10°

20°

Salute-Fitness

Lotta all'Alzheimer: scoperta di un medico traversetolese

Lotta all'Alzheimer: scoperta di un medico traversetolese
0

Monica Tiezzi
TRAVERSETOLO - E' stato studiando il caso di un giovane malato di Alzheimer con una demenza che si stava evolvendo rapidamente in modo grave, che i ricercatori dell'Istituto neurologico Carlo Besta di Milano hanno  scoperto quella che potrebbe diventare una nuova «via italiana» alla cura della malattia. Fra i principali artefici della scoperta c'è Fabrizio Tagliavini, nato a Traversetolo 59 anni fa, laurea in medicina e specializzazione in neurologia all'università di Parma, oltre sei anni di lavoro     all'Istituto di Neuroanatomia dell'Università di Berna e al Dipartimento di patologia  della New York University, e dal 1984 al Besta, dove attualmente dirige la Divisione di neuropatologia e il Dipartimento di malattie neurovegetative. Ma senza dimenticare le radici parmigiane: «A Traversetolo, dove ho due fratelli, torno spesso. E così a Neviano, paese di origine di mia moglie, dove  abbiamo  una mansarda e dove vengo a rifornirmi di anolini», dice sorridendo.
 Per capire il senso e l'importanza della scoperta di Tagliavini occorre fare una premessa, lunga ma indispensabile per chi non ha una laurea in medicina.
L'Alzheimer può essere sporadico (il 98% dei casi) o familiare (il restante 2%).  Sia nelle forme sporadiche che in quelle familiari la malattia si sviluppa a seguito dall'alterazione di un frammento proteico noto come beta amiloide, il quale cambia la sua forma, diventa insolubile e forma aggregati di dimensioni sempre maggiori che si accumulano nel cervello provocando la morte delle cellule nervose.
 Mentre per la forma sporadica di Alzheimer non si sa cosa dà il via a questo processo, per le forme familiari sono stati scoperti tre geni (la presenilina 1, la presenilina 2 e il precursore della beta amiloide, più conosciuto con l'acronimo inglese App) le cui anomalie provocano le alterazioni della beta amiloide che sono alla base della malattia. Basta che solo uno dei due «alleli» che compongono il gene (provenienti uno dal padre e l'altro dalla madre) abbia la mutazione, perché la malattia si sviluppi.
  Ed è a questo punto che entra in gioco il paziente 36enne affetto da Alzheimer  che si è rivolto al Besta e che qui è stato sottoposto ad un'accurata serie di controlli. Una scoperta quasi casuale e che inizialmente ha sorpreso i ricercatori. Perchè nell'uomo  è stata individuata una nuova mutazione dell'App, presente in entrambi gli alleli del gene. Ma contestualmente è stato anche scoperto che  molti suoi familiari, pur   perfettamente sani e in qualche caso lucidissimi nonostante l'età avanzata,  presentavano la stessa mutazione, ma  su un solo allele.
Perché, si è domandato Tagliavini assieme a i suoi collaboratori del Besta e dell'Istituto Mario Negri, che ha collaborato alla ricerca, questa nuova mutazione non scatena l'Alzheimer nel caso di un solo allele «anomalo»?
«Siamo giunti alla conclusione, dopo vari esperimenti in laboratorio,  che la proteina normale prodotta dall'allele “sano”, e la proteina anomala prodotta dall’allele alterato si combinano annullando il rischio. Ossia la proteina normale “neutralizza” quella malata», spiega Tagliavini.
Il traguardo di questa promettente linea di ricerca - non prima di cinque anni, ammonisce Tagliavini - potrebbe essere (dopo le necessarie sperimentazioni su cavie) quello di somministrare la forma mutata di beta amiloide a soggetti a rischio e riuscire così a bloccare l'Alzheimer. Una malattia, vale la pena ricordarlo, che colpisce in Italia 450 mila persone: cifra che, per l'invecchiamento della popolazione, è destinata a raddoppiare nei prossimi 40 anni.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera. Bilancio comunale: avanzo di 54 milioni

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Gazzareporter

Strada Beneceto: raccolta... poco "differenziata"

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

Università

I volti dei cadaveri diventavano maschere: libro e mostra sullo studioso Lorenzo Tenchini

In un volume la collezione ottocentesca dell’anatomico dell’Ateneo di Parma. E a ottobre al Palazzo del Governatore la mostra. “La Fabrica dei Corpi. Dall’anatomia alla robotica”

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Primarie Pd

Renzi, Emiliano e Orlando: divisi su tutto nel dibattito tv

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport