16°

31°

maria guida

«Prima lo stretching. E poi dosate le energie»

I consigli della campionessa che ha corso due volte la Cariparma. «La cinque chilometri l'anno scorso, “in incognito”»

Maria Guida

Maria Guida

Ricevi gratis le news
0

Mancano circa due settimane alla Cariparma Running 2015. Dopo quelli sull’alimentazione, gli allenamenti, la preparazione atletica, oggi i consigli arrivano da una podista che la Cariparma l’ha corsa e che anche in questa gara ha saputo lasciare un segno indelebile. Maria Guida ha 49 anni e corre da quando ne aveva 13. «Mia madre non voleva, ma io seguivo i miei fratelli che gareggiavano. Poi sono riuscita a correre la mia prima competitiva e da allora non mi ha fermata più nessuno. Alla fine mia madre si è rassegnata e io ho iniziato a calcare prima la strada e poi la pista». E sia in strada che in pista Maria Guida ha raccolto soddisfazioni.
Nel 1999, quattro anni dopo aver stabilito il record italiano femminile sui 10 mila e tre anni prima di conquistare la vittoria europea in maratona, è venuta a Parma a correre la 21 km: un «lungo» di allenamento in vista della maratona di Carpi. Era la prima edizione al femminile della mezza maratona targata Cariparma Running (fino all’anno precedente solo maschile) e quel «lungo» le portò bene: vinse, stabilendo quello che ancora oggi è il record femminile della gara (un'ora e 11 minuti) e anche un mese dopo a Carpi, segnando il suo personal best sulla 42 km (2h 25’ 57’’) e registrando il nuovo record – ancora imbattuto – della Maratona d’Italia.
«Ancora non vivevo a Parma – racconta – e ricordo che il percorso mi sembrò bellissimo, perché toccava alcuni dei punti più belli della città». Non è stata l’unica volta che ha corso la Cariparma: «L’ultima un anno fa, ma la 5 km, “in incognito”. Ci tenevo a dare il mio contributo per la raccolta benefica».
Oggi pensa a chi sta per affrontare questa gara per la prima volta. «A chi non è abituato a correre almeno 2-3 volte a settimana consiglio la 5 km; buttarsi in una 10 km senza avere abbastanza chilometri nelle gambe vorrebbe dire non finirla o finirla male, faticando troppo o con qualche fastidio fisico. Si perderebbe il gusto della corsa e anche la voglia di provarci di nuovo e sarebbe un peccato. Meglio andare per gradi».
Quanto agli obiettivi, dice Maria, ognuno ha i suoi: «C’è chi corre solo per tenersi in forma e fare attività fisica. A loro consiglio di correre in compagnia, perché aiuta a sentire meno la fatica e rende l’allenamento più piacevole. Chi invece ha obiettivi di tempo, di qualunque tipo, deve seguire una preparazione specifica. Se non ci si allena con criterio e con metodo non si ottengono risultati. La cosa migliore è farsi seguire da un preparatore, qualcuno che abbia un po’ di esperienza, e che sappia definire un programma».
Maria Guida lo sa bene; lei stessa segue alcuni podisti: «Anche tra gli amatori c’è la voglia di migliorare, di superare i propri limiti. Certo, i risultati non si conquistano in pochi giorni: servono mesi, a volte anni, ma la costanza prima o poi paga, anche in gara».
Già. La gara. Per chi si è posto l’obiettivo di correre la sua prima Cariparma Running, il 13 settembre 2015 sarà il grande giorno: «E’ importante, nell’ultima settimana, fare delle sedute di allenamento adatte, tra lenti, progressioni e ripetute a ritmo gara. C’è chi non corre mai il giorno precedente, per il timore di affaticarsi troppo: io l’ho sempre fatto, perché mi aiutava a “sciogliere” le gambe, ma ai fini della preparazione non fa differenza, quindi è giusto che ognuno faccia quello che si sente».
Qualche consiglio da esperta? «Prima della partenza fate almeno 15’ di riscaldamento, 5’ di stretching e qualche “allungo” in progressione. Partite piano, senza strafare, per dosare le energie, ma se, presi dall’entusiasmo, doveste partire troppo forte cercate di trovare appena possibile il vostro passo, quello che avete testato in allenamento e mantenetelo. Approfittate degli spugnaggi per rinfrescarvi ma, se non è necessario, non fermatevi. Se agli ultimi due chilometri vi accorgete che la respirazione è ancora regolare, allora provate ad accelerare».
E se dovesse sopraggiungere la voglia di mollare? «Se è per un problema fisico, un fastidio che non passa o uno stiramento, fermatevi, per non rischiare di peggiorare le cose. Se invece è un problema “di testa”, rallentate, fate dei respiri profondi, riempitevi di energie e pensieri positivi e provate a ripartire. Infondo l’obiettivo è arrivare al traguardo».

Aspettando la Cariparma Running: guarda tutti gli articoli del nostro speciale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

LA STORIA

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

1commento

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

4commenti

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

2commenti

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

Terremoto

I parmigiani ad Ischia: «Notte di paura»

1commento

Due colpi in poche ore

Nuova rapina ad un bancomat

2commenti

COLORNO

50 anni fa Mazzoli divenne il re della motonautica

TRIBUNALE

Blitz notturno nel bar di via Bixio, condannato il ladro

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

2commenti

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

3commenti

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Anteprima gazzetta

Traversetolese eroe salva la vita ad un uomo che stava annegando

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

7commenti

ITALIA/MONDO

bologna

Falso allarme nella stazione Bologna, taniche di diluente abbandonate

roma

Uova contaminate: altri due casi scoperti dai Nas

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

Irlanda

Il bodybuilder al supermarket è uno show

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti