13°

20°

Salute-Fitness

Rachida, mamma stakanovista divide le donne

Rachida, mamma stakanovista divide le donne
Ricevi gratis le news
0

Marco Severo


Faccia un pensierino su Parma, la ministra francese Rachida Dati.
Se all’Eliseo l’ex «Sarkozette» è sempre più sola, una speranza di compagnia sembra infatti offrirgliela proprio l’antica provincia napoleonica.
E venga pure in tacchi a spillo e unghie rifatte, l’emancipata guardasigilli: nessuno qui si scandalizzerebbe nel vedere una neo mamma «wonder woman», bella e rampante con in braccio la sua pupetta Fatima-Zohora. Né medici, né politici parmigiani si sentono di condannare l’ex pupilla del presidente Sarkozy.
E neppure le femministe nostrane hanno dissotterrato l’ascia di guerra, dopo le polemiche scatenatesi oltralpe nei giorni scorsi.
La vicenda è quella della supersonica maternità della Dati, rientrata a lavoro appena cinque giorni dopo un parto cesareo. Mercoledì, splendente come il sole, la ministra della Giustizia s'è presentata a una riunione di governo in tailleur e tacchi a spillo numero otto. Apriti cielo. Totale e immediata è stata la riprovazione delle organizzazioni femministe, come pure l’indignazione delle osservatrici transalpine.
«Drogata di lavoro» è stato l’epiteto confezionato per la Dati da Florence Montreynaud, storica del movimento femminista francese. L’accusa principale, mossa alla guardasigilli, è stata in generale quella di attentare - con il suo comportamento - ai diritti sociali delle donne. Per esempio a quello che assicura alle gestanti di Francia, complessivamente prima e dopo il parto, 16 settimane di congedo lavorativo.
«L'importante è che le leggi vengano rispettate, come mi pare avvenga in Francia - ribatte da noi Samuela Frigeri, vicepresidentessa del Centro Antiviolenza di Parma - dopodiché credo che ogni donna sia libera di fare quello che vuole».
A uguale pragmatismo, forse a sorpresa forse no, è ispirato il parere di Letizia Artoni, medico, tra le fondatrici del Circolo della differenza e  «tuttora impegnata politicamente», come precisa lei stessa. «Premesso che non conosco nei dettagli la vicenda - dice la Artoni - mi pare che la scelta della Dati testimoni di un carattere e di una personalità femminile fortemente emancipati, forse volutamente ostentati. In ogni caso, non mi sembra che il suo atteggiamento possa contribuire in alcun modo a mettere in discussione le grandi conquiste sociali delle donne». E pazienza se, una volta, per le «streghe» degli anni Settanta era un orgoglio sbandierare il proprio personale in pubblico. Cosa che la Dati s'è ben guardata dal fare, anzi.
E comunque: c'è da stare al passo con i tempi della macchina politica, come dice tra le altre Maria Teresa Guarnieri, ex assessore della giunta Ubaldi: «Non mi sento di esprimere un giudizio, tuttavia dico che sì, se si vuol conservare le proprie conquiste nella sfera pubblica bisogna saper sopportare qualche sacrificio, rinunciando a parte del proprio privato».
Più generica la riflessione di Cristina Sassi, assessore comunale all’Ambiente: «L'unica cosa che mi sento dire - sintetizza - è la mia impressione per la straordinaria rapidità di ripresa della Dati dopo il parto».
Gli unici a storcere il naso, ma non troppo, sono i medici di Parma. Così Alessandro Volta, neonatologo e primario di pediatria all’ospedale di Montecchio: «Le prime settimane dopo il parto sono delicatissime, perché è in quei momenti che mamma e neonato entrano in sintonia. Se mancano tempo e occasioni per stare insieme, il rapporto tra genitrice e figlio potrebbe risentirne per il resto della vita. Detto questo - aggiunge - non è male che venga finalmente sfatato il tabù della partoriente vista come donna dedita solo al dolore e al sacrificio casalingo».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Spettacolo

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

La Bugatti guidata da Juan Pablo Montoya da 0 a 400 Km/h a 0 in  42"

AUTO

Bugatti Chiron: da 0 a 400 km/h a 0 in 42 secondi

La Gregoraci a Ranzano

gazza...gossip

La Gregoraci a Ranzano

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Spaghetti settembrini

LA RICETTA 

Gli "Spaghetti settembrini" della Peppa

Lealtrenotizie

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

6commenti

incidente

86enne in bici urtato da un'auto in via Baganza: è grave

tg parma

Furgone come ariete: spaccata alla Moto Ducati di Pilastrello

OPERAZIONE

Milioni nascosti al Fisco, indagato anche il patron del Palermo Zamparini

Ritratto

Wally Bonvicini, l'imprenditrice che voleva fare il sindaco

Paladina dei diritti dei cittadini nella lotta contro la banche ed Equitalia, ma anche candidata alla poltrona di primo cittadino

6commenti

viabilità

Grosso ramo caduto in strada: chiusa per un'ora via Gramsci

Ponte chiuso

La sindaca di Colorno: «Un ponte di barche per le auto»

1commento

serie b

Parma-Empoli: dalle 17.30 «isola analcolica» e stop alle lattine

Dalle 20.30 la cronaca in diretta sul sito

Piazzale Maestri

Antiterrorismo «fai da te»: gli ambulanti si organizzano

1commento

Lutto

Addio a Pierino, il barista del Parco Ducale

1commento

MALTEMPO

Strada Naviglio Alto in versione lago

ieri sera

Black-out per un guasto nella zona Nord di Parma

3commenti

fotografia

L'affascinante spettacolo catturato dai parmigiani cacciatori di tornado Gallery

Borgotaro

C'erano una volta i «diavoli rossi»

SISSA

Pescando in Taro con il bilancione

Onorificenze

Salva una donna da un incendio: premiato in Provincia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

catania

Dottoressa della guardia medica violentata in ambulatorio: arrestato un 26enne

Birmania

Suu Kyi: "Più della metà dei villaggi Rohingya non colpiti da violenze"

2commenti

SPORT

parma calcio

Le pagelle in dialetto parmigiano

calcio

Rooney ubriaco alla guida, patente ritirata 2 anni

SOCIETA'

agroalimentare

«Caseifici aperti»: ecco dove andare nel Parmense

sant'andrea bagni

Le nozze del vicesindaco di Medesano

MOTORI

IL TEST

Nuova Polo: ecco come va la sesta generazione

MULTISPAZIO

Dacia Dokker Pick-Up: chi non lavora...