-2°

Salute-Fitness

Nuova influenza: piano straordinario in Emilia-Romagna. E a Parma la macchina per l'extracorporea

1

L'Emilia-Romagna si prepara ad affrontare l’epidemia di influenza A con un piano straordinario che prevede nell’ipotesi peggiore di far fronte ad un milione di casi (25% popolazione), il doppio rispetto a quelli delle ultime epidemie influenzali. Medici di base, guardia medica e reparti negli ospedali dovranno affrontare il picco, che secondo le autorità regionali ci sarà fra la fine di novembre e la metà di dicembre, quando si prevede che ci potranno essere anche 1000-1500 ricoveri in più alla settimana rispetto ad una media di 8.000.
L'assessore regionale Giovanni Bissoni, insieme al responsabile di sanità pubblica Pierluigi Macini ed agli altri collaboratori dell’assessorato, ha fatto il punto della situazione ribadendo che non vi sono ragioni di allarmismo perchè siamo di fronte ad una influenza dal decorso assolutamente benigno (che si manifesta con febbre, brividi e dolori articolari) nella stragrande maggioranza di casi, ma che comunque avrà costi sociali rilevanti se nel giro di poche settimane un quarto della popolazione dovrà stare a letto o in riposo. L’invito è a non farsi prendere dal panico, ma consultare il medico che valuterà se visitare il paziente, limitarsi a prescrizioni al telefono e nei casi più gravi consigliare il ricovero o una cura specialistica. «La drammatizzazione può rendere più complicato il lavoro di tutti - ha ammonito l’assessore – e l’assalto al pronto soccorso non serve, rischia di peggiorare la qualità del servizio oltre al pericolo di contrarre davvero il virus H1n1».
Finora i casi accertati in Emilia-Romagna – ha precisato Macini – sono stati 410, 1269 in totale quelli sospetti. Quattro i casi più gravi. Oltre al ragazzo di Parma ricoverato a Monza e alla disabile cinquantenne di Cesena, ci sono stati due casi seri a Bologna con i pazienti con assistenza ventilatoria che si sono risolti positivamente. Nelle ultime settimane la percentuale dei ricoveri sui casi segnalati è attorno al 3.9- 4.5%. Fra le misure prese dall’assessorato per far fronte all’espandersi dell’epidemia c'è anche il potenziamento delle macchine per la circolazione extracorporea risultate decisiva per salvare la vita al giovane di Parma ricoverato a Monza. Due sono al S.Orsola che ne riceverà altre due di ultima generazione, mentre l’altro presidio che ne verrà dotato è l’ospedale Maggiore di Parma. Verrà potenziata l’attività della guardia medica, mentre medici di base e pediatri verranno coinvolti da un accordo quadro a livello nazionale.
Per quanto riguarda la vaccinazione, Bissoni ha spiegato che la Regione è pronta, ma sulle modalità si attendono le decisioni del ministero e proprio domani c'è un incontro a Roma. «Ci sono alcuni nodi da sciogliere – ha chiarito – che riguardano i ragazzi al di sotto dei 18 anni o solo quelli a rischio, le donne in gravidanza ed i pazienti cronici». «Noi forniremo il nostro contributo ma alla fine ci atterremo agli indirizzi nazionali». Il piano predisposto finora prevede comunque due fasi: la prima per 400 mila persone che comprende il personale sanitario e le persone a rischio fra i 2 ed i 65 anni. La seconda, tutte le persone di età compresa fra 2 e 27 anni per circa un altro milione di persone. In totale dunque la vaccinazione dovrebbe riguardare il 40% della popolazione. È confermato – lo ha spiegato Macini – che il contagio colpisce di più i giovani e i bambini al di sotto dei 20 anni (57%), mentre solo il 2% dei casi riguarda persone al di sopra dei 60 anni.  Per quanto riguarda la scuola, Bissoni ha chiarito che non ci saranno provvedimenti nazionali di chiusura o sospensione dell’attività, che parte regolarmente la prossima settimana. Gli eventuali provvedimenti – ha aggiunto – saranno presi sulla base di situazioni locali, anche «se i criteri per sospendere le lezioni verranno messi a punto a livello nazionale». Infine a breve ci sarà un incontro fre le autorità sanitarie e l’assessore regionale Giovanni Sedioli per definire una campagna informativa specifica per le scuole.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • mo69

    10 Settembre @ 09.00

    Sono perplessa come mamma di una bimba di 4 anni. Ok, è un'influenza come le altre, solo molto più contaggiosa. Il picco si prevede tra novembre e dicembre ... ma allora a che serve la campagna di vaccinazione a gennaio? Con un vaccino per lo più di dubbia efficacia o quantomeno di cui si ignorano tanti effetti eventuali collaterali? In Francia gli operatori sanitari rifiutano il vaccino. Sinceramente penso che ok il vaccino per i soggetti a rischio, sicuramente gli effetti collaterali sono meno gravi dei danni che l'influenza può portare ad un malato cronico, ma in persone sane....forse è meglio passare l'influenza ..... ma questo nessuno lo dice, anzi si parla di vaccinazione di massa...... io sono favorevole ai vaccini in generale, a mia figlia li ho fatti tutti, anche quelli facoltativi...ma si parla di malattie gravi come la meningite...... o la poliomelite.... ma per un'influenza?....non so

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

11commenti

tribunale

Rappresentante, si prende le porte blindate dello stand: condannato

L'accusa era anche di pagamenti con assegni oggetti di furto e protestati

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

15commenti

reggio emilia

I tifosi della Reggiana ci ricascano: assalto al bus dei veneziani

Dopo il derby contro il Parma nuovo agguato degli ultras granata con pietre e fumogeni

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

1commento

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

16commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017