17°

31°

Salute-Fitness

L'Aido: combattere la disinformazione

Ricevi gratis le news
0

 Il calo delle donazioni non è preoccupante per Stefano Cresci, presidente provinciale Aido, visto che è dovuto principalmente alla diminuzione della mortalità nei reparti di rianimazione. 

Ma Cresci è consapevole del fatto che bisogna agire su quel circa 20% di persone che ancora si rifiutano di donare i propri organi o quelli dei propri famigliari.
Il pericolo della disinformazione 
 «La disinformazione nelle persone crea delle paure irrazionali - commenta Cresci -. E' lì che noi dobbiamo agire, spiegando ai cittadini tutto quello che c'è da sapere con dei dati precisi. La legge sull'accertamento della morte, in Italia, è una delle più rigorose. E se dopo un evento tragico si possono salvare delle persone, perché non farlo?». 
Mortalità in diminuzione
 Per Cresci, comunque, la diminuzione delle percentuali di donazione deriva da parecchie cause. 
«La principale è che i reparti di rianimazione funzionano sempre meglio e la mortalità si è abbassata. E per fortuna - spiega il presidente dell’Aido -. Esiste poi sempre una percentuale di opposizioni esercitate dalle famiglie. Su base regionale è un dato stabile attorno al 32%, mentre a Parma è leggermente inferiore e di questo siamo contenti. Sicuramente è un dato ribassabile, ma legato alla cultura, non solo dei nuovi italiani che spesso sono restii, ma di italiani stessi che non sono informati sull'argomento».
Il futuro
 I dati a Parma, per il futuro, sono comunque confortanti. «A oggi sono 24 mila gli iscritti all’Aido provinciale - afferma Cresci -. Sono una percentuale molto alta e sono tutti potenziali donatori. Ogni maggiorenne ha possibilità di esprimere la propria opinione attraverso alcune dichiarazioni ufficiali: l’iscrizione all’Aido, il consenso (o l’opposizione) registrato al registro Sit dell’Ausl (sistema informativo centro nazionale trapianti) oppure la dichiarazione scritta di proprio pugno mantenuta nel portafoglio con tutti i dati anagrafici». 
Al di là dei dati positivi, però, il bisogno di organi è costante: «Noi siamo sempre preoccupati: ogni anno in Italia muoiono 600 persone in lista di attesa, perché un organo non arriva in tempo. E questo dipende anche dal fatto che qualcuno si è opposto alla donazione. Per migliorare le cose, la nostra strategia è quella di informare sempre di più la popolazione. Ma questa azione di sensibilizzazione non deve provenire solo dal mondo del volontariato, ma anche dalle istituzioni. Organizziamo progetti con le scuole da 15-20 anni e anche quest’anno si ripeteranno coinvolgendo 4 mila studenti della provincia».C.Z.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Daria Bignardi lascia la Rai

tv

Daria Bignardi lascia la Rai

Fisco: Raul Bova condannato a un anno e 6 mesi

tribunale

Fisco: Raul Bova condannato a un anno e 6 mesi

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Operaio ustionato da soda caustica a Busseto

busseto

Operaio 46enne ustionato con la soda caustica Video

serie b

Parma, c'è passione: chiusa la prima fase degli abbonamenti a quota 4.700

E domani la seconda amichevole contro la Settaurense (ore 17)

anteprima gazzetta

Iscrizione all'Università, posti esauriti in pochi minuti. E' Polemica

incidente

Tamponamento a catena a Baccanelli: lunga coda in via Spezia

il caso cassano

Fantantonio e il contrordine del contrordine

1commento

via san leonardo

Sopralluogo nell'appartamento in cui sono state uccise Patience e Maddy Video

incidenti

Scontro auto-scooter a Fontanini: un ferito, tanta paura

TRIBUNALE

La truffa online del robot da piscina, parmigiano condannato

2017

36.707 ettari coltivati a pomodoro da industria nel Nord

Calo del 7,5% rispetto al 2016, -2,5% rispetto al contrattato di inizio campagna. Cresce il bio che rappresenta il 6,6% della coltivazione totale

governo

Contrasto alla violenza sulle donne, Maestri (Pd): "Stanziati 10 milioni"

1commento

gazzareporter

"Spreco d'acqua al parco dell'Eurosia"

gazzareporter

Largo Coen: risveglio dopo la notte di raccolta rifiuti... Foto

4commenti

politica

Calvano: "Il Pd di Parma martoriato da vecchie logiche”

bocconi killer?

Via La Grola, sospetto avvelenamento di un cane

A Corcagnano

Rubati due escavatori in un cantiere

rifiuti

Agevolazioni per il compostaggio domestico: arrivano i controlli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga

di Francesco Bandini

6commenti

ITALIA/MONDO

maltempo

La spiaggia di San Benedetto imbiancata dalla grandine Foto Video

almalaurea

Laureati, dopo 5 anni l'84% ha un lavoro

SPORT

legino

Da Savona: "Cassano vieni qui, ti paghiamo in farinata"

scherma

Stupendo oro per l'Italia nella sciabola donne ai mondiali

SOCIETA'

francia

Le fiamme devastano il golfo di Saint-Tropez

disavventura

Veltroni morso da un cane alla Festa dell' Unità di Brescia

MOTORI

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video