17°

Salute

Maxi emergenze: l'Emilia Romagna regione virtuosa

Entro la fine dell'anno sarà ufficializzato il "piano catastrofi" dell'ospedale Maggiore

Maxi emergenze: l'Emilia Romagna regione virtuosa

Pierantonio Muzzetto, Almerico Novarini, Leonida Grisendi e Gianfranco Cervellin

0

 

L'ospedale Maggiore è il più grosso trauma center dell'Emilia-Romagna: nel 2012 il pronto soccorso ha trattato 1.500 traumi gravi (su 35 mila traumi e 90 mila accessi totali), più di Bologna (1.200) e Cesena (1.000), le altre due strutture di riferimento in regione. Forte di questi numeri, il direttore del pronto soccorso e medicina d'urgenza del Maggiore, Gianfranco Cervellin, ha presentato ieri mattina il convegno sulle maxi-emergenze sanitarie che ha visto relatori internazionali e una platea di specialisti da tutta Italia.
Sul palco della sala congressi dell'ospedale si sono alternati specialisti dei Paesi all'avanguardia nel trattamento delle emergenze di massa (terremoti, incidenti ferroviari e aerei, ma anche attentati terroristici): Israele e Gran Bretagna. Gila Hyams e Yoram Kluger del Trauma Center di Haifa hanno affrontato i temi dell'addestramento degli infermieri e delle ferite da esplosione, la belga Sonia Peyrassol, referente europea per «Medici senza frontiere», ha parlato dell'esperienza dei medici in prima linea; Kevin Mackway-Jones dell’ospedale di Manchester di grandi incidenti.
L'Italia, dopo gli anni di piombo - e la strage di Bologna del 1980 fu un caso, spiega Fausto Catena, direttore della Chirurgia d'urgenza del Maggiore, che mise a nudo un insufficiente coordinamento delle strutture sanitarie territoriali - ha vissuto un periodo di relativa pace sociale che ha fatto concentrare l'attenzione sulle emergenze legate ad un territorio particolarmente fragile e a rischio idro-geologico. L'11 settembre è stato un brusco risveglio per tutto l'Occidente, e ha fatto capire che è importante preparare piani anche in caso di attacchi terroristici di massa.
Oggi - in mancanza di una legge nazionale che detti linee-guida - la gestione delle catastrofi è delegata ai piani elaborati dalle singole aziende sanitarie e ospedaliere, in base alle proprie risorse e specificità. Emilia Romagna e Lombardia sono le regioni che finora si sono mosse di più e meglio. L'Azienda ospedaliero-universitaria di Parma ha elaborato un piano che dovrebbe essere formalizzato entro l'anno. «Pronto soccorso, chirurgia d'urgenza e rianimazione sono i tre reparti più interessati, ma è prevista la mobilitazione di tutto l'ospedale, inclusi i reparti internistici, che in caso di emergenza sono chiamati a liberare posti letto», spiega Catena.
Essenziale al funzionamento dei piani di emergenza è però il coordinamento sia a livello regionale che fra territori limitrofi: «La moderna gestione delle emergenze di massa prevede che i feriti non siano indirizzati agli ospedali più vicini, ma a quelli più attrezzati per il loro trauma. Occorre un coordinamento regionale ed interregionale di eliambulanze e di gestione delle catastrofi», continua Catena.
Insomma, tanto c'è ancora da fare, ma tanto è già stato fatto. E' stato un esempio il terremoto 2012 nel Modenese. Ne ha parlato diffusamente Carlo Serantoni, dirigente del 118 di Modena: «Un'esperienza dalla quale abbiamo imparato molto: sui punti di forza e sulle criticità».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo "Zoo" di  105,  è morto Leone Di Lernia

spettacoli

Lo "Zoo" di 105, è morto Leone Di Lernia - VIDEO

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia