Salute-Fitness

Se la maternità diventa un campo di battaglia

Se la maternità diventa un campo di battaglia
Ricevi gratis le news
0

di Monica Tiezzi

Ginecologi che litigano in sala parto, dispute sui cesarei, neonati o mamme che subiscono danni letali. La medicina perinatale sembra diventata un terreno di lotta fra pazienti, medici e avvocati, con casi che rimbalzano dalla Lombardia alla Sicilia.  «Il contenzioso penale non ha senso contro i medici - sbotta Giulio Bevilacqua, direttore del Dipartimento materno infantile dell'ospedale Maggiore - perchè, tranne rarissimi casi, non c'è mai il dolo.   La dimostrazione è che il medico viene assolto in più dell'80% dei procedimenti penali. Mentre, nel civile, viene concesso il risarcimento in oltre 80 casi su 100. Il penale viene scelto perchè è più rapido  e   chi si ritiene danneggiato  spera che l'assicurazione paghi in tempi brevi».
Ma perchè, assieme ai chirurghi plastici e agli ortopedici, i ginecologi sono fra i medici più coinvolti nei procedimenti giudiziari? «La mortalità materna e neonatale c'è sempre stata, e purtroppo ci sarà sempre - risponde  Alberto  Bacchi Modena, direttore della maternità dell'Azienda ospedaliero-universitaria -  L'Italia è fra i migliori Paesi al mondo per  mortalità e morbilità del neonato: solo lo 0,6% sul totale. Ma delle buone cose non si parla mai: qualche giorno fa   al Maggiore abbiamo salvato una donna che dopo il parto aveva perso tre litri di sangue».
La decisione di eseguire o meno un taglio cesareo è   uno dei principali motivi di frizione fra ginecologi e pazienti. A fronte di un 28-30%   di cesarei - sul totale dei parti -  decisi negli ultimi anni al Maggiore da ostetrici e ginecologi, c'è un 3-6% di «tagli» voluti  dalla donna: «rifiuto psicologico al parto vaginale», così vengono codificati.
«Non ci possiamo opporre al volere della mamma, non in questo Paese e non con questi magistrati. In caso di controversia legale, il giudice dà quasi sempre ragione al paziente -  spiega ancora Bacchi Modena - . E d'altronde,  se l'obiettivo dev'essere ridurre a tutti i costi i cesarei, si corrono rischi spesso contrabbandati per malpractice». Non solo: «Per ridurre   i cesarei in massima  sicurezza sarebbe  necessaria, in ogni maternità, una sala operatoria   pronta,  in caso di emergenza, con l'intero staff medico-infermieristico, nel giro di tre-quattro  minuti. Quanti ospedali italiani ce l'hanno?», si domanda Bacchi Modena.
«Il dibattito sul cesareo viene affrontato in modo superficiale e demagogico - dice Bevilacqua -  Le indicazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità, che chiede di ridurli, si basano su statistiche che includono continenti come l'Africa,  dove il cesareo rappresenta ancora un   rischio. Ma  nel mondo occidentale il cesareo oggi si fa senza anestesia generale,  con un'incisione minima,  e le pazienti sono in piedi dopo 36 ore. E non è più nemmeno vero che chi ha subito un cesareo dovrà   avere anche gli altri figli   con il taglio: l'incisione praticata permette all'utero di sopportare le contrazioni al secondo parto. A volte è difficilissimo per un medico, e per un'ostetrica, stabilire il punto nel quale le cose, in un parto naturale, cominciano ad andare male. Di fronte al minimo,  ragionevole dubbio  si deve cesarizzare: è  follia rischiare una vita», dice sempre Bevilacqua.
Non è che le aziende ospedaliere premono per ridurre i cesarei per motivi di budget? «Non ci sono differenze di costo fra un parto naturale e un cesareo, perchè un travaglio può durare  molto  e   la degenza di un parto naturale protrarsi per  giorni, più di un cesareo», risponde Bevilacqua.
Il Maggiore, con il suo 36,8% di parti cesarei (anni  2001-2008) è sotto la media nazionale, attestata sul 38,4%. Come la maggior parte degli ospedali delle regioni  giudicate  fra le migliori dal punto di vista sanitario. I dati più recenti parlano del 31% di cesarei a maggio 2010 e 36% in giugno, al Maggiore. «E consideri che siamo un centro di riferimento regionale per gravidanze a rischio, elemento che  gonfia  le statistiche», dice Bevilacqua. Le maglie nere invece sono del sud, in particolare di Campania (62,2%) e Sicilia (53%), non proprio esempi di buona sanità. L'abuso di cesarei è quindi   una spia di malasanità? «Molti parti al sud avvengono in case di cura private, alle quali il servizio sanitario nazionale riconosce un rimborso maggiore in caso di cesareo, rispetto al parto naturale», dice Bevilacqua.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Grazie la collaborazione di un commerciante straniero denunciato ladro d’auto italiano

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

14commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

7commenti

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

6commenti

PARMA

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

1commento

modena

'Ndrangheta: fermato il presunto nuovo reggente della cosca emiliana

Carmine Sarcone, provvedimento della Dda e dei Carabinieri

SALUTE

In calo l'incidenza dei tumori a Parma, Piacenza, Reggio e Modena

Presentati i dati dell'Area Vasta Emilia Nord

economia

Rapporto Ismea, Parma nettamente in vetta per l'agroalimentare

DILETTANTI

Clamoroso a Felino: si dimette Pioli

GAZZAREPORTER

Un lettore: "Via Bassano del Grappa buia da più di una settimana" Foto

1commento

Lutto

Millo Caffagnini, una vita intensa con Bardi nel cuore

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

salso

Addio alla maestra Angela Bonassera, in cattedra per 35 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

1commento

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

Salute

Le sigarette elettroniche pericolose per gli adolescenti

ALTO ADIGE

Slavine in Vallelunga: travolta una casa, evacuato anche un albergo Foto

SPORT

Tuffi

Tania Cagnotto è diventata mamma

Tg Parma

Di Cesare: "Con il Novara sarà dura, vengono da una vittoria" Video

2commenti

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

2commenti

MOTORI

novita'

Honda Civic, finalmente il diesel. Il 1.6 spiegato in tre mosse

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video