Salute-Fitness

Grandi ustionati: più di 130 pazienti l'anno

Grandi ustionati: più di 130 pazienti l'anno
Ricevi gratis le news
1

Oltre 130 pazienti all'anno. Nel 2008,  più precisamente 136. E solo tre non ce l'hanno fatta. Un Centro, quello Grandi Ustionati del Maggiore, certamente di eccellenza per le terapie utilizzate, ma anche per la riduzione della lunghezza della degenza, per l'abbattimento del dolore del paziente e per una collaborazione quotidiana e continua con esperti di più settori.
Il Centro Grandi Ustionati, dal novembre di due anni fa si trova nella nuova sede al quarto piano dell'Ala Est: «Un reparto che fa riferimento al Progetto regionale di trattamento dei grandi traumi - spiega il responsabile Edoardo Caleffi -. Un progetto per il quale i traumi maggiori vengono trattati secondo il principio dell'Hub And Spoke, ovvero i raggi e il mozzo di una ruota. Cosa vuol dire? Esistono dei centri periferici (i raggi) che trattano certe patologie e fanno riferimento al Centro di eccellenza (il mozzo) che coordina tutta l'attività, perciò l'Azienda ospedaliero universitaria di Parma, che è referente con strutture di eccellenza per i gravi traumi, è anche referente per le ustioni, per cui è uno degli unici due centri regionali: l'altro è a Cesena. Il Centro di Parma ha un territorio che comprende l'Emilia occidentale, da Modena a Piacenza. In Italia, ci sono soltanto dodici centri ustioni, per cui è una grande opportunità quella che hanno i parmigiani di avere questo Centro in città, in quanto se mai dovesse succedere di avere un trauma così grave come quello di un'ustione (incidenti sul lavoro, stradali o domestici) c'è la garanzia che il paziente abbia sempre l'accoglimento in un posto letto in una struttura adeguata, che è referente per il Sistema sanitario regionale. Un Sistema che è all'avanguardia nel panorama nazionale, perchè non tutte le regioni hanno il modello che noi abbiamo adottato. E non tutte le regioni hanno un Centro Grandi Ustionati. Parma ha un raggio d'azione molto ampio: alcuni milioni di persone come bacino d'utenza. Gli esempi sono le tante persone che provengono da tutt'Italia, in quanto non tutte le strutture locali riescono ad accogliere tutti i pazienti: i centri sono collegati infatti in una rete nazionale».
Ma come è organizzato il reparto al suo interno? «Ci sono otto posti letto, di cui quattro per ustionati meno gravi e altri quattro per ustionati più gravi, ovvero i letti monitorizzati, in cui ci sono una serie di parametri e dati che vengono continuamente aggiornati e tengono informati medico e infermiere sulle condizioni del paziente, 24 ore al giorno. Esiste una sala operatoria in cui vengono operati i pazienti, quando è il caso di togliere la parte ustionata e sostituire la pelle con altra pelle. C'è poi la sala di balneazione, nella quale i pazienti vengono lavati in una vasca particolare con una bascula: la pelle è la barriera che ci difende dall'esterno e quando viene persa i germi possono penetrare più facilmente all'interno e gli organi si infettano. Per cui l'ustione non è una malattia della pelle: è sì una patologia che inizia con la pelle, ma la pelle che non c'è più lascia che venga assorbita dall'organismo una serie di sostanze tossiche che mettono a repentaglio l'organismo stesso. Infatti, si parla di malattia da ustione».
Il Centro ustioni non a caso è un reparto cosiddetto chiuso, «in cui le visite sono strettamente limitate. Ci sono pazienti che non sono visitabili e pazienti come i bambini che invece hanno diritto ad avere un parente». L'ustione ha due parametri per considerarsi più o meno grave: l'estensione (più è grande la superficie che viene ustionata e più il paziente è grave) e la profondità, che può essere di primo, secondo e terzo grado quando cioè l'ustione brucia la pelle a tutto spessore. «Il paziente adulto e sano - precisa Caleffi - ha più probabilità di guarire di un bambino piccolo e di un anziano, perchè questi sono più fragili. I pazienti vengono trattati in maniera multidisciplinare, con la collaborazione stretta e quotidiana dell'anestesista- rianimatore, del nutrizionista, dello psicologo e di altri. In particolare per i bambini esiste il Progetto Gioco amico, con il quale si ha invece la collaborazione con operatori adeguatamente istruiti, che utilizzano giochi appropriati».
Anche le medicazioni sono particolari per questi pazienti: «Si tratta delle medicazioni avanzate per le quali si usano dei sostituti della pelle. Che vengono applicati sulle zone ustionate. Oltre al fatto che ora siamo molto attenti al protocollo per la terapia del dolore:  prima ustionarsi significava patire pene molto acute, basti pensare alla sofferenza di chi viene immerso in una vasca di disinfettante privo della copertura cutanea. Oggi invece il paziente viene sedato durante la medicazione, che può durare anche ore. Oltre al fatto che la mortalità si è abbassata ulteriormente così come è migliorata la qualità della vita dei nostri pazienti, grazie anche al servizio di psicologia che aiuta molto anche i nostri operatori sanitari. Perchè il loro non è un compito semplice. Insomma, l'ustione è il dramma peggiore che può capitare e può segnare tutta la vita». Un reparto in cui ogni paziente ha una sua storia: «I pazienti arrivano da più parti: abbiamo stranieri che si sono ustionati nelle peripezie dei viaggi della speranza o nel corso di diatribe che si scatenano fra diversi gruppi». La terapia dell'ustione non finisce al Centro Ustioni. Quando il paziente termina il ricovero della fase acuta, continua comunque ad accedere al Centro per le diverse medicazioni: «Esiste anche un rapporto con il servizio sanitario domiciliare - ricorda Caleffi - ed esistono una serie di interventi per il recupero funzionale delle diverse parti del corpo, sia con il chirurgo plastico sia con il fisioterapista della riabilitazione. Non a caso, il Centro Ustioni è compreso nell'Unità operativa della Chirurgia plastica».M.V.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • sansone angela

    25 Maggio @ 13.47

    Grazie per tutto quello che avete fatto per me, e quello che farete.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Festa al Dragoon pub di Salso

pgn

Festa al Dragoon pub di Salso Foto

Polemica tomori

Il messaggio

Toffa, malattia, post e polemiche: "Nadia, il cancro non rende fighi"

1commento

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche  Foto

social

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Trattoria "Al Voltone"

CHICHIBIO

Trattoria "Al Voltone", la generosa tradizione della Bassa

di Chichibio

Lealtrenotizie

'Ndrangheta, le infiltrazioni mettono ko le aziende sane

ALLARME MAFIE

'Ndrangheta, le infiltrazioni mettono ko le aziende sane

2commenti

RICERCA

Cuore, da Parma parte la rivoluzione farmacologica

SERIE B

Il Parma lotta e strappa un punto

1commento

weekend

Neve "pigliatutto". E poi teatro, fumetti e ballo: l'agenda del sabato

BORGOTARO

Laminam, nuove denunce e nuove smentite

Via Mameli

Tenta di rubare una bici: «placcato» dal barista

viabilità

Domenica con gelo e neve: possibili difficoltà in autostrada, anche in zona Parma

Recidivo

Ai domiciliari, continuava a spacciare cocaina

INAUGURAZIONE

Socogas inaugura due distributori sulla Brebemi

Intervista

Thomas: «Sono un anti-social, mi esprimo nei live»

CALCIO

Dilettanti e Giovanili, attività sospesa nel weekend

CARABINIERI

Spaccio di cocaina e hashish fra Parma e Borgotaro: coinvolti 6 magrebini Video

Tre magrebini sono stati arrestati, altri tre sono ricercati nell'ambito dell'operazione "Pokemon Go" dei carabinieri

TARDINI

Il Parma non batte il Venezia: finisce 1-1

Due grandi occasioni gialloblù nel primo tempo. Poi lagunari in vantaggio con Pinato raggiunti su rigore da Calaiò, appena entrato. Lo Spezia piega la Salernitana e ci supera

1commento

social

Derapate (follie?) con il quad in piazza Garibaldi Video

2commenti

PARMA

Neve in città: in azione i mezzi del Comune. Previsto un abbassamento delle temperature

E' attivo un numero verde del Comune di Parma per segnalazioni e informazioni. Scuole chiuse a Lesignano e Neviano

11commenti

Gazzareporter

Risveglio con la neve a Parma Invia le tue foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Stragi in Usa: se la proposta è armare gli insegnanti

di Paolo Ferrandi

4commenti

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

enti locali

Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna firmano il patto per l'Autonomia

Caserta

Violenza sessuale durante l'esorcismo: arrestato un sacerdote

SPORT

olimpiadi invernali

Ester Ledecka oro anche nello snowboard, male gli azzurri

Parma-Venezia

Scozzarella: "Meritavamo qualcosa di più, ma ripartiamo da questa prestazione" Video

SOCIETA'

il disco

1973: Edoardo Bennato spicca il volo

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day