vaccini: in Sardegna, tetano dopo 30 anni. Morta bimba a Roma per morbillo

Lavoro

"Furbetti del cartellino": 50 indagati a Piacenza

SOCIETA'

salute

Drogometro, in 8 minuti scova gli ''sballati'' alla guida

INFORMATICA

Maxi attacco hacker in Russia e Ucraina

SPORT

SEMIFINALE

Gli azzurrini in dieci: la Spagna dilaga

vela

Coppa America, trionfo New Zealand. Primo sfidante Luna Rossa. Azzurra? Forse torna

MOTORI

LA PROVA

Nissan, 10 anni di Qashqai. Ecco come va il nuovo Foto Dati tecnici

ANTEPRIMA

Arona, ecco il Suv compatto secondo Seat