-1°

salute

Calcio Usa: vietati i colpi di testa ai bambini

"Rischio traumi cranici": ma allora aveva ragione Silvio Smersy...?

Calcio: vietati i colpi di testa ai bambini
4

La foto che vedete raffigura Silvio Smersy: un nome che probabilmente dice poco alle nuove generazioni, ma che è legato a tanti ricordi per gli sportivi dai capelli grigi. Smersy, infatti, fu centravanti del Parma, ma anche e soprattutto attaccante a livello di serie A (che per il Parma di allora era solo un sogno).

Un personaggio estroso dentro e fuori dal campo, artefice di tante partite benefiche con vecchie glorie ad alto livello al Tardini e in provincia. Calciatore con il sorriso e dalle mille batture. Una di queste era che lui non aveva mai colpito il pallone di testa "perchè si dice calciatore, non testatore. E colpire il pallone di testa fa rimbambire".  Sembrava, appunto, una battuta, ma invece nei giorni scorsi dagli Usa è rimbalzata questa notizia di agenzia:

(ANSA) - WASHINGTON  - Vietati i colpi di testa: è la nuova regola introdotta dalla Federcalcio americana e che riguarda i bambini al di sotto dei 10 anni. Mentre per quelli tra i 10 e i 13 anni si raccomanda gli allenatori di limitarne il ricorso. Motivo: troppo pericolosi, troppi rischi di provocare trauma cranici.
Traumi - spiegano gli esperti - che possono lesionare aree cerebrali importanti e portare a malattie letali, come il morbo di Lou Gerigh, o invalidità di vario tipo. Tanto che i colpi di testa sono stati addirittura al centro di una 'class action' intentata da genitori di giovani giocatori contro i dirigenti calcistici.
Proprio in risposta a questa azione legale, la Federcalcio statunitense ha deciso il divieto nelle accademie giovanili nazionali e nei club di soccer Usa. «E' un buon passo in avanti l'aver almeno stabilito un’età minima sino a cui non si può giocare con colpi di testa, ma c'è ancora molto da fare», ha osservato Christopher Nowinski, direttore della NGO 'Concussion legacy Foundation', sottolineando come gli adolescenti rimangono anche con la nuova misura una categoria a rischio di infortuni cerebrali.
Per Robert Cantu, neurologo ed esperto di fama di danni causati dai trauma cranici, proprio i ragazzini tra i 10 ed i 12 anni sono i più vulnerabili agli effetti delle commozioni cerebrali, in quanto sia la loro materia grigia che i muscoli del collo non sono ancora del tutto sviluppati.
Michael Kaplen - avvocato che rappresenta le vittime di trauma cranici e professore di legge alla George Washington University - è in favore di un bando totale dei colpi di testa al calcio per i giovani: a suo avviso le regole introdotte sono una cattiva idea e i limiti di età imposti 'sembrano arbitrari e sciocchi'. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    27 Novembre @ 12.43

    IN EFFETTI SONO MOLTI ANNI che i colpi di testa nel calcio , sono sospettati di essere corresponsabili di patologie cerebrali gravi , come la Sclerosi Laterale Amiotrofica ( morbo di Lou Gehrig) , anche se non sembra ci siano riscontri scientifici conclusivi . Qualcuno aveva perfino proposto di far giocare col casco....

    Rispondi

    • federicot

      27 Novembre @ 14.53

      federicot

      Come al solito si fa il solito smesdosso.... Intanto se si colpisce il pallone di testa non si ha nessun trauma cranico. Il problema è che legato al fatto che potendo colpire anche con la testa spesso nei contrasti si finisce che si fa a testate o si prende un bel calcione in faccia. Ecco quello è pericoloso, non il fatto di colpire il pallone di testa . Vietare il gioco di testa eliminerebbe questi contrasti: più o meno tutte le domeniche qualcuno esce barellato per un contrasto di questo genere e non credo che faccio bene. Sono quindi favorevolissimo a vietare il gioco di testa, SOLO DOPO AVER RIFATTO COMPLETAMENTE LA REGOLA DEL FUORIGIOCO.

      Rispondi

      • Vercingetorige

        27 Novembre @ 17.39

        GUARDA CHE "TRAUMA CRANICO" è un' espressione erudita che significa solo "botta in testa" . Colpendo il pallone di testa si produce quindi un , pur lieve , trauma cranico . Poi, se vuoi parlare di "microtrauma" , è pure accettabile. Il problema , ancor più che nel calcio , c' è nella boxe ( infatti i dilettanti vengon fatti combattere col casco ) . Non tanto per il colpo da KO , ma per la miriade di piccoli "traumi cranici" che si ricevono boxando.

        Rispondi

      • Daniela

        27 Novembre @ 16.39

        C'è scritto nell'articolo che i colpi di testa sono stati vietati per "troppi rischi di provocare trauma cranici. Traumi - spiegano gli esperti - che possono lesionare aree cerebrali importanti e portare a malattie letali, come il morbo di Lou Gerigh, o invalidità di vario tipo"

        Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le evoluzioni al palo di Maria Aguiar

Pole dance

Evoluzioni al palo: Maria Aguiar è campionessa sudamericana Video

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

4commenti

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

lega pro

Parma: missione punti e continuità

Crociati in campo al Tardini, oggi, alle 14.30 contro il Teramo

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

3commenti

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

6commenti

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

2commenti

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Fuori Orario

Serata "I love Rock": ecco chi c'era Foto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

2commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

A volte fa più male la gentilezza

ITALIA/MONDO

Crisi di governo

Mattarella convoca Gentiloni al Quirinale. Renzi: "Torno a casa davvero"

turchia

Autobomba nel centro di Istanbul: 13 morti e decine di feriti

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

5commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti