20°

Salute-Fitness

Il virus A muta, ma il vaccino è ancora valido

0

 Sono portatore di una malattia cronica, per cui ho anche subito un intervento  chirurgico, e mi hanno chiamato per la vaccinazione contro il virus AH1N1.  Sono incerto sul vaccinarmi adesso sia perché sembra essere tardi, sia perché leggo sul giornale che il virus è mutato, e quindi è legittimo dubitare che questo vaccino sia inutile, anche se  non viene detto per motivi economici.

 
 Risponde il medico Fabrizio Pallini
 E’ vero che il virus, nei suoi passaggi da un individuo all’altro, ha subito alcune mutazioni, però di tipo «minore», non tali cioè da modificare la sua conformazione complessiva. Pertanto il vaccino è ancora perfettamente valido, e gli anticorpi che vengono formati in seguito alla vaccinazione sono in grado di bloccare e uccidere il virus influenzale pandemico. Diverso sarebbe stato se le mutazioni fossero di tipo «maggiore»; in quel caso il virus sarebbe diventato irriconoscibile dagli anticorpi, cosa che per fortuna non si è verificata. Per quanto riguarda l’opportunità di vaccinarsi oggi, la raccomandazione è chiara: occorre completare il più velocemente  possibile la vaccinazione delle categorie a rischio, per scongiurare  un eventuale secondo picco pandemico, in occasione di un brusco e duraturo abbassamento della temperatura esterna, che in passato si è verificato  nelle epidemie influenzali dovute al virus di tipo A e per evitare altresì l’eventuale possibilità di una ulteriore mutazione o ricombinazione del virus. 
 
 A dieci anni  da un intervento chirurgico, eseguito nel 1978, durante il quale  ho  ricevuto una trasfusione di sangue o emoderivati, ho sviluppato  un’epatite, dapprima definita non A non B, e poi rivelatasi  C cronica attiva. Sono stata  sottoposta a cicli terapeutici con interferone e altri farmaci che hanno rallentato la malattia, ma anche provocato effetti collaterali spiacevoli. E' ancora possibile inoltrare richiesta di risarcimento,  considerando che nella copia della mia cartella clinica non risulta l’avvenuta trasfusione? 
 
Risponde il medico Lucia Ferrari
La correlazione fra la trasfusione, effettuata nel 1978, e i primi sintomi dell’epatite cronica attiva evidenziati nel 1988, è possibile. Infatti il 90% dei casi di epatite C decorre in forma asintomatica o lieve, senza febbre, senza ittero o altri sintomi percepibili.  Però in una percentuale di circa il 50% tale infezione asintomatica va incontro a cronicizzazione.
 L’epatite C è inoltre conosciuta soprattutto come forma post-trasfusionale. La mancanza di una documentazione in cartella clinica dell’avvenuta trasfusione, relativamente frequente in quegli anni, rende difficile l’attribuzione certa dell’epatite, anche se i livelli di transaminasi, bassissimi prima dell’intervento, possono costituire una prova importante. 
Se infatti si potessero dimostrare incrementi delle medesime transaminasi entro tre mesi dalla trasfusione o comunque dall’intervento chirurgico, si potrebbe concludere per una più che probabile relazione di causa-effetto. 
 
Risponde l'avvocato  Lorenzo Isoppo 
Ove si lamenti  un danno permanente all’integrità psicofisica derivante da trasfusione, sempre qualora ne ricorrano i presupposti, il paziente  potrà inoltrare domanda di indennizzo ai sensi della legge 25.92.1992 n° 210 oppure  promuovere, a sua scelta, una azione civile volta al risarcimento del danno (indennizzo e risarcimento sono concetti giuridici differenti). Tuttavia, occorrerà preliminarmente verificare  se sussiste il nesso di causalità tra la trasfusione ricevuta, in ambito ospedaliero, e la patologia, oltreché i presupposti  dell’azione. Venendo alla domanda della paziente sulla prescrizione del diritto all’indennizzo,   una pronuncia della   Suprema Corte    (Cass. sez. un. 11/1/2008 n. 583)   chiarisce  come  la prescrizione non  venga  fatta decorrere né a partire dall'evento lesivo né dal momento in cui la malattia si manifesta, bensì da quando il paziente la percepisce. In buona sostanza non essendo sufficiente l'insorgere della malattia per far decorrere la prescrizione, essa decorrerebbe dal momento in cui  il contagiato sia in grado di ricollegarla alla condotta della struttura sanitaria e percepirla come sua conseguenza dannosa. Solo da quel momento  potrebbe voler far valere il proprio diritto al risarcimento del danno. Nel caso della lettrice, prima di affrontare il lungo e costoso «iter» di una causa civile dall’esito incerto, consiglierei di interpellare un medico legale per una approfondita  disamina della cartella clinica al fine di valutare, quantomeno, la proponibilità della richiesta di indennizzo ex legge 210 del 1992 e l’effettiva assenza di annotazioni  della trasfusione in cartella clinica.  Se  nella cartella non si trovasse traccia dell’avvenuta somministrazione di sangue e/o emoderivati, riterrei difficoltoso dimostrare  la riconducibilità della patologia in nesso causale col comportamento della struttura sanitaria.
 
Inviate le vostre domande a sito@gazzettadiparma.net e le gireremo agli autori della rubrica
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

David, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film

DAVID

La pazza gioia, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film Video

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Maxi-sequestro di armi da guerra in provincia. In manette in cinque

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

1commento

Crisi

Copador, si apre la strada del risanamento

corte dei conti

Interviste a pagamento, assolto Villani. Condannati 6 ex consiglieri regionali

1commento

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

2commenti

Femminicidio

La madre di Alessia: «Oggi compirebbe 40 anni»

Personaggi

Francesco Canali, messaggio di speranza ai malati di Sla

sondaggio

Le cose buone e belle di Parma? Boom di voti online

Il personaggio

Bassi: «Il Parma a Gubbio finalmente ha fatto il Parma»

Lavoro

Gli agricoltori contro l'abolizione dei voucher

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

Lutto

Addio a Carlo Carli, pioniere del marketing

Intervista

Uto Ughi: «Un buon violino è come una Ferrari»

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

9commenti

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

4commenti

LA BACHECA

Venti offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

roma

Massacrato dal branco: fermati due fratelli. Si nascondevano da parenti

Salute

Ausl, caso di meningococco nell'Appennino reggiano

SOCIETA'

La polemica

Due ragazze indossano i leggings: United nega l'imbarco

3commenti

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

1commento

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017