11°

Salute-Fitness

Malattie delle vene: Casoni vola negli States

Malattie delle vene: Casoni vola negli States
Ricevi gratis le news
0

di Roberta Marcuccilli
Da Parma negli States, in California, per parlare di una tecnica chirurgica che ha nelle mani il suo punto di forza.
L’invito è arrivato a Paolo Casoni, chirurgo vascolare che terrà un corso durante il ventitreesimo congresso internazionale sulla flebologia.  In programma dal 5 al 10 novembre.
Parma ci sarà, in rappresentanza dell’Italia intera. E Casoni anticipa ai lettori una novità importante: in città aprirà un centro flebolinfologico, che si occuperà di tutte le patologie legate alle vene.
 Dottor Casoni, gli americani sono stati i primissimi cultori del laser. Che fanno? Si piegano a noi?
«Ebbene sì - risponde Paolo Casoni -. Gli americani sono stati i fautori dell’endolaser e praticano ancora la chirurgia flebologica tradizionale. Che si basa sull'utilizzo del laser. Ma la situazione sta cambiando, forse anche per gli effetti della crisi finanziaria. Partecipo al congresso ogni anno, ma stavolta mi hanno chiesto di tenere un corso per parlare della nostra tecnica. Ne sono orgoglioso, è un’occasione importante per il nostro Paese». 
In cosa consiste esattamente questa tecnica?
«Per la risoluzione dei problemi vascolari non prevede l’uso del laser, ma quello delle mani - continua il chirurgo Paolo Casoni -. È una tecnica decisamente economica che comporta un notevole risparmio. Sia chiaro, non ho nulla contro il laser. Ma le nostre sono metodiche alternative che possono essere esportate in tutto il mondo. Ora anche gli americani vogliono saperne di più di chirurgia moderna».
Qualche novità per Parma?
 «Sì, anche Parma avrà un centro flebolinfologico che si occuperà delle varie patologie riguardanti le vene. È un progetto, ormai in fase avanzata, che si concretizzerà molto probabilmente nel 2010. La sede sarà in una delle cliniche della nostra città. Non posso dire di più, non mi sbilancio oltre».
Una buona notizia per noi, ma soprattutto per i Paesi poveri ...
«Certo, è una tecnica particolarmente gradita ai Paesi poveri. Mi hanno invitato anche in Sudamerica, a un congresso che si terrà a Buenos Aires dal 21 al 25 aprile del prossimo anno. Di buono, oltre al risparmio, c'è l'elemento soggettivo. Questa tecnica, proprio perché manuale, prevede uno studio accurato dell’anatomia e dell’emodinamica di ciascun soggetto. Ogni intervento è personalizzato».
 Quali sono le complicanze più frequenti dopo un intervento del genere?
«Zero complicanze. Nessun dolore post operatorio. Il paziente può tornare a camminare subito e non deve assentarsi dal lavoro. I risultati di questo tipo di intervento li ho già presentati in un congresso a Montecarlo: su 1500 persone operate, nel 98 percento dei casi non c'è stato alcun inconveniente».
Come si arriva a risolvere i problemi vascolari con le mani?
 «Io mi sono formato in giro per il mondo, soprattutto in Francia, Canada e Stati Uniti. Gli States mi hanno conosciuto come allievo, presto tornerò da maestro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

2commenti

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

ALLUVIONE

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

PARMA

I torrini del Battistero danneggiati: arrivano le impalcature Foto

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

PARMA

Accordo fra Tep e sindacati: oggi niente sciopero, autobus regolari

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

polizia

Via Pelizzi, i ladri narcotizzano il cane e minacciano con le mazze il padrone di casa

Tre furti compiuti, uno tentato e due cassaforti sparite in un solo pomeriggio

1commento

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove sono

1commento

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

AUTOSTRADE

Scontro fra due camion: mattinata di disagi attorno a Bologna

SPAZIO

E' atterrata la Soyuz: l'astronauta Paolo Nespoli è tornato sulla Terra

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

Serie B

Ternana-Parma: le pagelle in dialetto Video

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS