11°

29°

Salute-Fitness

Sostanze chimiche nei biberon e additivi in cucina: pareri rassicuranti dall'Efsa

Sostanze chimiche nei biberon e additivi in cucina: pareri rassicuranti dall'Efsa
9

L'Efsa ha reso noti i risultati di due indagini scientifiche che ha effettuato di recente: una sulla presenza nei biberon del bisfenolo (sostanza chimica usata per produrre materie plastiche) e su un additivo utilizzato in cucina.

BIBERON E SOSTANZE CHIMICHE. Nessuna revisione del limite di assunzione del bisfenolo A (BpA) di 0,05 milligrammi per chilogrammo di peso corporeo, stabilito dall’Authority europea per la sicurezza alimentare nel 2006 e riconfermato in un parere scientifico del 2008. Gli esperti scientifici, dopo «una dettagliata ed esaustiva» disamina delle recenti pubblicazioni scientifiche e degli studi sulla tossicità  del (Bpa) a basse dosi, concludono di «non essere riusciti a individuare alcuna nuova prova che li induca a rivedere l’attuale dose giornaliera tollerabile (Tdi)».
Il bisfenolo A viene impiegato per la produzione di plastica in policarbonato destinata ad articoli come bottiglie riutilizzabili per bibite; biberon; recipienti e rivestimenti di talune lattine per cibi e bevande. La Tdi è una stima della quantità di una sostanza, espressa in base al peso corporeo, che può essere ingerita per tutta la vita senza rischi apprezzabili.

DISCO VERDE ALLA CUCINA MOLECOLARE. I fan e gli chef della cucina molecolare possono tirare un respiro di sollievo. Secondo l'Efsa, gli additivi alimentari a base di fosfato, come il Fosfato di diamido fosfato (E1413) che ha proprietà di addensante e stabilizzante, sono sicuri. È quanto emerge dal documento scientifico pubblicato oggi dall'Authority.
I test tossicologici, nonché quelli di rischio allergie, su questo «nuovo ingrediente» alimentare - si legge nel parere - non hanno evidenziato conseguenze negative anche in caso di frequente utilizzo nel regime dietetico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • il Viandante delle Beccherie

    01 Ottobre @ 10.06

    @FRANCESCO: concordo in pieno! EFSA è un baraccone burocratico senza nessun controllo di chi lo paga: i cittadini europei. Non c'è uno straccio d'intervento dell'Agenzia che dia contro al sistema industriale agro-alimentare. Per loro va sempre tutto bene. Mi pare non sia così. Inoltre continuano ad emmettere pareri favorevoli sull'uso dei più improbabibili surrogati nella preparazione degli alimenti, dagli ogm alla cucina molecolare. Proprio noi, che dovremmo fare della genuinità e della salubrità i cavalli di battaglia dei nostri prodotti tipici, ci siamo tirati in casa un bidone di agenzia che tra un pò dirà che la cioccolata la si può fare con la "emme", perchè tanto il colore è lo stesso......con l'EFSA ag farìs d'la ciciolàda!

    Rispondi

  • Paolo

    01 Ottobre @ 09.43

    ...... Ma si! In fondo l'efsa è in Italia e le affermazioni che produce nella maggior parte dei casi dicendo che "va tutto bene" rispecchiano le parole che i ns. politici dicono da anni. Direi, quindi, che si sono ben adattati all'Italia.... In fondo dove lo trovano un altro paese che, per costruire la loro sede, buttan giù due stadi, sfrattano i cc, chiudono le strade per i lavori per mesi e mesi ecc ecc per inalzare una torre costata milioni di euro in un periodo in cui tutti tirano le cinghie.....

    Rispondi

  • francesco

    01 Ottobre @ 06.27

    EFSA, ovvero il miglior antidodo ad ogni forma di ipocondria. I suoi scienziati , chiamati in causa, dichiarano quasi sempre che "va tutto bene, madama la marchesa". Nel 2007 si chiude un'indagine su alcune confezioni di latte per l'infanzia di Milupa e Nestlè ove s'è riscontrata la presenza dell'Itx, una vernice tossica usata sulle confezioni . L'indagine è archiviata perchè ,secondo l'EFSA, l'Itx non interagisce con il Dna delle cellule dei bimbi . Nel 2008 scoppia il caso della carne irlandese alla diossina ( novanta partite per un totale di duecento tonnellate di carne di maiale che si teme contaminate dalla diossina tramite il mangime ). Interviene l'EFSA : " Nessuna conseguenza sulla salute per chi avesse mangiato quella carne durante tutto il periodo dell'emergenza". Ma allora perchè è stata decretata l'emergenza, sguinzagliati migliaia di uomini sulle tracce di quelle partite di carne, sequestrati migliaia di pezzi in tutta Europa ? Boh ! L'importante è sopire, troncare, alla Don Abbondio. In quello stesso anno Legambiente attacca l'Agenzia europea che " brilla per assenza nei controlli e sudditanza agli interessi di pochi grandi gruppi", mentre i sequestri di alimenti contaminati da parte delle forze dell'ordine aumentano del 147 per cento rispetto all'anno prima. Sempre nel 2007 l'EFSA da' via libera ad additivi come la tartrazina (E102) , un colorante giallo al catrame di carbon fossile che viene aggiunta a bevande, zuppe , cereali ecc. e vietata in Svizzera perchè accusata di provocare allergie, asma e riniti. "Non ci sono prove per vietare gli additivi sospetti" , s'affrettano a dichiarare gli scienziati dell'Authority . Così per l'aspartame , un dolcificante artificiale assai diffuso : per gl scienziati della fondazione Ramazzini è un agente cancerogeno, per quelli dell'EFSA, manco a dirlo, non fa male a nessuno. E via di questo passo. La nostra salute è davvero in buone mani !

    Rispondi

  • unaqualunque

    30 Settembre @ 23.18

    @stefano: so che efsa produce molti documenti, ma la mia domanda era diversa: ha mai detto QUESTA COSA FA MALE?

    Rispondi

  • francesco

    30 Settembre @ 21.24

    EFSA, ovvero il miglor antidodo ad ogni forma di ipocondria. I suoi scienziati , chiamati in causa, dichiarano quasi sempre che "va tutto bene, madama la marchesa". Nel 2007 si chiude un'indagine su alcune confezioni di latte per l'infanzia di Milupa e Nestlè dove s'è riscontrata la presenza dell'Itx, una vernice tossica usata sulle confezioni .L'indagine è archiviata perchè secondo l'EFSA l'Itx non interagisce con il Dna delle cellule dei bimbi . Nel 2008 scoppia il caso della carne irlandese alla diossina ( novanta partite per un totale di duecento tonnellate di carne di maiale che si teme contamite dalla diossina tramite il mangine ). Interviene l'EFSA : " Nessuna conseguenza sulla salute per chi avesse mangiato quella carne durante tutto il periodo dell'emergenza". Ma allora perchè è stata decretata l'emergenza, sguinzagliati migliaia di uomini sulle tracce di quelle partite di carne, sequestrati migliaia di pezzi in tutta Europa ? Boh ! L'importante è sopire, troncare, alla Don Abbondio. In quello stesso anno Legambiente attacca l'Agenzia europea che " brilla per assenza nei controlli e sudditanza agli interessi di pochi grandi gruppi", mentre i sequestri di alimenti contaminati da parte delle forze dell'ordine aumentano del 147 per cento rispetto all'anno prima. Sempre nel 2007 l'EFSA da' via libera additivi come la tartrazina (E102) , un colorante giallo al catrame di carbon fossile che viene aggiunta a bevande, zuppe , cereali ecc. e vietata in Svizzera perchè accusata di provocare allergie, asma e riniti. "Non ci sono prove per vietare gli additivi sospetti" , s'affrettano a dichiarare gli scienziati dell'Authority . Così per l'aspartame , un dolcificante artificiale assai diffuso : per gl scienziati della fondazione Ramazzini è un agente cancerogeno, per quelli dell'EFSA, manco a dirlo, non fa male a nessuno. E via di questo passo. Insomma, la nostra salute è in mani sicure !

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Pasimafi, il giallo dei pc rubati

indagini

Pasimafi, il giallo dei pc rubati

DOPO SEI ANNI

Miss Italia torna a Salso:

WEEKEND

Maschere in piazza, clown e... Cantine aperte: l'agenda

Busseto

Il vescovo a don Gregorio: «Lasci Roncole»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Lutto

Addio a Erminio Sassi, anima della Fontanellatese

Polemica

«Climatizzatori nei bagni Tep ma bus roventi»

POLITICA

E adesso nasce anche «Effetto Langhirano»

Lega Pro

La Lucchese ai raggi X

SAN GIOVANNI

Il piccolo falco «Sandro» è caduto dal nido

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

3commenti

Anteprima Gazzetta

Inchiesta Pasimafi: spariti due computer, giallo all'ospedale Video

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

2commenti

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

8commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

TAORMINA

G7, bozza finale: sì alla difesa dei confini Video

torino

Con la fionda riforniva di droga il figlio in carcere: condannata

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima