11°

Salute-Fitness

Maggiore, due primari lasciano La medicina d'urgenza raddoppia

Maggiore, due primari lasciano La medicina d'urgenza raddoppia
Ricevi gratis le news
0

 Monica Tiezzi

Importanti novità al Maggiore, fra primari che se ne vanno, reparti che scompaiono e altri che raddoppiano. Ieri è stata  giornata di riunioni   per gettare le basi di una riorganizzazione  - che dovrebbe entrare in vigore dopo l'estate  -  per potenziare  la  Medicina d'urgenza. 
Intanto fra i corridoi del Maggiore è forte il rammarico per due direttori che hanno lasciato l'incarico: Antonio Pezzarossa, fino al 31 marzo scorso direttore di Medicina interna,  malattie metaboliche e vascolari (ora affidato a Franco Saccardi), ed Eugenio Benericetti, che a metà marzo ha lasciato la direzione della Neurochirurgia. «Stiamo continuando a perdere   professionalità qualificate», commenta ad esempio Adriana Gelmini,  presidente del Tribunale per i diritti del malato. 
Voci di corridoio imputano il mancato rinnovo del contratto di Pezzarossa, 63 anni,  (dipendente Ausl in aspettativa, «distaccato» al  Maggiore da alcuni anni)  ad un mancato raggiungimento di obiettivi aziendali per quanto riguarda i tempi di dimissione. Motivazione  alla quale   Pezzarossa accenna,   pur senza fare polemiche, e anzi  insistendo sul «rapporto cordiale sia con il direttore dell'Azienda ospedaliero-universitaria che con quello dell'Ausl». «La sanità sta attraversando un momento particolare, bisogna fare i conti con   pochi  letti,  budget limitati e   alte  aspettative dei ricoverati. Ma sull'ospedale continuano a ricadere necessità sociali ed assistenziali ed un turn-over rapido di pazienti è ostacolato dall'età sempre più avanzata dei malati, che spesso presentano 3-4 patologie concomitanti. Non mi dispiace andare in pensione, bisogna avere il coraggio di lasciare spazio ai giovani»,  conclude Pezzarossa. Che comunque spiega di star lavorando «ad un progetto di assistenza territoriale  per i diabetici che ho già presentato al direttore dell'Ausl Massimo Fabi». 
Il pensionamento di Pezzarossa sarebbe il preludio di uno smantellamento del reparto (34 posti letto),  inserito in un progetto per raddoppiare la Medicina d'urgenza portandola da 30 a 60 posti letto. Nei locali  dell'ex  reparto  di Pezzarossa   andrebbe la Reumatologia di Giovanni Delsante, che lascerebbe    spazio, nel secondo piano delle ortopedie, ad una nuova Medicina d'urgenza. L'idea  sarebbe  di creare due medicine d'urgenza (sotto la direzione di Gianfranco Cervellin, ma con incarichi intermedi di responsabilità)  che offrano grande ricettività,  in grado - ad esempio -  di ricoverare pazienti per tutta la notte,  smistandoli poi il giorno successivo  negli altri reparti. Un progetto (il cui processo è solo agli inizi) che starebbe creando  mal di pancia e perplessità. 
Le stesse perplessità che ha  suscitato l'addio al Maggiore  di Eugenio Benericetti, 64 anni, da 12 anni al timone della Neurochirurgia (aveva preso il posto di Vitaliano Nizzoli). Collaboratori ed infermieri si dicono  dispiaciuti e hanno salutato il direttore  con una grande festa. Il reparto è stato ora affidato, in via non definitiva, ad Ermanno Giombelli, collaboratore di Benericetti da 21 anni. «Occorre un  ricambio generazionale, e io non ero più in sintonia con un sistema sanitario più attento alla gestione aziendale che a quella strettamente clinica.  E poi avevo voglia di fare nuove esperienze»,  spiega Benericetti, parlando  della sua collaborazione con l'Irccs  Humanitas di Milano e  il Gruppo Villa Maria.  Poi   aggiunge: «Il Maggiore è un bell'ospedale, con una notevole accoglienza alberghiera e grandi professionisti. Purtroppo non sempre incentivati e motivati».
Per la successione  si parla di Giombelli ma anche di  Franco Servadei, direttore del dipartimento emergenza-urgenza e della Neurochirurgia ad indirizzo traumatologico.   «Io spero che arrivi un medico scelto meritocraticamente, e che la storica neurochirurgia del professor Brizzi non sia fagocitata da altri reparti»,  dice Benericetti.
Sui due pensionamenti interviene anche il direttore del Maggiore Sergio Venturi: «Non si può vivere  di  rimpianti. Questi professionisti, con i quali le relazioni sono sempre state positive,   hanno dato molto al Maggiore e lasciano a pochi mesi dall'età pensionabile.  Una grande azienda  deve guardare avanti e dare spazio a professionalità giovani. Gli investimenti sono in questa prospettiva».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

2commenti

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

ALLUVIONE

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

PARMA

I torrini del Battistero danneggiati: arrivano le impalcature Foto

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

PARMA

Accordo fra Tep e sindacati: oggi niente sciopero, autobus regolari

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

polizia

Via Pelizzi, i ladri narcotizzano il cane e minacciano con le mazze il padrone di casa

Tre furti compiuti, uno tentato e due cassaforti sparite in un solo pomeriggio

1commento

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove sono

1commento

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

AUTOSTRADE

Scontro fra due camion: mattinata di disagi attorno a Bologna

SPAZIO

E' atterrata la Soyuz: l'astronauta Paolo Nespoli è tornato sulla Terra

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

Serie B

Ternana-Parma: le pagelle in dialetto Video

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS