-0°

16°

Salute-Fitness

Sla, anche Parma in prima linea nelle nuove cure

Sla, anche Parma in prima linea nelle nuove cure
Ricevi gratis le news
0

Caterina Zanirato


Anche Parma è schierata a favore della ricerca sulla Sla, la sclerosi laterale amiotrofica.
 Alcuni medici parmigiani, infatti, partecipano allo studio che vede capofila la clinica Molinette di Torino (che proprio due giorni fa ha identificato il gene Sunc1, responsabile di questa rara malattia) sull’efficacia dell’utilizzo della molecola di carbolitio per rallentare il decorso della patologia.
I ricercatori
Sono Vladimiro Pietrini, ricercatore del dipartimento di neuroscienze dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Parma, Marina Aiello e Alfredo Chetta, pneumologi dell’Azienda ospedaliera universitaria e Enrico Montanari, primario di neurologia dell’Ospedale di Fidenza, e le loro équipe, già responsabili del percorso polispecialistico interaziendale per la cura della Sla.
Si allunga la speranza di vita
«Pare che utilizzando il litio si allunghino le speranze di vita dei pazienti – spiega Pietrini – e soprattutto migliori la qualità della loro vita. Ovviamente è presto per parlarne: siamo ancora in fase di studio».
Insieme ad Armando Chiò, il medico che ha isolato il gene Sunc1, e altri centri italiani per la cura della Sla, anche a Parma si cercherà di capire la valenza del litio, somministrando la cura ai pazienti che lo vorranno per 15 mesi: «Faremo dei controlli cadenzati ogni 3, 6, 9, 12 mesi – commenta Aiello – monitorando costantemente i parametri neurologici e respiratori».
Un percorso sperimentale
Un percorso sperimentale, ma che ha già dato qualche frutto. «Sulla Sla siamo molto indietro – spiega Pietrini – Anche il Sunc 1 è un gene che esiste nella popolazione normale: ora rimane da capire quale sia la sua associazione con la malattia, che proteine produce. E’ tutto da dimostrare. Finora esistono solo due cure. Una è a base di riluzolo, che riduce l’effetto tossico di un neurotrasmettitore (glutammato) sui neuroni e che allunga la vita ai pazienti. E un’altra è quella con il litio, che ora verificheremo».
Intanto continuano gli ottimi risultati - compatibilmente con il fatto che non esiste ancora una cura che guarisca dalla Sla - ottenuti dall’ambulatorio specifico per seguire i malati al Maggiore, nato nel 1998, e dal percorso polispecialistico interaziendale, per garantire assistenza sia dentro che fuori dall’ospedale, creato nel 2007.
Primo step: la diagnosi
I pazienti, dopo la diagnosi effettuata dal neurologo, vengono infatti seguiti da un pneumologo, un fisiatra, un logopedista, un dietista, un odontoiatra, uno psicologo, un assistente sociale, infermieri specializzati: «La diagnosi della malattia è solo il primo step – continua Pietrini – poi per il malato si apre un iter lunghissimo, costellato di vari problemi che vanno affrontati giorno per giorno.
Alleviare i dolori quotidiani
«E noi specialisti, sia dell’Azienda ospedaliera che dell’Ausl, ci mettiamo al suo servizio, per cercare almeno di alleviare o risolvere i dolori quotidiani. Purtroppo siamo davanti a una terribile malattia che per il momento non contempla la guarigione, ma solo un possibile rallentamento».

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Addio a Bocuse, star degli chef e  padre della Nouvelle Cuisine

FOOD

Addio a Bocuse, star degli chef e padre della Nouvelle Cuisine Video

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

incidente in curva

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

2commenti

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

Criminalità

Borseggi, la paura viaggia sull'autobus

6commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

posticipo

L'Avellino espugna Brescia tra mille emozioni La classifica di serie B

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

4commenti

manifestazione

Bimbi e tifosi abbracciano il Felino (contro tutte le mafie) Gallery

IL CASO

Omicidio di Michelle, l'ex fidanzato «totalmente capace di intendere e volere»

2commenti

WEEKEND

Bancarelle, musica e benedizioni degli animali: l'agenda della domenica

POLITICA

M5s, Ghirarduzzi replica a Pizzarotti: "Il suo è effetto cadrega"

1commento

brescello

Ricicla su Internet motori diesel rubati, denunciato 50enne parmigiano

TORRILE

Fine dell'incubo per i vicini del piromane

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

11commenti

SALUTE

Un test del sangue per otto tipi di tumore

LA STORIA

Aurora, 18enne con disabilità: «Nessun sogno è precluso»

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

PACIFICO

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

SPORT

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

tennis

Australian open, gli ottavi: Seppi eliminato. Stasera gioca Fognini

SOCIETA'

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

gazzareporter

Dall'Appennino alle Alpi

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti