15°

29°

Provincia

Rifiuti, Reggio chiede di fare il pre-trattamento a Parma

Castellani ribadisce: non si parla di incenerimento. Cala la tariffa di smaltimento da 170 a 154 euro a tonnellata

Differenziata a Salsomaggiore

Differenziata a Salsomaggiore

Ricevi gratis le news
17

Reggio Emilia ha chiesto alla Provincia di Parma di poter effettuare il pre-trattamento dei rifiuti nell'impianto del Cornocchio. I rifiuti d'Oltrenza, se la proposta venisse accolta, non sarebbero bruciati nell'inceneritore ma sarebbero poi smaltiti nella discarica attiva nel Reggiano. E' stato detto questa mattina in conferenza stampa dall'assessore Giancarlo Castellani. 
Nel pre-trattamento si separano i rifiuti recuperabili da quelli che dovranno essere smaltiti in via definitiva. La Provincia di Reggio ha chiesto di poter fare il pre-trattamento (visto che il suo impianto è ancora in costruzione) a Parma a partire da luglio per tre anni, per un totale di 450mila tonnellate di rifiuti. La Provincia di Parma e la presidente quella di Reggio Sonia Masini si incontreranno per discutere la richiesta. Castellani ha comunque ribadito che non si parla di smaltire i rifiuti reggiani nell'inceneritore. 

L'assessore ha poi spiegato che cambia la tariffazione per lo smaltimento dei rifiuti. Con Atersis è stata stabilita una tariffa di 154 euro a tonnellata, mentre ora è di 170. Questo farà risparmiare oltre 1,1 milioni di euro all'anno per lo smaltimento ma è difficile dire ora se e quanto risparmieranno i cittadini in bolletta. 

 

Il comunicato della Provincia di Parma

Per il territorio di Parma la tariffa di smaltimento rifiuti si annuncia più leggera. La buona notizia arriva da Giancarlo Castellani assessore provinciale all’Ambiente e presidente del Consiglio locale di Atersir. Pochi giorni fa l’organismo ha deliberato il valore della tariffa di smaltimento rifiuti all’impianto di incenerimento di Parma che sarà di 154 euro a tonnellata contro le quasi 170euro attuali. Il risparmio è di 16 euro a tonnellata e se si considera che il termovalorizzatore ha una capacità di smaltimento di circa 70mila tonnellate di rifiuti urbani, il risparmio complessivo è di 1 milione e 120 mila euro. Le bollette per l’utenza saranno dunque calmierate. “Ci eravamo impegnati in questo senso e siamo riusciti a cogliere questo obiettivo” – ha detto Castellani questa mattina nel corso di un incontro con la stampa rivendicando il ruolo di una Provincia che produce fatti e agisce con senso di responsabilità. Anche di fronte alla richiesta proveniente dalla Provincia di Reggio Emilia che con la cessazione dell’attività di incenerimento, e nella impossibilità di smaltire il rifiuto cosiddetto tal quale nelle proprie discariche, ha chiesto dal luglio 2014 al giugno 2017 l’utilizzo dell’impianto del Cornocchio, fermo però da due anni, per il pretrattamento dei rifiuti urbani provenienti da quel territorio che saranno poi smaltiti nelle discariche del reggiano.

 

“La Provincia di Reggio è sostanzialmente in emergenza – ha spiegato Castellani – due anni fa ha fatto la scelta di spegnere l’inceneritore confidando di far leva sulle proprie discariche e con un impianto di trattamento meccanico-biologico ancora da realizzare. Reggio Emilia è sprovvista di impianti di pretrattamento mentre a Parma ne abbiamo due, uno a Borgotaro e l’altro al Paip. Abbiamo risposto in termini interlocutori, chiedendo un incontro fra presidenti perché ci sono molti aspetti da discutere”: Fra questi ad esempio, il fatto che si tratta di far viaggiare in tre anni fra i due territori 450mila tonnellate di rifiuti, senza nessuna previsione di calo della produzione.
“Parlare di rifiuti è facile – continua - la gestione è più complicata, esige una responsabilità grande. In questi anni abbiamo assistito a proclami di tutti i tipi e noi non siamo mai scesi sul terreno della polemica ma abbiamo sempre agito per mettere il territorio in sicurezza. Oggi possiamo dire – ha continuato – che la nostra scelta è stata corretta, ci siamo dotati di un sistema avanzato a livello europeo.
E poi c’è la raccolta differenziata a livelli da podio regionale e nazionale. “Dove il nostro ruolo ha più peso – ricorda l’assessore - arriviamo al 72% e continuiamo a crescere”. Il capoluogo secondo il consuntivo 2013 è a 53,6% con punte al 60% nei primi mesi dell’anno. “Facciamo il tifo – dice ancora Castellani – ma noi abbiamo raggiunto questo risultato con un lavoro paziente, coinvolgendo la comunità e nei tempi che servivano. Ci auguriamo che le stesse modalità possano servire anche a Parma”.
Oltre al dato sulla differenziata Castellani ha ricordato le nuove azioni come la sperimentazione già in corso della tariffazione puntuale adottata da Felino, Colorno, Sorbolo e Mezzani e Medesano.

Rispondendo poi alle domande sul teleriscaldamento e l’avvio di una seconda linea del termovalorizzatore (questione posta in una comunicazione da Legambiente), Castellani ha precisato che la questione sarà oggetto fra breve della Conferenza dei Servizi. “La rete di teleriscaldamento è un elemento qualificante dell’impianto e un impegno assunto che va portato a termine” – ha commentato.
Sarà presente all’inaugurazione dell’impianto di Ugozzolo, gli chiedono? “Non abbiamo nulla da temere, abbiamo agito con la massima coerenza e trasparenza – risponde - siccome abbiamo tenuto sempre un ruolo istituzionale molto forte e siccome siamo autorità competente sulle autorizzazioni alcune delle quali hanno un procedimento aperto, faremo le nostre valutazioni.
E sulla provenienza dei rifiuti da fuori, una volta che le Province non ci saranno più? “Abbiamo autorizzato l’impianto per lo smaltimento di rifiuti locali sia urbani che speciali – dice - l’autorizzazione è vigente e l’abbiamo ribadita con una delibera di giunta in tempi recenti e quindi noi oggi siamo fermi lì”.
Su questo tema si discuterà anche nel prossimo Consiglio provinciale, con un ordine del giorno presentato dalla maggioranza nel quale si ribadisce la scelta fatta dalla Provincia.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    27 Marzo @ 20.22

    I 28 MILIONI non erano un "merito" di Pizzarotti , ma di Vignali , che , da alcune intercettazioni , sembrerebbe possibile lo abbia fatto in combutta col GCR. Pare che lo stesso Folli abbia implicitamente rafforzato questo sospetto dicendo che, pur di fermare l' inceneritore , erano disposti ad allearsi con chiunque.

    Rispondi

  • HARRIS

    27 Marzo @ 10.54

    Non so se la Gazzetta di Parma lo ha già pubblicato ma si apprende che sfumano i 28 milioni di risarcimento chiesti dal gestore al Comune di Parma. Il tribunale ha dato ragione all'amministrazione, nessun danno al Paip dal fermo temporaneo del cantiere. Ritengo che sia opportuno fare un articolo in alto in home page. E' una notizia molto importante che mette a tacere certi politicanti dell'opposizione che dicevano ""per colpa di Pizzarotti dovremo pure pagare 28 milioni di multa"" . REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Come vedi, abbiamo verificato e poi abbiamo seguito il tuo consiglio e la tua segnalazione. Grazie

    Rispondi

  • StekkoPardo

    27 Marzo @ 09.05

    Leggo i commenti e mi pare che siano pochi quelli che hanno capito che i rifiuti di Reggio arriveranno solo per essere pre-trattati presso l'impianto al cornocchio e non verranno inviati all'inceneritore (cioè bruciati). Difficile fare ragionamenti costruttivi, quando non si è chiaro il contesto.

    Rispondi

  • Lanfranco

    27 Marzo @ 07.27

    ma l,ex sindaco di reggio ora ministro non torceva la bocca per la scelta dell, inceneritore fatta responsabilmente dalla provincia di parma, diceva che lui aveva capito tutto....

    Rispondi

  • Vercingetorige

    27 Marzo @ 07.20

    MAURIZIO , basterebbe che lei andasse a Verona , o , se vuol essere mio gradito ospite , venisse in Trentino - Alto Adige ,per vedere che ci sono le isole ecologiche , e non la sciocchezza dei sacchettini personali . La differenziazione fatta in un apposito stabilimento , con apposito personale ed apposite attrezzature , potrà forse non essere il massimo della perfezione , ma è senza dubbio incomparabilmente ed infinitamente meglio di una "differenziata" lasciata alla misericordia di ciascun singolo utente.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Magiafuoco/2

monchio

Se in Appennino arriva Mangiafuoco Video

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

6commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

2commenti

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

10commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

2commenti

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

22commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SOCIETA'

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

Usa

Quando la "diva" Luna oscura totalmente il sole  Foto

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti