15°

Salute-Fitness

Influenza A: resta grave la 51enne a Vaio. Un fidentino ricoverato in Medicina

Influenza A: resta grave la 51enne a Vaio. Un fidentino ricoverato in Medicina
14

Sono gravi ma stazionarie le condizioni di una 51enne ricoverata da venerdì in Rianimazione all’ospedale di Vaio.
La signora, residente in un Comune dell’Alta Valtaro, è risultata positiva al virus dell’influenza A H1N1, come confermato dall’esito del tampone faringeo cui è stata sottoposta al momento del ricovero. Ricoverata a causa di gravi condizioni respiratorie, la paziente soffre di altre rilevanti patologie concomitanti, tra cui una grave broncopneumopatia cronica ostruttiva. Attualmente è sottoposta a ventilazione forzata.

UN 60ENNE RICOVERATO IN REPARTO. Non sono gravi invece le condizioni di un 60enne fidentino ricoverato nel reparto di Medicina generale. Presenta i sintomi della nuova influenza e i medici stanno effettuando gli accertamenti del caso.

VACCINAZIONI - Sarà una delle più imponenti campagne sanitarie degli ultimi anni. A Parma e provincia stanno per essere recapitate, ai «soggetti a rischio» 40 mila lettere che avvertono che, ai primi di novembre, parte la seconda fase della vaccinazione contro l'influenza A H1N1, e danno informazioni su come e quando sarà somministrato il vaccino. Anzi, i vaccini. Quest'anno infatti l'iniezione sarà doppia: sul braccio sinistro quella contro l'influenza stagionale, sul destro (è una direttiva regionale che uniforma il sito di iniezione, anche per poter meglio valutare eventuali reazioni allergiche) quella contro l'influenza A.

Così si spera di arginare un virus che ha dimostrato un'alta capacità di propagazione: a Parma e provincia, da giugno a ottobre, l'influenza A avrebbe già colpito 468 persone (ma i casi confermati con il tampone sono solo 55), il dato più alto di tutta la Regione. E, secondo le stime, potrebbe mettere a letto dalle 40 mila alle 60 mila persone, solo nel comune di Parma, rischiando di farne finire all'ospedale dalle 800 alle 1200. Previsioni pessimistiche, come ha tenuto a precisare Ettore Brianti, direttore sanitario dell'Ausl di Parma, presentando la campagna vaccinale, ma è meglio essere preparati al peggio, sperando che tutto vada per il meglio. Ossia che la pandemia, e la concomitante «classica» influenza stagionale, non mandino in tilt la città, compromettendo servizi pubblici essenziali. Il principale «attore» della campagna contro l'influenza A H1N1 sarà l'Ausl, con l'aiuto dei medici di famiglia (ma non i pediatri: per i bimbi la vaccinazione sarà solo negli ambulatori Ausl) che, soprattutto in provincia, hanno dato ampia disponibilità ad effettuare la vaccinazione nei loro ambulatori: in Valtaro e Valceno, fa notare ad esempio Brianti, il 90% dei medici di base. Diversa la situazione in città, dove - nonostante il recente accordo a Bologna fra assessorato alla Salute della Regione e Fimmg, il principale sindacato dei medici di famiglia che a Parma conta 180 iscritti - pochi professionisti hanno dato la disponibilità a somministrare il vaccino per l'influenza pandemica: in totale finora un centinaio sui 317 medici di Parma e provincia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    03 Novembre @ 18.30

    Caro signor Floris, per quale ragione lo Stato italiano abbia deciso di acquistare il "Focetria", piuttosto degli altri vaccini anti-AH1N1/v autorizzati dall' EMEA , francamente non lo so. Le dirò che c' è un' altra cosa che non sono finora riuscito a sapere : quanto l' ha pagato. Queste sono comunque considerazioni di natura "commerciale". Dal punto di vista medico i tre vaccini sono uguali. Le confermo che, negli USA , come "adiuvante" , usano i sali d' alluminio, però , nella lettera , che ho letto, nella quale la Food and Drug Administration autorizza la commercializzazione del "Focetria", non si dice nulla dell' MF59, quindi, a questo punto , può essere che anche la FDA abbia rivisto le proprie posizioni in proposito. Le complicanze , le reazioni avverse e gli effetti collaterali ci sono con tutti i farmaci. Anche l' alluminio ed i suoi sali possono essere tossici. Le reazioni collaterali avverse di qualche rilievo da MF59 sono estremamente rare. Nel lavoro pubblicato il 10 Settembre scorso su una delle più importanti Riviste Medico-Scientifiche del Mondo (qualcuno dice la più importante) , il "New England Journal of Medicine" , gli sperimentatori dicono che il vaccino anti-AH1N1/v "adiuvato" con MF59 è risultato essere efficace e sicuro, non ha dato effetti collaterali e reazioni avverse superiori a quelle del vaccino non "adiuvato" , ed è stato seguito da una migliore risposta immunitaria, più rapida ed abbondante, al punto che, mentre , del vaccino non "adiuvato" , si raccomandano due somministrazioni, per quello "adiuvato" ne basta una sola. Lei capisce l' importanza di questo. Gli Assistiti conseguono l' immunità prima e meglio, e , con lo stesso quantitativo di farmaco, si può vaccinare un numero doppio di persone. Gli stessi Autori del lavoro avvertono, comunque, che i risultati sono da prendere con cautela , perché si riferiscono ad un periodo di tempo troppo breve e ad un numero di Pazienti troppo piccolo. Però , sta di fatto che i dati scientifici che abbiamo fino al momento attuale sono questi. Quindi se, in Germania , i Politici e le Alte Gerarchie militari hanno ricevuto il vaccino "non adiuvato", forse sono al riparo dal remotissimo rischio di qualche reazione avversa all' MF59 , ma hanno anche un' immunizzazione più scarsa. Ad ogni buon conto pure le nostre Autorità Sanitarie , che raccomandano, per i soggetti a rischio, sia la vaccinazione per la comune "stagionale" che la vaccinazione per la "pandemica", consigliano di usare vaccino non "adiuvato" per la "stagionale" , ed "adiuvato" per la "pandemica" . Le "posizioni contrastanti nell' ambito della Comunità Medica" ci sono quasi su tutto, signor floris. Prima di raggiungere "punti fermi" accettati da tutti ci vogliono anni di rigorose sperimentazioni , e poi, e poi..... Sono d' accordo con Lei che vadano evitati inutili allarmismi e che il panico non solo sia inutile , ma controproducente, però bisognerebbe anche che l' Opinione Pubblica si decidesse, perché, se le cose non si dicono, c' è un oscuro segreto , se si dicono si fa allarmismo. Io credo che, certe notizie, dovrebbero essere a conoscenza di chi ha la preparazione e la competenza per gestirle, però, poi, non vorrei che si dicesse che ci sono "gnomi" maligni nel fitto della foresta che tramano alle spalle dell' Umanità. Se lo stesso Presidente USA Obama ha detto che siamo in presenza di un' "emergenza nazionale" , insomma, vuol dire che qualcosa d' importante c' è, e non è solo allarmismo gratuito. Sembra accertato che la "pandemica" sia molto più contagiosa della "stagionale". Si diffonde più estesamente e rapidamente. Personalmente, ma non ho nessuna prova scientificamente accettabile, credo che , se andassimo in giro per la strada e facessimo il "tampone" a tutti quelli che incontriamo, ne troveremmo un sacco positivi all' AH1N1/v , che lamentano solo un modesto raffreddore. Prendo atto di ciò che le Autorità Sanitarie dicono , che la mortalità della "pandemica" non è superiore, anzi, è inferiore a quella della "stagionale" , anche se , secondo me, sarebbe meglio aspettare un pò a dirlo, visto che siamo solo all' inizio. Però , cosa devo dirle, è una mia sensazione "epidermica" , che, sul piano scientifico , non vale assolutamente nulla, ma, finché muoiono portatori di serie patologie croniche , non mi meraviglio, ma che muoiano in pochi giorni bambini precedentemente sani , non mi piace. La situazione di Napoli , poi, è decisamente anomala, anche se potrebbe essere un' anticipazione di quel che , in seguito, avverrà anche in tutto il resto d' Italia.

    Rispondi

    • floriana chiari

      03 Novembre @ 19.42

      Grazie, signor Vercingetorige, per le sue risposte articolate e scrupolose. Ora approfitto della sua gentilezza e della sua competenza per sottoporre alla sua attenzione (e anche a quella degli altri lettori) la seguente notizia, presente su un sito che mi è stato segnalato e che si chiama (ehm, perdoni ... ma il nome è quello lì) www.infermierincazzati.it: non conosco il sito né quindi la sua attendibilità, ma un utente vi ha riportato quanto segue: "Il discusso vaccino distribuito per cercare di ostacolare il diffondersi dell'influenza H1N1 ha presumibilmente prodotto le prime morti: sono quattro donne svedesi che, in quanto infermiere, rientravano nelle categorie a rischio indicate dai governi e si sono sottoposte a vaccinazione usando il farmaco Pandemrix della GlaxoSmithKline, un preparato contenente mercurio e squalene. Aumentano anche i casi di effetti tossici dovuti all'inoculamento del vaccino. Sono ormai centinaia i ricoveri avvenuti a causa delle forti reazioni allergiche seguite alla vaccinazione; i primi sintomi che si denunciano sono febbre, dolori muscolari, mal di stomaco, mal di testa, vertigini, stanchezza seguiti da forti dolori in sede di iniezione e da un senso di costrizione toracica che causa dispnea". Il medesimo utente afferma poi che l'unico giornale ad avere chiaramente denunciato la pericolosità del vaccino è lo svedese "Expressen": non conosco lo svedese e non sono così in grado di verificare. Sarebbe infatti utile capire bene quale sia la fonte prima da cui si è generata la notizia relativa alla morte delle quattro infermiere, forse - e si sottolinea "forse" - causata dal vaccino. Così come desta un inquieto stupore la notizia, riferita come certa, sulle centinaia di persone ricoverate per gli effetti tossici del vaccino stesso. Questo il link della pagina del giornale svedese che parla del vaccino: http://www.expressen.se/halsa/1.1750592/de-blev-sjuka-av-vaccinet%20 Ma che brutta matassa da sbrogliare che è questa vicenda. Non vorrei inseguire "infondate voci di corridoio" né perdermi dietro chiacchiere, ma credo sarebbe davvero importante riuscire a verificare l'attendibilità della notizia, averne cioè un riscontro certo.

      Rispondi

  • floriana chiari

    03 Novembre @ 14.21

    Intendevo "monopolio" nella distribuzione del farmaco in Italia,signor Vercigetorige. Quindi per ora lo stato italiano predilige la Novartis, e non è dato a noi comuni mortali sapere perché. Inoltre lo squalene, adiuvante, è contenuto nel vaccino Focetria. Lei dice che il Focetria è autorizzato per l'uso anche negli USA, ma in suo precedente post ha scritto che negli USA l'adiuvante è costituito da sali di alluminio, quindi il vaccino non è identico al nostro (se ho capito bene). Se poi teniamo conto dell'intervento del sig.Bruno Carloni, apprendiamo che in Germania alle alte sfere militari e politiche il vaccino con l'adiuvante non viene somministrato. Direi che il tutto ingenera molte perplessità, e denota posizioni contrastanti nell'ambito della comunità medica in primis. Tornando alla visibilità di certe notizie (reperibili sì in rete ma proprio per questo ancora appannaggio di una minoranza): è fuori di dubbio che le vittime dell'influenza suina ottengono la prima pagina nei giornali e sono la prima notizia nei telegiornali, cosa che non si è mai verificata per l'influenza stagionale (la "conta delle vttime", insomma). Allora questo allarmismo quanto è giustificato effettivamente e quanto creato dalla modalità di comunicazione di certe notizie? Però intanto il panico si sta diffondendo: non sarebbe allora il caso che i mass-media per una volta tanto ridimensionassero la predilezione per la notizia "urlata", se poi da fonti ministeriali ci si dice che non c'è motivo, per ora, di allarmarsi oltre misura?

    Rispondi

  • Francesco

    03 Novembre @ 12.33

    Signor floris, "Focetria" è il nome commerciale di una Specialità medicinale , quindi è ovvio che il produttore ne abbia il "monopolio". I vaccini anti-AH1N1/v approvati dall' Agenzia Europea della Farmacovigilanza ( EMEA ) sono tre : il "Focetria" della Novartis Vaccines and Diagnostics , il "Pandermix" della Glaxo Smith and Kline , ed il "Celvopan" della Baxter. Lo Stato italiano, al momento, per i rifornimenti al Servizio Sanitario Nazionale, ha comperato il "Focetria". Il "Focetria" è autorizzato anche dalla Food and Drug Administration per l' uso negli Stati Uniti.

    Rispondi

  • Francesco

    02 Novembre @ 18.00

    Vedo, signor floris, che , da quanto scrive nel suo messaggio delle ore 8,22 , i dati che le interessano comincia a trovarli. Io non posso che confermarle che ce ne sono, e ne vengono pubblicati, tali e tanti che, usando un comune "motore di ricerca" , se ne trovano a bizzeffe. Comunque mi permetto di segnalargliene un paio, che , a me, sono piaciuti. L' Organizzazione Mondiale della Sanità pubblica , ogni sette giorni , un bollettino settimanale sull' argomento. L' ultimo , numero 72, del 30 Ottobre scorso, lo può trovare a http://www.who.int/csr/don 2009_10_30/en/index.html . Interessante, ma, soprattutto, pieno di "link" molto autorevoli è http://www.ccm-network.it/node/752 Pure interessante è http://www.simg.it/documenti/Rivista/2008/04_2008/7.pdf Ripeto, ce ne sono a bizzeffe.

    Rispondi

  • floriana chiari

    02 Novembre @ 13.43

    A questo link si trova l'O.M. 20/10/2009 in materia di misure urgenti per il virus AH1N1v. La Novartis ha il monopolio del vaccino "Focetria" o ho capito male io? http://www.normativasanitaria.it/normsan-pdf/0000/30796_1.pdf

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il lago Santo visto dal drone

Fotografia

Il lago Santo visto dal drone Foto

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora

Napoli

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

IL VINO

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto

Parma

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

1commento

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Anteprima Gazzetta

Auto di lusso rubate e rivendute all'estero: 88 richieste di rinvio a giudizio Video

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Ricerca

Top 500: imprenditoria sana, buoni risultati per tutti i settori a Parma Video Foto

Il presidente dell'Upi Alberto Figna spiega i contenuti della ricerca

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

5commenti

Inchiesta

Tecnici Bonatti uccisi in Libia: rischio di processo per 6 persone

Trasporto pubblico

Con Busitalia tornerà Mauro Piazza: "I timori per il personale? Solo terrorismo"

14commenti

Gazzareporter

Ponte delle Nazioni: aiuola nel degrado Foto

parma calcio

Parma, manca l'insostituibile Baraye: Scaglia in attacco? Video

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

3commenti

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

vigili

Sicurezza e giovani, Noè: "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

11commenti

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

RICERCA

Batteri resistenti agli antibiotici: l'Efsa lancia l'allarme

L'Italia è fra i Paesi più a rischio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

9commenti

GAZZETTA

Enogastronomia: un inserto di 6 pagine

ITALIA/MONDO

NASA

Scoperto un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra Foto

BIELLA

Crolla la copertura di un pilastro, muore una bambina

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv