11°

29°

L'intervista

Fritelli: «Partiamo dal basso, ma vogliamo risollevare Salso»

«Un Piano turistico biennale ricco di eventi. Terme privatizzate al massimo entro 2 anni»

Filippo Fritelli

Filippo Fritelli

0

 

Presto, a Salso, ci si preparerà per la nuova stagione turistica. La prima dell'era Fritelli, il giovane sindaco (compirà 30 anni a maggio) del Pd. Che oggi traccia un primo bilancio della sua attività amministrativa a otto mesi dalla vittoria elettorale.
Sindaco, quali sono le tre cose principali che è riuscito a fare - o a far partire - in questo lasso di tempo?
Una prima importante riorganizzazione della macchina comunale, che era bloccata da tanti anni. A cominciare dalla nomina del segretario generale, da una rotazione di alcune deleghe dirigenziali, a una maggiore attenzione rispetto ai vari uffici, cercando di dare maggiore funzionalità al Comune.
Poi la ripresa di un ascolto dei cittadini: le assemblee di quartiere, i ricevimenti miei e degli assessori, le risposte che diamo sia per vie istituzionali, ma anche informali. Siamo tra i primi a fare un certo uso del web, dei blog, di Facebook, vere piazze virtuali… Certo è più faticoso, ma credo che oggi ne valga la pena. Terzo: entro febbraio verrà portato in Consiglio il piano turistico biennale 2014-2015. E’ un complesso di attività, nero su bianco, che si basano sull’aumento delle manifestazioni di tutti i tipi e su una regolamentazione più generale di quello che è il ''sistema Salso''. Lo schema che insieme all’assessore Isetti abbiamo voluto impostare è questo: un evento importante al mese e poi un arricchimento di tutto il calendario. Ovviamente a costi accettabili.
Il 20 maggio ci sarà l'arrivo della tappa del Giro d’Italia, evento che qualcuno ha già criticato per i costi che, dicono, non giustificherebbero il «ritorno» che l'evento avrà per la città. Quanto realmente costa al Comune? Si dice 100 mila euro...
Più o meno, ma è in corso una trattativa e la cifra non è ancora definita. Ma va detto che abbiamo ricevuto anche contributi da vari enti quali Camera di commercio e Provincia. E poi i soldi che vengono spesi sono finalizzati sì alla tappa, quindi alle 1500 presenze che ci saranno e al ritorno mediatico con una grande visibilità, ma ci saranno anche tanti eventi di carattere sportivo, musicale, eccetera che arricchiranno il maggio salsese.
Quindi soldi spesi bene...
Il Comune ha pochi soldi e vogliamo che le spese diventino un ''moltiplicatore'': se ci mettiamo 10, tanto per intenderci, vogliamo che diventino 100. E comunque, sia chiaro, non sarà l’unica iniziativa che faremo durante l’anno.
Parliamo delle Terme. Dopo l'incarico dato alla nuova dirigenza, sinceramente, cosa vede nel futuro dell'azienda termale?
Nel recente Consiglio aperto ai cittadini, oltre che trasparenti abbiamo cercato di essere onesti, fornendo i dati di fatto. Abbiamo due obiettivi: uno a breve termine, che è quello di cercare di portare avanti, a poche settimane dalla riapertura degli stabilimenti, una riorganizzazione interna seria, senza spendere risorse ma ad esempio dando responsabilità, fornendo risposte ai clienti, migliorando l'aspetto medico-sanitario. Poi, sul medio periodo, perchè il lungo non possiamo permettercelo, cercare imprenditori che abbiano voglia di investire sulle diverse linee di business di questa azienda.
Ma per essere privatizzata l'azienda dovrà essere appetibile...
Certo, occorre riorganizzarla, ridurre i costi e fare accordi con le banche finalizzati all'ingresso di privati.
Per medio periodo cosa intende?
Quest'anno, al massimo l'anno prossimo. Sicuramente ben prima della fine del mandato amministrativo. Insomma, i miracoli non li sa far nessuno. Cerchiamo di fare ragionamenti di buon senso e una buona amministrazione. Soprattutto puntiamo alla «cura» di tutto, sia per le terme che per il Comune, stare «addosso alle cose», seguendole e non lasciandole a loro stesse. Partivamo da una situazione difficile, una città un po' lasciata andare. Da un livello basso vorremmo portarla, nel breve periodo, almeno a un livello di sufficienza. Cioè invertire la tendenza.

Un gruppo di dipendenti «cassaintegrati» delle Terme ha fatto una proposta concreta: formare una cooperativa per prendere in gestione gli alberghi Porro e Valentini e i bar degli stabilimenti termali. Lo vede come un progetto realizzabile?
Abbiamo già risposto loro. E' encomiabile il tentativo di voler darsi da fare e tornare ad esser padroni del proprio destino. L'operazione però deve essere economicamente sostenibile, soprattutto in vista dell'entrata di privati. Il tutto deve essere finalizzato a un progetto imprenditoriale.
Che fine farà il Tommasini?
Presto partiranno i lavori per sistemare e riaprire il parco, abbiamo le risorse accantonate. Sarà il primo step.
Un parco per chi?
Per le famiglie, le scuole e magari nel fine settimana per intrattenimenti, piccoli eventi...
E la struttura?
Stiamo valutando un progetto.
Che prevede di trasformarlo in un polo formativo?
Sì, con una destinazione scolastica e formativa, ma è ancora un progetto da definire. Parliamoci chiaro: se domani venisse ''mister miliardo'' e lo volesse comprare lo venderemmo subito, ma occorre essere realisti e non bisogna lasciarsi sfuggire progetti, magari più contenuti, ma interessanti.
Dopo diversi anni si rimetterà mano in modo organico al Psc. Quali sono i criteri sui quali si baserà la variante?
Chi costruirà dovrà farlo in classe A e seguendo determinati criteri di carattere energetico e ambientale. Lo scopo sarà favorire la riqualificazione e limitare il consumo del suolo. Poi ci sono centinaia di domande di declassificazione che vogliamo accogliere per sgravare i cittadini di quella quota di Imu.
Torniamo al turismo: crede nel progetto «Club di Prodotto» che prevede, partendo da un'iniziativa dei privati, un contributo della Regione?
Ci credo molto, perchè l'assessore regionale Melucci è venuto qui e si è esposto parecchio per sostenere Salso. Per riprendere una promo-commercializzazione di un certo tipo, unendo tutta l'imprenditoria privata, e far tornare a parlare di Salso in un certo modo credo sia lo strumento più efficacie. Ora sta agli imprenditori andare avanti, noi possiamo dare una mano, ma la partita è in mano a loro. Il Comune è un garante e un regolatore, non un imprenditore.
Parliamo invece del Centro commerciale naturale, iniziativa che non ha mai spiccato il volo...
E' un modo per tenere insieme i commercianti, può essere uno strumento per risolvere il problema del decoro dei negozi sfitti, ad esempio.
Certo i commercianti chiedono allo Stato e al Comune di pagare meno tasse...
Stiamo facendo un lavoro enorme sulla Tares. Abbiamo tolto la raccolta dell'organico nel forese e ci sarà uno sconto per chi farà compostaggio. Poi ci sarà l'arrivo di una bilancia all'isola ecologica di Ponte Ghiara: chi consegnerà vetro o plastica, per esempio, avrà degli sconti e questo lo vedo come un incentivo soprattutto per le attività, come bar e pizzerie.
Strade disastrate, tema dolente. Sindaco, lei percorre in auto la strada di Costa Marenga?
Sì, la faccio, ma se posso la evito... (ride, ndr). Scherzi a parte: stiamo dirottando risorse pubblico-private e alienazioni destinate in origine per opere nuove sulla manutenzione delle strade e del verde. E' ovvio che i lavori si faranno in primavera e in estate. Cercheremo di fare almeno un intervento per ogni quartiere o frazione. E di farlo bene. Riqualificare e far manutenzione.
I tabianesi, come sostengono, sono davvero cittadini di ''serie B''?
E' vero, sono diventati un po' dei fratelli minori... ma non deve essere più così. La settimana scorsa abbiamo votato in Giunta la delibera per l'abbassamento dei valori catastali del 20% dei soli alberghi di Tabiano, sia chiusi che aperti. Poi, invito gli imprenditori tabianesi ad aderire alle politiche sulla Tares. E ancora, promuoveremo l'abbassamento dei valori per i cambi di destinazione d'uso. In pratica, abbassando i costi vogliamo favorire il cambio di destinazione per gli alberghi dismessi.
E per le Terme Respighi?
Nell'ambito della riorganizzazione ci saranno novità anche per Tabiano, spero migliorandone il presidio medico-sanitario e con una miglior accettazione dei clienti.
Dall'8 gennaio è chiusa la biglietteria della Stazione ferroviaria: avete avuto risposta da Trenitalia alla lettera di sollecito per una riapertura?
Siamo ancora in attesa di una risposta. Crediamo che un servizio di biglietteria debba essere garantito quantomeno come lo è stato fino all'8 gennaio scorso.
Sindaco, uno dei momenti più intensi della sua campagna elettorale è stato l'incontro con Matteo Renzi, venuto a Salso per sostenerla, e che allora era «solo» primo cittadino di Firenze. Ora è segretario del Pd in profumo di premierato. Se andrà al Governo cosa potrà cambiare per lei e per Salso?
La situazione politica nazionale è molto caotica. L'elezione di Renzi a segretario è stato un segnale moto importante. Credo sia nato un partito nuovo, diverso, più aperto, più propositivo. Renzi potrebbe portare per noi una politica di sostegno dei Comuni, che sono la colonna vertebrale dell'Italia. E' grazie ai difficili equilibri che i Comuni devono gestire che vengono garantiti molti importanti servizi alla collettività. I Comuni vanno aiutati, non vessati.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Furti all'Esselunga

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

3commenti

Anteprima Gazzetta

Inchiesta Pasimafi: spariti due computer, giallo all'ospedale Video

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

2commenti

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

8commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

7commenti

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

5commenti

gazzareporter

Boccone avvelenato? Allarme in Cittadella Le foto

L'INIZIATIVA

Parma città creativa dell'Unesco: nasce la Fondazione

L'organismo è aperto. Per ora ne fanno parte Comune, Fiere, Upi, Cciaa e Università

tardini

Al via la prevendita per Parma-Lucchese

sondaggio

Dall'anno prossimo torna la Serie C (addio Lega Pro): siete d'accordo?

4commenti

Elezioni 2017

Cattabiani denuncia un attacco hacker al suo sito e parla di atti intimidatori

polizia

Danneggia un'auto nel cuore della notte in via Emilio Casa: denunciato 48enne

1commento

WEEKEND

Cantine aperte, moto, maschere: 5 eventi da non perdere

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

TAORMINA

G7, bozza finale: sì alla difesa dei confini Video

torino

Con la fionda riforniva di droga il figlio in carcere: condannata

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima