23°

32°

OSPEDALE

Ammalata di cancro denuncia: negato un farmaco indispensabile

«A Reggio Emilia la trabectedina è disponibile, a Parma no. Perché è troppo costosa?»

Oncologia, Day Hospital

Oncologia, Day Hospital

Ricevi gratis le news
3

 

Monica Tiezzi

Una lunga ed estenuante lotta contro il cancro fra interventi chirurgici e - tranne brevi pause - chemioterapia. E ora, dopo il ripresentarsi delle neoplasie, la doccia fredda: «Il farmaco che mi ha prescritto l'oncologo di fiducia non viene passato dall'Azienda ospedaliero-universitaria di Parma. Lo stesso farmaco invece è disponibile all'ospedale di Reggio Emilia. Ma io sono stanca: non voglio essere costretta a passare la vita in viaggio per curarmi, non è giusto».
Anita Pecchini, 79 anni, una vita da casalinga, due figli e una casa ad Alberi di Vigatto, non si rassegna alla decisione del nucleo operativo provinciale per il prontuario terapeutico Aven (Area vasta Emilia Romagna), che nelle settimane scorse ha bocciato la richiesta del suo medico curante dell'Oncologia dell'ospedale Maggiore di sottoporla ad un ciclo di trabectedina, un nuovo chemioterapico.
La richiesta era stata avanzata da Donatello Gasparro, medico dell'Oncologia del Maggiore che segue la donna da 13 anni, quando si è manifestato il tumore ovarico che, a inizio anno, dopo un periodo relativamente «silente», è tornato a «dare battaglia». La donna, assieme al marito Vittorio Serri, ex imprenditore, ha iniziato il consueto calvario di visite specialistiche per valutare l'ipotesi di un intervento: prima a Pesaro, poi a Milano. I chirurghi hanno sconsigliato di andare sotto i ferri, suggerendo invece la terapia farmacologica. A quel punto Gasparro ha proposto, fra i vari farmaci, la trabectedina: «Questo farmaco è terapeuticamente utile, in questa situazione è un trattamento consigliato. Capisco il problema burocratico, ma io devo tifare per la paziente e sperare in un ripensamento» dice il medico.
Che la trabectedina sia un farmaco «con rapporti costi/benefici favorevoli, che ha dato una buona percentuale di risposte di controllo alla malattia e ha aumentato la sopravvivenza dei pazienti» lo pensa anche Corrado Boni, direttore dell'Oncologia dell'Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia, che nelle settimane scorse ha visitato la paziente parmigiana. Boni spiega che il suo reparto sta usando la trabectedina da più di due anni, ma che il nuovo farmaco non è ancora stato inserito nel prontuario nazionale e regionale. Di conseguenza c'è bisogno dell'autorizzazione dei «nuclei di valutazione» locali sull'uso dei farmaci, che contribuiscono con i loro pareri alle decisioni della Commissione del farmaco dell'Area vasta Emilia Nord (associazione volontaria di sette aziende sanitarie delle province di Modena, Reggio Emilia, Piacenza e Parma) e, in seconda battuta, della commissione regionale.

Risultato: una situazione a macchia di leopardo in cui, a distanza di pochi chilometri, lo stesso farmaco è disponibile o meno in un ospedale pubblico.
Boni rifiuta di entrare nei dettagli della situazione della paziente, ma il marito di Anita, deciso a sollevare un caso, non ha remore a mostrare la lettera del primario al medico curante della donna, nella quale Boni concorda «con la proposta Caelyx (altro farmaco, ndr) più trabectedina». Un altro consulto è previsto, il prossimo gennaio, all'Istituto europeo di oncologia di Milano, con la dottoressa Nicoletta Colombo. E Vittorio Serri - che sorregge instancabile la moglie nel suo calvario - è convinto che «anche questa volta avremo un giudizio positivo sull'uso della trabectedina».
E' pur vero che i pareri sulla trabectedina sono ancora piuttosto controversi nella comunità scientifica, ma i familiari della paziente hanno il dubbio che i divieti possano essere legati anche all'alto costo: si calcola che un ciclo di terapia (il farmaco si somministra per endovena in regime di day hospital) per un paziente di 60 chili, alto un metro e settanta, costi oltre 4.500 euro. «La malattia mi ha tolto la salute, la burocrazia vuole togliermi la vita» scrive amaramente Anita, in questi giorni costretta a letto per una frattura. E il marito rincara: «La nostra battaglia è anche per altri pazienti. Vogliamo ottenere per tutti questa possibilità di cura».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    10 Dicembre @ 11.37

    COMUNQUE , LA QUESTIONE , COSI' COM' E' POSTA , E' FUORVIANTE. NON E' VERO CHE LA TRABECTEDINA A REGGIO EMILIA E' DISPONIBILE , E A PARMA NO. Si tratta, come già detto , di un medicinale molto costoso , di cui non vengono tenute scorte in magazzino. Si fa una singola ordinazione, volta per volta , quando serve. La necessità dell' acquisto viene valutata da un' apposita commissione , che approva o non approva in base ai suoi parametri di valutazione del costo - beneficio. La richiesta della signora, a Parma , è stata respinta . Non so se sarebbe stata accolta a Reggio Emilia , ma , viste le dinamiche di cui sopra , può accadere che , su un caso , la commissione di una città approvi e quella di un' altra città disapprovi. Può darsi che oggi Parma non approvi , e Reggio Emilia si , e domani , magari , che Reggio Emilia non approvi , e Parma si. E' CHIARO COMUNQUE CHE SIAMO TUTTI DALLA PARTE DELLA SIGNORA . FORZA CHE' CE LA FACCIAMO !

    Rispondi

  • Vercingetorige

    09 Dicembre @ 20.41

    La trabectedina è disponibile in fiale da 0,25 mg e da 1 mg . Una da 0,25 costa circa 800 euro , una da 1 mg circa 3000 euro. Ripeto , si tratta di prezzi per UNA fiala. La doxorubicina è disponibile in fiale da 20 mg e da 50 mg. Una fiala da 20 mg costa circa 550 euro . Una da 50 mg circa 1400 euro . Si parla sempre di UNA fiala. Sono farmaci di classe " H " , cioè disponibili ed utilizzabili solo in Ospedale , non in vendita in farmacia . Sono , comunque , di comprovata efficacia. SIGNOR BIFANI , COL CUORE SONO D' ACCORDO CON LEI . PENSO CHE TUTTI, COL CUORE , SIAMO D' ACCORDO CON LEI , però anche la Difesa può essere , secondo me, considerata un "servizio pubblico" . Il disgraziato giorno in cui dovessimo subire un' aggressione armata , e , purtroppo, ogni tanto succede , e non fossimo in grado di rispondere , poi scoppierebbero le polemiche feroci : "ma è mai possibile che i Governi non abbiano provveduto ad un' adeguata organizzazione delle Forze Armate ? " , eccetera eccetera..........Tenga presente anche che l' Italia è membro della NATO , ed , in tal veste , deve garantire un contributo militare all' Alleanza. Dopo di che, se io dovessi scegliere tra comperare la medicina per la signora , o comperare un mitra, sceglierei senz' altro di comperare la medicina , però ho l' impressione della famosa "coperta corta" , con cui, se ti copri le spalle, ti scopri i piedi...............

    Rispondi

  • Biffo

    09 Dicembre @ 19.55

    Forse, se invece di spendere e spandere per le nostre forze scalcinate armate, investissimo le stesse cifre per la lotta al cancro, le cure necessarie sarebbero migliori e gratuite. franco Bifani

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

spagna

Barcellona, la polizia: "Cellula smantellata". La Catalogna smentisce

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti