11°

Ospedale

Mal di testa? Diamoci un «taglio»

Mal di testa? Diamoci un «taglio»
Ricevi gratis le news
0

Monica Tiezzi

Curare l'emicrania con la chirurgia, invece che con i farmaci: si può e l'ospedale di Parma ha messo a punto una tecnica innovativa che si è guadagnata un articolo sul numero di maggio della rivista scientifica internazionale «The journal of craniofacial surgery».

La tecnica consiste - spiega Edoardo Raposio della sezione di Chirurgia plastica del dipartimento di Scienze chirurgiche dell'Università di Parma, responsabile della Chirurgia della cute ed annessi dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma - nella sezione di piccoli muscoli situati sopra le sopracciglia o sulla nuca (a seconda del punto di origine del dolore) con un'incisione di pochi centimetri nel cuoio capelluto e con l’uso di un endoscopio, per «liberare» nervi (i nervi sopratrocleare e sopraorbitale nella fronte, i nervi grande e piccolo nella zona occipitale) che altrimenti, irritandosi per la compressione dei muscoli, innescano gli attacchi di emicrania.

L'idea dell'intervento è nata casualmente negli Stati Uniti 15 anni fa quando alcuni chirurghi plastici si sono resi conto che pazienti affetti da emicrania e sottoposti a lifting nella parte superiore del volto con chirurgia endoscopica riferivano la riduzione o scomparsa degli attacchi.

La tecnica messa a punto negli Usa, e poi esportata, prevede però ben cinque tagli nella fronte e un solo taglio, ma di diversi centimetri, nella nuca, e richiede l'anestesia totale. «A Parma abbiamo iniziato ad eseguire questo intervento quattro anni fa, operando complessivamente circa 120 pazienti, e negli ultimi due anni siamo riusciti a renderlo meno invasivo: un solo taglio di poco più un centimetro sulla fronte, nascosto dai capelli, e un taglio di meno di cinque centimetri nella parte occipitale, anche questo nascosto dal cuoio capelluto. Così si evita l'anestesia totale a favore di quella locale e di una leggera sedazione, e il paziente resta in ospedale solo la notte successiva all'operazione», spiega Raposio.

Il trattamento al Maggiore viene eseguito gratuitamente (unico ospedale pubblico in Italia) in convenzione con il servizio sanitario nazionale e per questo richiama persone da tutta Italia. Finora sono stati operati con la tecnica mininvasiva una sessantina di pazienti e lo studio pubblicato ne ha presi in esame 43.

Chi è candidato a questo intervento? «Non chi soffre di cefalea secondaria, cioè causata da altre patologie, ad esempio una neoplasia cerebrale, e neppure di cefalea a grappolo, contraddistinta da un dolore violento dietro l'occhio. Possono invece essere operate le persone afflitte da cefalea muscolo-tensiva, una forma che interessa il 13% della popolazione, ed emicrania, perchè in questi casi si rimuove la causa del dolore, ossia la tensione muscolare che rende i nervi una “miccia” dell'attacco di cefalea», dice Raposio.

Ma non per tutti è indicata la via chirurgica, spiega Raposio: «Vale solo per coloro che hanno già tentato, senza trovare benefici, tutte le possibili terapie farmacologiche, o che hanno presentato pesanti effetti collaterali».

L'intervento dura circa due ore. Il chirurgo, dopo aver praticato l'incisione, penetra sotto la pelle con un endoscopio della sezione di circa un centimetro e, grazie alla telecamera e agli strumenti chirurgici contenuti nello strumento, seziona i muscoli che comprimono i nervi (i quattro sopra le sopracciglia, o i due alla base del collo) responsabili degli attacchi di cefalea. «Il decorso post operatorio è noioso per i pazienti operati sulla fronte, per le ecchimosi sulle palpebre superiori che guariscono in un paio di settimane. Ma già un giorno dopo l'intervento, sia i pazienti operati sulla fronte che sulla nuca, possono, ad esempio, lavarsi i capelli», dice il chirurgo.

I risultati? «Nel 45% dei casi l'intervento è risolutivo, con la totale scomparsa dei sintomi. Per un altro 45% di pazienti gli attacchi si riducono in modo significativo di frequenza, durata ed intensità. Un altro 10% non risponde al trattamento. Sono dati che dimostrano che la nuova tecnica mininvasiva garantisce gli stessi risultati di quella più cruenta», dice Raposio.

Oltre a migliorare la qualità di vita dei pazienti, l'intervento ha significativi risvolti economici e sociali: «Diminuiscono le spese per farmaci e visite specialistiche, e calano anche le assenze sul lavoro», conclude Raposio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

ALLUVIONE

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

Meteo: le previsioni comune per comune

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

AUTOSTRADE

Scontro fra due camion: mattinata di disagi attorno a Bologna

Sicilia

Perquisizioni nelle case dei fiancheggiatori di Messina Denaro: impegnati 200 agenti

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS