Salute-Fitness

Nuova influenza - I pediatri: bimbi più a rischio? Vale anche per i virus stagionali

Nuova influenza - I pediatri: bimbi più a rischio? Vale anche per i virus stagionali
0

Bambini contagiati dall'influenza A quattordici volte più degli anziani: lo dice uno studio dei Centri per il controllo delle malattie. E il Cdc di Atlanta non smentisce: è quanto raccolto ieri dal «Corriere della sera».
Per cui, secondo l'Usa le persone più a rischio sarebbero i piccoli fino a 14 anni e i piccolissimi, al di sotto dei 4 anni. Anzi, sarebbero proprio questi ultimi ad aver registrato il maggior numero di ricoveri. Ma sarà proprio così? «I bambini sono gli iniziatori di qualsiasi epidemia - risponde il pediatra Angelo Cantarelli -.

 E il motivo è semplice: tutto nasce dalle loro aggregazioni. In pratica, i bambini si ammalano di più perchè fanno più vita comunitaria. Se teniamo presente che i bimbi al giorno d’oggi  iniziano la vita sociale ai Nidi anche a 9-10 mesi di vita, si capisce effettivamente come possano essere già disponibili ad ammalarsi di qualsiasi malattia, compresa  un’eventuale influenza da virus H1N1; credo, però,  che i bimbi ed i ragazzi non possano avere complicazioni più numerose e più serie di altre classi di età, come per esempio la terza età avanzata, che io considero, per la presenza  frequente di altre malattie di base come cardiopatie, malattie polmonari croniche, diabete e malattie tumorali, la più esposta ad eventuali complicazioni anche gravi.

 Reputo che, il maggior numero di ricoveri in età pediatrica possa essere stata causata, almeno nella prima parte dell’epidemia, e anche negli Usa, dal ragionevole timore del medico di tenere a domicilio un bimbo, eventualmente piccolo, con una possibile virosi H1N1, poi rivelatasi, fino ad ora almeno, una usuale influenzale stagionale invernale. Considero la prossima strategia vaccinale, approntata dal  Ministero della Sanità  sul virus H1N1 molto attenta e corretta, salvaguardando in primis le classi a rischio,  tra cui gli anziani  e i soggetti cronicamente ammalati di qualsiasi età, oltre alle classi professionali di rilevanza per la società».
Anche Giorgio Gazzola, segretario della Federazione italiana medici pediatri di Parma, è d'accordo: «E' verosimile - spiega Gazzola -. In quasi tutte le influenze, i bambini sono il vettore principale. Anche perchè dal punto di vista immunitario sono abbastanza inesperti. Non a caso capita spesso che i nonni si ammalano perchè i bimbi tornano a casa dall'asilo. Negli asili, infatti, la vicinanza, gli scambi e il modo di vivere permette un contagio più immediato.

 Tuttavia, non sono per niente d'accordo con ritardare l'apertura delle scuole. Senza dimenticare il fatto che i casi di nuova influenza che io stesso ho affrontato erano più blandi dell'influenza stagionale. Per cui, un conto è l'allarme e un conto è l'attenzione. E in attesa di avere precise direttive sulle strategie da affrontare e su come funzionerà la vaccinazione, non dobbiamo spaventarci».
Tutto in linea con quello dichiarato dall'oncologo Umberto Veronesi e dallo stesso assessore alla Sanità della Regione Lombardia Luciano Bresciani, che ha ribadito: «Questa influenza A è meno pericolosa di quella stagionale, ha una mortalità di 0,4 persone ogni mille contro l'uno su mille di quella classica, quindi non è grave sotto il profilo del rischio. Bisogna rivolgersi al pronto soccorso solo se ci sono condizioni critiche e preoccupanti, decise dal medico di famiglia».
«Secondo il mio parere - interviene Emanuele Voccia, segretario provinciale Cipe (Confederazione italiana pediatri) - è più corretto fare una proiezione sulle influenze stagionali con più casi che abbiamo avuto in Italia, che prendere dei risultati di un Paese con un altro modo di vivere. Per cui, se noi ci basiamo sulla nostra influenza, direi proprio che i bambini non sono più a rischio degli anziani, proprio perchè le complicanze sono diverse». «Non a caso - ricorda Voccia - i bambini che sono tornati dall'Inghilterra con la nuova influenza se la sono cavata con tre giorni e senza ricovero. Anche perchè forse è un'influenza più leggera di quella di stagione. Però è vero che se facciamo un ragionamento di sanità pubblica, il contagio tra i bambini può essere più diffusivo. Ma non dobbiamo puntare il dito solo sulla scuola, in quanto i luoghi di aggregazione sono diversi». M.V.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

Manuela Arcuri

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

feste

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

Rosy Maggiulli torna... in pista

Monza

Rosy Maggiulli torna... in pista

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

4commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

2commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

Lega Pro

Parma, sfida delicata contro il Bassano. Diretta dalle 14.30

E alle 21.30 la partita in differita su Tv Parma

1commento

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

2commenti

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

4commenti

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

6commenti

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

Palanzano

Sandra, la «musicista» delle campane

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

bologna

Agente si spara al pronto soccorso, è gravissimo

francia

Parigi, tutti salvi. Il rapinatore in fuga

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

1commento

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery