11°

OSPEDALE

Pietro Cortellini, una vita all'urologia del Maggiore

Nel reparto da 41 anni, primario da 16: «Lascio un team all'avanguardia»

Pietro Cortellini, una vita all'urologia  del Maggiore
Ricevi gratis le news
0

Dopo 41 anni di carriera, coronata nel 1998 dalla nomina a primario, Pietro Cortellini, 67 anni, dirigente del reparto di urologia dell'ospedale Maggiore, va in pensione.
Originario di Cremona, ma laureatosi a Parma, Cortellini ha iniziato a frequentare il reparto da studente di medicina nel 1967, un anno dopo la nascita di urologia sotto la direzione di Eugenio Bezzi. Dopo la laurea nel 1973 e la specializzazione, Cortellini si trasferisce per tre anni all'ospedale di San Secondo dove lavora sotto la guida di Giacomo Macaluso. Torna quindi al Maggiore, che non lascerà più. Quarant'anni in corsia, testimone di un cambiamento epocale nell'urologia e nella sanità pubblica. Sempre presente, per i pazienti e i colleghi. Che oggi (anche se lui preferisce non dirlo) ricordano che il primario lascia l'azienda con mesi di ferie non godute.
«Mi fa sorridere che alcuni pensino che una volta si curassero meglio i pazienti. In realtà oggi le risposte, grazie anche alle tecniche miniivasive che hanno reso le cicatrici deturpanti un ricordo, sono molto più veloci e pertinenti, le sofferenze minori e la qualità alberghiera dei ricoveri più alta - spiega Cortellini - Anche grazie al prericovero e al day hospital si resta meno in ospedale e la ripresa dopo gli interventi è più rapida. Questo ha portato ad un turnover molto più elevato dei ricoveri, per cui con meno letti si riesce a gestire un numero maggiore di pazienti».
Cortellini fa alcuni esempi: un intervento per ipertrofia prostatica, uno dei più eseguiti, è passato da un ricovero di circa 20 giorni ad uno di cinque giorni. Ancora: «Negli interventi di prostata benigna la proporzione della tradizionale tecnica chirurgica rispetto alla più moderna resezione endoscopica, che negli anni 80 era di 99/1, ora è l’opposto: oggi la procedura chirurgica a cielo aperto è raramente applicata e solo in prostate molto voluminose».
Lo stesso, fa notare Cortellini, per la calcolosi, con l'uso di presidi miniaturizzati e degenze di uno o due giorni. «Anche la tecnica extracorporea, impensabile negli anni 70, prevede per i calcoli reno-ureterali soluzioni ambulatoriali», dice il medico.
Fra i vanti del primario, «l'aver riportato a Parma una branca prima non trattata come la chirurgia dell'uretra e aver iniziato gli interventi per i cambiamenti di sesso: ne abbiamo eseguiti otto negli ultimi sette anni». Sono aumentati anche, continua Cortellini, «gli interventi di uroginecologia e di urologia funzionale. A ciò si deve aggiungere l’aumento della vita media con il conseguente incremento delle patologie degenerative e neoplastiche. Mentre gli stranieri rappresentano oggi una percentuale superiore al 30% del pazienti».
Oggi l'urologia, all'ottavo piano dell'ala ovest del monoblocco, ha 28 posti letto e un organico di 11 medici e 18 infermieri. Effettua dai 1600 ai 1800 interventi all’anno.
«Lascio un reparto che considero con orgoglio all'avanguardia - dice Cortellini, che per salutare colleghi e amici ha anche scritto il libro “La mia urologia”, ricco di foto del personale che negli anni si è succeduto nel reparto - Ringrazio tutti. Ognuno è stato parte di una squadra che ha sempre profuso impegno nell’impagabile compito di essere stato d’aiuto a tante persone in difficoltà». Un auspicio per il futuro del reparto e dell'ospedale di Parma? «Che il personale sia valutato in modo meritocratico e che i vertici aziendali considerino e premino la professionalità dei singoli. La sanità non è un conto da far tornare, è un servizio e un valore, e a che a fare con persone e con la loro sofferenza, non con i numeri».
Ancora niente di ufficiale sul futuro del reparto, anche se pare probabile che la guida sarà affidata in via temporanea ad Umberto Maestroni, in attesa che l'azienda indica il concorso per il nuovo dirigente. Fra i probabili candidati si fa il nome di Antonio Frattini, direttore dell'urologia dell'ospedale di Guastalla, formatosi a Parma. m.t.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

ALLUVIONE

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

Meteo: le previsioni comune per comune

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

AUTOSTRADE

Scontro fra due camion: mattinata di disagi attorno a Bologna

Sicilia

Perquisizioni nelle case dei fiancheggiatori di Messina Denaro: impegnati 200 agenti

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS