10°

22°

Ospedale

Mal di testa? Diamoci un «taglio»

Mal di testa? Diamoci un «taglio»
Ricevi gratis le news
0

Monica Tiezzi

Curare l'emicrania con la chirurgia, invece che con i farmaci: si può e l'ospedale di Parma ha messo a punto una tecnica innovativa che si è guadagnata un articolo sul numero di maggio della rivista scientifica internazionale «The journal of craniofacial surgery».

La tecnica consiste - spiega Edoardo Raposio della sezione di Chirurgia plastica del dipartimento di Scienze chirurgiche dell'Università di Parma, responsabile della Chirurgia della cute ed annessi dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma - nella sezione di piccoli muscoli situati sopra le sopracciglia o sulla nuca (a seconda del punto di origine del dolore) con un'incisione di pochi centimetri nel cuoio capelluto e con l’uso di un endoscopio, per «liberare» nervi (i nervi sopratrocleare e sopraorbitale nella fronte, i nervi grande e piccolo nella zona occipitale) che altrimenti, irritandosi per la compressione dei muscoli, innescano gli attacchi di emicrania.

L'idea dell'intervento è nata casualmente negli Stati Uniti 15 anni fa quando alcuni chirurghi plastici si sono resi conto che pazienti affetti da emicrania e sottoposti a lifting nella parte superiore del volto con chirurgia endoscopica riferivano la riduzione o scomparsa degli attacchi.

La tecnica messa a punto negli Usa, e poi esportata, prevede però ben cinque tagli nella fronte e un solo taglio, ma di diversi centimetri, nella nuca, e richiede l'anestesia totale. «A Parma abbiamo iniziato ad eseguire questo intervento quattro anni fa, operando complessivamente circa 120 pazienti, e negli ultimi due anni siamo riusciti a renderlo meno invasivo: un solo taglio di poco più un centimetro sulla fronte, nascosto dai capelli, e un taglio di meno di cinque centimetri nella parte occipitale, anche questo nascosto dal cuoio capelluto. Così si evita l'anestesia totale a favore di quella locale e di una leggera sedazione, e il paziente resta in ospedale solo la notte successiva all'operazione», spiega Raposio.

Il trattamento al Maggiore viene eseguito gratuitamente (unico ospedale pubblico in Italia) in convenzione con il servizio sanitario nazionale e per questo richiama persone da tutta Italia. Finora sono stati operati con la tecnica mininvasiva una sessantina di pazienti e lo studio pubblicato ne ha presi in esame 43.

Chi è candidato a questo intervento? «Non chi soffre di cefalea secondaria, cioè causata da altre patologie, ad esempio una neoplasia cerebrale, e neppure di cefalea a grappolo, contraddistinta da un dolore violento dietro l'occhio. Possono invece essere operate le persone afflitte da cefalea muscolo-tensiva, una forma che interessa il 13% della popolazione, ed emicrania, perchè in questi casi si rimuove la causa del dolore, ossia la tensione muscolare che rende i nervi una “miccia” dell'attacco di cefalea», dice Raposio.

Ma non per tutti è indicata la via chirurgica, spiega Raposio: «Vale solo per coloro che hanno già tentato, senza trovare benefici, tutte le possibili terapie farmacologiche, o che hanno presentato pesanti effetti collaterali».

L'intervento dura circa due ore. Il chirurgo, dopo aver praticato l'incisione, penetra sotto la pelle con un endoscopio della sezione di circa un centimetro e, grazie alla telecamera e agli strumenti chirurgici contenuti nello strumento, seziona i muscoli che comprimono i nervi (i quattro sopra le sopracciglia, o i due alla base del collo) responsabili degli attacchi di cefalea. «Il decorso post operatorio è noioso per i pazienti operati sulla fronte, per le ecchimosi sulle palpebre superiori che guariscono in un paio di settimane. Ma già un giorno dopo l'intervento, sia i pazienti operati sulla fronte che sulla nuca, possono, ad esempio, lavarsi i capelli», dice il chirurgo.

I risultati? «Nel 45% dei casi l'intervento è risolutivo, con la totale scomparsa dei sintomi. Per un altro 45% di pazienti gli attacchi si riducono in modo significativo di frequenza, durata ed intensità. Un altro 10% non risponde al trattamento. Sono dati che dimostrano che la nuova tecnica mininvasiva garantisce gli stessi risultati di quella più cruenta», dice Raposio.

Oltre a migliorare la qualità di vita dei pazienti, l'intervento ha significativi risvolti economici e sociali: «Diminuiscono le spese per farmaci e visite specialistiche, e calano anche le assenze sul lavoro», conclude Raposio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

2commenti

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

3commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

gazzareporter

Via Cavour: sul marciapiede compare Giuseppe Verdi

Foto di Alberto

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Turista morto in Santa Croce: tre avvisi di garanzia

TRAGEDIA

Como, 49enne dà fuoco alla casa e si uccide con tre dei suoi figli Foto

SPORT

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Moto

Rossi: "Qui non sai mai come andrà domani"

SOCIETA'

langhirano

Bellezze in passerella a Pilastro

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto