10°

24°

Salute-Fitness

Se la maternità diventa un campo di battaglia

Se la maternità diventa un campo di battaglia
Ricevi gratis le news
0

di Monica Tiezzi

Ginecologi che litigano in sala parto, dispute sui cesarei, neonati o mamme che subiscono danni letali. La medicina perinatale sembra diventata un terreno di lotta fra pazienti, medici e avvocati, con casi che rimbalzano dalla Lombardia alla Sicilia.  «Il contenzioso penale non ha senso contro i medici - sbotta Giulio Bevilacqua, direttore del Dipartimento materno infantile dell'ospedale Maggiore - perchè, tranne rarissimi casi, non c'è mai il dolo.   La dimostrazione è che il medico viene assolto in più dell'80% dei procedimenti penali. Mentre, nel civile, viene concesso il risarcimento in oltre 80 casi su 100. Il penale viene scelto perchè è più rapido  e   chi si ritiene danneggiato  spera che l'assicurazione paghi in tempi brevi».
Ma perchè, assieme ai chirurghi plastici e agli ortopedici, i ginecologi sono fra i medici più coinvolti nei procedimenti giudiziari? «La mortalità materna e neonatale c'è sempre stata, e purtroppo ci sarà sempre - risponde  Alberto  Bacchi Modena, direttore della maternità dell'Azienda ospedaliero-universitaria -  L'Italia è fra i migliori Paesi al mondo per  mortalità e morbilità del neonato: solo lo 0,6% sul totale. Ma delle buone cose non si parla mai: qualche giorno fa   al Maggiore abbiamo salvato una donna che dopo il parto aveva perso tre litri di sangue».
La decisione di eseguire o meno un taglio cesareo è   uno dei principali motivi di frizione fra ginecologi e pazienti. A fronte di un 28-30%   di cesarei - sul totale dei parti -  decisi negli ultimi anni al Maggiore da ostetrici e ginecologi, c'è un 3-6% di «tagli» voluti  dalla donna: «rifiuto psicologico al parto vaginale», così vengono codificati.
«Non ci possiamo opporre al volere della mamma, non in questo Paese e non con questi magistrati. In caso di controversia legale, il giudice dà quasi sempre ragione al paziente -  spiega ancora Bacchi Modena - . E d'altronde,  se l'obiettivo dev'essere ridurre a tutti i costi i cesarei, si corrono rischi spesso contrabbandati per malpractice». Non solo: «Per ridurre   i cesarei in massima  sicurezza sarebbe  necessaria, in ogni maternità, una sala operatoria   pronta,  in caso di emergenza, con l'intero staff medico-infermieristico, nel giro di tre-quattro  minuti. Quanti ospedali italiani ce l'hanno?», si domanda Bacchi Modena.
«Il dibattito sul cesareo viene affrontato in modo superficiale e demagogico - dice Bevilacqua -  Le indicazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità, che chiede di ridurli, si basano su statistiche che includono continenti come l'Africa,  dove il cesareo rappresenta ancora un   rischio. Ma  nel mondo occidentale il cesareo oggi si fa senza anestesia generale,  con un'incisione minima,  e le pazienti sono in piedi dopo 36 ore. E non è più nemmeno vero che chi ha subito un cesareo dovrà   avere anche gli altri figli   con il taglio: l'incisione praticata permette all'utero di sopportare le contrazioni al secondo parto. A volte è difficilissimo per un medico, e per un'ostetrica, stabilire il punto nel quale le cose, in un parto naturale, cominciano ad andare male. Di fronte al minimo,  ragionevole dubbio  si deve cesarizzare: è  follia rischiare una vita», dice sempre Bevilacqua.
Non è che le aziende ospedaliere premono per ridurre i cesarei per motivi di budget? «Non ci sono differenze di costo fra un parto naturale e un cesareo, perchè un travaglio può durare  molto  e   la degenza di un parto naturale protrarsi per  giorni, più di un cesareo», risponde Bevilacqua.
Il Maggiore, con il suo 36,8% di parti cesarei (anni  2001-2008) è sotto la media nazionale, attestata sul 38,4%. Come la maggior parte degli ospedali delle regioni  giudicate  fra le migliori dal punto di vista sanitario. I dati più recenti parlano del 31% di cesarei a maggio 2010 e 36% in giugno, al Maggiore. «E consideri che siamo un centro di riferimento regionale per gravidanze a rischio, elemento che  gonfia  le statistiche», dice Bevilacqua. Le maglie nere invece sono del sud, in particolare di Campania (62,2%) e Sicilia (53%), non proprio esempi di buona sanità. L'abuso di cesarei è quindi   una spia di malasanità? «Molti parti al sud avvengono in case di cura private, alle quali il servizio sanitario nazionale riconosce un rimborso maggiore in caso di cesareo, rispetto al parto naturale», dice Bevilacqua.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

Claudio Baglioni

Claudio Baglioni

spettacoli

Sanremo, Baglioni sarà conduttore e direttore artistico

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

DOMANI

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Ristorante Bagno Gelosia

CHICHIBIO

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Lealtrenotizie

Viadotto sul Po chiuso, Governo vaglia fattibilita' ponte di barche

tg parma

Viadotto sul Po chiuso, il Governo vaglia la fattibilità del ponte di barche Video

3commenti

Dramma

Sfrattato, si toglie la vita

25commenti

venezia-Parma

Brutto momento, D'Aversa: "Dobbiamo uscirne con la voglia di lottare" Video

1commento

tg parma

Blitz col coltello in farmacia, è caccia ai rapinatori Video

1commento

PROCESSO

Villa Alba, nuova perizia su una morte sospetta

ROCCABIANCA

Ponte sul Po, prima i disagi ora gli incidenti

Università

Mercoledì 27 si vota per il nuovo rettore: dove e come

in serata

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

FRODE

Wally Bonvicini parla e si difende

2commenti

TORRECHIARA

Il mistero della settima porta

gazzareporter

Rifiuti "in bella mostra": la segnalazione dalla zona ospedale

4commenti

PARMA

Finti poliziotti picchiano e rapinano prostitute in via Emilia Ovest

Gli agenti delle Volanti sono stati contattati da una "unità di strada anti-tratta"

4commenti

Ritratto

I They, la famiglia del volley

FORNOVO

Bertoli, il chimico che sapeva tutto sul petrolio

Anticipi/posticipi

Parma-Avellino domenica 29 ottobre Il calendario fino alla 13a

2commenti

Crocetta

Insegue due ladri e viene preso a pugni

14commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

omicidio

Cuoco reggiano ucciso in Francia nel 2015: due arresti

gran bretagna

L'agenzia dei trasporti di Londra non rinnova licenza a Uber. Che fa subito ricorso

SPORT

motogp

Seconde libere: Rossi 20' Domina Pedrosa

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

Brianza

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze Foto

turismo

A Forte dei Marmi prorogata la chiusura degli stabilimenti: 5 novembre

MOTORI

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte