-4°

Salute-Fitness

Papilloma virus: nuovo vaccino targato Parma

Papilloma virus: nuovo vaccino targato Parma
Ricevi gratis le news
0

Un nuovo vaccino, polivalente e a basso costo, contro l’Hpv (il Papilloma virus umano), l’agente infettivo responsabile del tumore al collo dell’utero, è allo studio nei laboratori parmigiani del dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare, grazie alle ricerche di Simone Ottonello e Angelo Bolchi, insieme a Nadia Moretto (attualmente ricercatrice presso la Chiesi Farmaceutici) e alla dottoranda Elena Canali.  «Siamo sulla buona strada: abbiamo ottenuto un primo prototipo, depositato il relativo brevetto e pubblicato i primi risultati sulla rivista Vaccine, ora stiamo lavorando a un vaccino ancora più efficace e alla sua formulazione» conferma Ottonello.

La proposta di iniziare questo studio, a cui ha contribuito anche l’attuale responsabile dell’HPV Biology Group dell’International Agency for Research on Cancer (Organizzazione Mondiale della Sanità) è giunta ai biologi molecolari parmigiani dal German Cancer Research Center di Heidelberg, il centro ricerche di Harald zur Hussen, che per primo ha individuato il collegamento tra Hpv e tumore al collo dell’utero e che proprio per questo nel 2008 ha ricevuto il Nobel per la medicina. L’interesse per l’approccio sviluppato dai ricercatori dell’Università di Parma è stato motivato dagli incoraggianti risultati da essi ottenuti in collaborazione con Chiesi Farmaceutici nello sviluppo di un vaccino contro l’Alzheimer (vedi box). Ora tedeschi e parmigiani figurano come coinventori in una domanda di brevetto per il vaccino di prima generazione e presto Elena Canali partirà per Heidelberg per sperimentare sui topi un vaccino di seconda generazione, che sembra ancora più promettente.

«Nel corso di studi precedenti» continua Ottonello, «avevamo messo a punto un metodo per esporre specifici peptidi (frammenti proteici costituiti da 10-15 amminoacidi), sia in forma singola, sia concatenata, all’interno di una piccola proteina batterica che funzionando come una sorta di impalcatura molecolare faceva in modo che questi assumessero una corretta struttura e funzionalità. La Chiesi Farmaceutici, nella persona del vicedirettore Ricerca e Sviluppo Bruno Imbimbo, ci ha spinto ad applicare questa tecnica ai vaccini, e in particolare a un prototipo di vaccino peptidico ricombinante contro la malattia di Alzheimer. Ora stiamo utilizzando la stessa tecnologia, con peptidi differenti, per il vaccino contro l’Hpv e stiamo valutando proposte per vaccini diretti verso altre patologie, ma anche per nuove applicazioni nell’ambito della diagnostica».

Nel caso dell’Hpv la sfida è quella di ottenere un vaccino a costo inferiore, ma a spettro d’azione più ampio, rispetto ai due vaccini attualmente in uso (che sono piuttosto costosi e offrono una buona protezione nei confronti di solo quattro ceppi di Hpv): «esistono oltre cento ceppi diversi di Hpv e almeno una decina di essi, distribuiti in modo geograficamente non uniforme, possono provocare il tumore al collo dell’utero» puntualizza Ottonello, che rivela come uno degli obiettivi principali di questo studio sia proprio quello di utilizzare un vaccino di questo tipo anche nei paesi in via di sviluppo. «Per questo ci siamo concentrati su una proteina della superficie virale che è molto conservata in tutti i ceppi di Hpv e in essa abbiamo individuato 5 possibili peptidi bersaglio, ognuno dei quali, in forma singola o concatenata per un totale di 15 diversi prodotti ricombinanti,  è stato valutato come potenziale vaccino. Abbiamo determinato la capacità di ogni peptide di indurre la produzione di anticorpi contro l’Hpv ottenendo risultati positivi in tutti i casi. In un caso poi si è osservata la produzione di elevate quantità di anticorpi neutralizzanti, cioè gli anticorpi che bloccano il funzionamento del virus (gli altri anticorpi possono essere utili per diagnosticare l’infezione ma non impediscono al virus di attaccare le cellule)». E’ proprio concentrandosi su questo peptide, derivato dalla proteina «L2» dell’Hpv che si sta mettendo a punto il nuovo vaccino. «Il primo prototipo si è dimostrato efficace sui topi, ora speriamo che il secondo sia come pensiamo ancora più potente: se sarà così, già entro l’estate si potrà iniziare la sperimentazione sulle scimmie (non a Parma, ndr) e per il 2010 un’industria indiana sarebbe pronta a iniziare uno studio pilota sull’uomo».

Intanto il gruppo di Ottonello e Bolchi sta lavorando a nuove impalcature molecolari di origine microbica e a nuove modalità di formulazione (e somministrazione), tra cui una basata su un microrganismo vivo contenente il gene corrispondente al peptide candidato per il vaccino Hpv: «si potrebbe pensare di somministrare direttamente il microrganismo, reso innocuo, nell’uomo e indurre così la produzione di anticorpi anti-Hpv con un notevole risparmio rispetto alle attuali tecnologie».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tom Petty

Tom Petty

MUSICA

Tom Petty è morto per overdose accidentale

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel 'Corsaro Nero'

TELEVISIONE

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel "Corsaro Nero" Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

CARIGNANO

Raccolte 500 firme per non chiudere l'asilo

incidente

Frontale nella notte al Botteghino: due feriti

WEEKEND

Teatro, escursioni e lo spettacolo dei fuoristrada: l'agenda 

mobilità

Maxi zone a velocità limitata nel Cittadella e nel Montanara Video

1commento

SQUADRA MOBILE

Nella borsa aveva un chilo di marijuana: 34enne arrestata

1commento

politica

Pizzarotti: "Nel M5s restano solo gli yes man. Con me usata la linea sovietica"

3commenti

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

TECNOLOGIA

Alla Stazione sperimentale gli alimenti si stampano in 3D

Dopo l'alluvione

Argini dell'Enza: lavori per 330mila euro tra Sorbolo e Coenzo

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

Poste Italiane

Quella raccomandata in viaggio da oltre 40 giorni e mai recapitata

il caso

Episodio di omo-transfobia in via Cavour: insultato un 37enne Video

2commenti

sabato

Cremona, quasi 2.000 tifosi crociati per una trasferta (e rivalità) d'altri tempi

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

1commento

IL FATTO DEL GIORNO

Lupi e polemiche: dite la vostra, ma con garbo e correttezza Video

6commenti

PARMA CALCIO

I nuovi numeri di maglia. I convocati per Cremona (ci sono Calaiò e Ceravolo)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Smartphone al volante? L'auto progredisce. L'uomo regredisce

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Francia

La Vedova nera delle Costa azzurra condannata a 22 anni

AUTO

Da febbraio notifica delle multe con la mail certificata

1commento

SPORT

STORIE DI EX

Prandelli ancora un flop, via anche dall'Al Nasr

tennis

Griglia di partenza rovente: al via i regionali a squadre indoor

SOCIETA'

PARMA

Luigine, proseguono le trattative: ne parla anche "Striscia la notizia" Video

BASSA REGGIANA

Due "super siluri" pescati a Boretto

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"