24°

Salute-Fitness

Grandi ustionati: più di 130 pazienti l'anno

Grandi ustionati: più di 130 pazienti l'anno
1

Oltre 130 pazienti all'anno. Nel 2008,  più precisamente 136. E solo tre non ce l'hanno fatta. Un Centro, quello Grandi Ustionati del Maggiore, certamente di eccellenza per le terapie utilizzate, ma anche per la riduzione della lunghezza della degenza, per l'abbattimento del dolore del paziente e per una collaborazione quotidiana e continua con esperti di più settori.
Il Centro Grandi Ustionati, dal novembre di due anni fa si trova nella nuova sede al quarto piano dell'Ala Est: «Un reparto che fa riferimento al Progetto regionale di trattamento dei grandi traumi - spiega il responsabile Edoardo Caleffi -. Un progetto per il quale i traumi maggiori vengono trattati secondo il principio dell'Hub And Spoke, ovvero i raggi e il mozzo di una ruota. Cosa vuol dire? Esistono dei centri periferici (i raggi) che trattano certe patologie e fanno riferimento al Centro di eccellenza (il mozzo) che coordina tutta l'attività, perciò l'Azienda ospedaliero universitaria di Parma, che è referente con strutture di eccellenza per i gravi traumi, è anche referente per le ustioni, per cui è uno degli unici due centri regionali: l'altro è a Cesena. Il Centro di Parma ha un territorio che comprende l'Emilia occidentale, da Modena a Piacenza. In Italia, ci sono soltanto dodici centri ustioni, per cui è una grande opportunità quella che hanno i parmigiani di avere questo Centro in città, in quanto se mai dovesse succedere di avere un trauma così grave come quello di un'ustione (incidenti sul lavoro, stradali o domestici) c'è la garanzia che il paziente abbia sempre l'accoglimento in un posto letto in una struttura adeguata, che è referente per il Sistema sanitario regionale. Un Sistema che è all'avanguardia nel panorama nazionale, perchè non tutte le regioni hanno il modello che noi abbiamo adottato. E non tutte le regioni hanno un Centro Grandi Ustionati. Parma ha un raggio d'azione molto ampio: alcuni milioni di persone come bacino d'utenza. Gli esempi sono le tante persone che provengono da tutt'Italia, in quanto non tutte le strutture locali riescono ad accogliere tutti i pazienti: i centri sono collegati infatti in una rete nazionale».
Ma come è organizzato il reparto al suo interno? «Ci sono otto posti letto, di cui quattro per ustionati meno gravi e altri quattro per ustionati più gravi, ovvero i letti monitorizzati, in cui ci sono una serie di parametri e dati che vengono continuamente aggiornati e tengono informati medico e infermiere sulle condizioni del paziente, 24 ore al giorno. Esiste una sala operatoria in cui vengono operati i pazienti, quando è il caso di togliere la parte ustionata e sostituire la pelle con altra pelle. C'è poi la sala di balneazione, nella quale i pazienti vengono lavati in una vasca particolare con una bascula: la pelle è la barriera che ci difende dall'esterno e quando viene persa i germi possono penetrare più facilmente all'interno e gli organi si infettano. Per cui l'ustione non è una malattia della pelle: è sì una patologia che inizia con la pelle, ma la pelle che non c'è più lascia che venga assorbita dall'organismo una serie di sostanze tossiche che mettono a repentaglio l'organismo stesso. Infatti, si parla di malattia da ustione».
Il Centro ustioni non a caso è un reparto cosiddetto chiuso, «in cui le visite sono strettamente limitate. Ci sono pazienti che non sono visitabili e pazienti come i bambini che invece hanno diritto ad avere un parente». L'ustione ha due parametri per considerarsi più o meno grave: l'estensione (più è grande la superficie che viene ustionata e più il paziente è grave) e la profondità, che può essere di primo, secondo e terzo grado quando cioè l'ustione brucia la pelle a tutto spessore. «Il paziente adulto e sano - precisa Caleffi - ha più probabilità di guarire di un bambino piccolo e di un anziano, perchè questi sono più fragili. I pazienti vengono trattati in maniera multidisciplinare, con la collaborazione stretta e quotidiana dell'anestesista- rianimatore, del nutrizionista, dello psicologo e di altri. In particolare per i bambini esiste il Progetto Gioco amico, con il quale si ha invece la collaborazione con operatori adeguatamente istruiti, che utilizzano giochi appropriati».
Anche le medicazioni sono particolari per questi pazienti: «Si tratta delle medicazioni avanzate per le quali si usano dei sostituti della pelle. Che vengono applicati sulle zone ustionate. Oltre al fatto che ora siamo molto attenti al protocollo per la terapia del dolore:  prima ustionarsi significava patire pene molto acute, basti pensare alla sofferenza di chi viene immerso in una vasca di disinfettante privo della copertura cutanea. Oggi invece il paziente viene sedato durante la medicazione, che può durare anche ore. Oltre al fatto che la mortalità si è abbassata ulteriormente così come è migliorata la qualità della vita dei nostri pazienti, grazie anche al servizio di psicologia che aiuta molto anche i nostri operatori sanitari. Perchè il loro non è un compito semplice. Insomma, l'ustione è il dramma peggiore che può capitare e può segnare tutta la vita». Un reparto in cui ogni paziente ha una sua storia: «I pazienti arrivano da più parti: abbiamo stranieri che si sono ustionati nelle peripezie dei viaggi della speranza o nel corso di diatribe che si scatenano fra diversi gruppi». La terapia dell'ustione non finisce al Centro Ustioni. Quando il paziente termina il ricovero della fase acuta, continua comunque ad accedere al Centro per le diverse medicazioni: «Esiste anche un rapporto con il servizio sanitario domiciliare - ricorda Caleffi - ed esistono una serie di interventi per il recupero funzionale delle diverse parti del corpo, sia con il chirurgo plastico sia con il fisioterapista della riabilitazione. Non a caso, il Centro Ustioni è compreso nell'Unità operativa della Chirurgia plastica».M.V.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • sansone angela

    25 Maggio @ 13.47

    Grazie per tutto quello che avete fatto per me, e quello che farete.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Samsumg volta pagina, affida il rilancio al Galaxy S8

hi-tech

Samsung, esce il Galaxy S8: lo smartphone del rilancio

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

ParmAwards, tutte le nomination

PGN

ParmAwards, tutte le nomination

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Come preparare i brownies al cioccolato bianco e cioccolato fondente

RICETTA

Come preparare i brownies al cioccolato bianco e fondente

Lealtrenotizie

Borgotaro:

tg parma

Borgotaro: gli alunni di elementari e medie disertano la scuola Video

Protesta delle mamme

Polizia

Furti al supermercato: quattro denunciati in poche ore. Tre sono minorenni

9commenti

Medesano

Omicidio-suicidio a Felegara, il ricordo degli amici: "Due coniugi legatissimi"

SAN LAZZARO

Medico aggredito e rapinato del Rolex nel suo studio

6commenti

Roma

Tecnici italiani uccisi in Libia: il pm chiede il rinvio a giudizio per 5 dirigenti Bonatti

Guardia di Finanza

Sigarette di contrabbando dall'Est: uno dei depositi era a Colorno Foto

Le sigarette erano stoccate in Emilia-Romagna e vendute a Napoli

TRAVERSETOLO

Il rock «di centrodestra» del Primo Maggio

3commenti

VIA VERDI

Arrestato studente con 60 grammi di «fumo»

1commento

Chimica

Finproject sigla l’accordo per acquisire la Solvay di Roccabianca

Consorzio

Prosciutto di Parma: cresce la produzione, risultati positivi nel 2016

Parma

Il Comune ha varato il "Distretto del Cinema" Foto

Calcio

Parma, l'abbraccio dei tifosi

violenza sulle donne

Sviene al lavoro: era stata massacrata di botte dall'ex. Arrestato il 32enne

La donna ora versa in gravissime condizioni e si teme per la sua vita

4commenti

TORNOLO

Don Massimo lascia le sue cinque parrocchie

Molinetto

Supermercato: mette in vendita salumi inserendo nel prezzo la tara. Denunciato

4commenti

TERENZO

L'Asiletto, i bimbi a scuola dalla natura

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Recuperiamo (almeno) la speranza

EDITORIALE

Dal cinema italiano segnali di primavera

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

BARI

Neonata abbandonata in spiaggia e morta: fermata una 23enne

Terrorismo

"Metti una bomba a Rialto": arrestati jihadisti in centro a Venezia

3commenti

SOCIETA'

Chat

Dal velo islamico allo yoga: arrivano 69 nuove emoji

lutto

E' morta Alice Borbone-Parma, la nipote dell'ultimo duca di Parma Foto

1commento

SPORT

Sport

Tuffi: Tania Cagnotto verso l'addio

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon