-2°

Salute-Fitness

«Da quattro anni sto convivendo con la bulimia»

«Da quattro anni sto convivendo con la bulimia»
0

 Alessia De Rosa

Un periodo di vita difficile, in un’età in cui gli unici pensieri dovrebbero essere le ragazze e le partite di pallone con gli amici. E invece arriva l’incubo della malattia. Per Matteo (nome di fantasia, ndr), ventiquattro anni, la malattia si chiama «bulimia». 
«Ne avevo venti quando è iniziato il mio calvario - racconta - venivo da un periodo non semplice, i miei genitori si stavano separando, avevo appena terminato il liceo e anche lo sport che praticavo quotidianamente mi aveva abbandonato a causa di un infortunio. Ovunque girassi lo sguardo mi vedevo solo, privo di ogni punto di riferimento». Nessuna goccia che ha fatto traboccare il vaso, i «sintomi», come lui li chiama, si sono scatenati in un giorno qualsiasi: «E' successo tutto per caso, in modo così naturale che neanche me ne sono reso conto - continua -. Un giorno ho iniziato a mangiare in modo smodato senza fermarmi, ho continuato anche quando la fame era placata, poi ho sentito il bisogno di vomitare tutto, cancellare quello che avevo fatto. E' così che sono diventato bulimico». 
Voce squillante e decisa, giornate impegnate tra università e quei pochi amici che a vent'anni significano tutto e la confidenza nel dare subito del «tu».
All’apparenza Matteo è un ventenne come tanti altri, anche esteticamente è perfetto: settanta chili per un metro e settantaquattro di altezza. La bulimia non ha lasciato segni visibili sul suo corpo, in forma come quello di tanti giovani della sua età. Ma l’anima, quella sì che soffre. Una malattia che agisce in sordina, ti consuma dall’interno mentre all’esterno tutto sembra intatto. 
«Nessuno si è mai accorto di niente, ho sempre cercato di nascondere il mio disturbo anche perché il primo periodo credevo realmente di poter smettere in qualsiasi momento, cosa assolutamente non vera. La bulimia deriva da un malessere interiore che non ti lascia mai solo e che ti condiziona ogni pensiero - spiega Matteo -. Mangiavo senza controllo perché mi sentivo depresso, inadeguato in ogni situazione, proprio io che fino a qualche tempo prima ero, tra quelli del gruppo, il più dinamico, un pò timido forse, ma mai inadatto come invece ho imparato a sentirmi dopo». Un fardello che per molto tempo Matteo non ha condiviso con nessuno. La paura di essere giudicato ed etichettato come un debole sono stati motivi sufficienti per non chiedere aiuto, almeno per i primi due anni, poi il senso di vergogna ha lasciato il posto alla paura e Matteo si è confidato con il fratello minore.
«Ero spaventato - continua - vedevo che il mio corpo reagiva male alle continue espulsioni di cibo, così ho raccontato tutto a mio fratello che mi ha spinto a parlarne con mio padre. Oltre i medici che mi hanno in cura, loro due sono gli unici a sapere del mio disturbo alimentare». Matteo ancora non è guarito dalla bulimia, ma se guarda indietro si vede una persona diversa da quattro anni fa: «Con il tempo cerco di riprendere possesso di me stesso, sto lavorando ancora in cerca di un equilibrio che mi dia serenità - spiega -. Non nego che sia difficile, ci sono momenti in cui mi sembra di non farcela ed ecco che l’incubo ritorna, mangio fino a star male e sento il bisogno di vomitare. Ma poi per fortuna ci sono altri momenti, quelli in cui mi guardo intorno e vedo come vivono i ragazzi della mia età e allora mi faccio coraggio e mi ripeto che anche io voglio quella vita, una vita normale da ventenne».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

11commenti

tribunale

Rappresentante, si prende le porte blindate dello stand: condannato

L'accusa era anche di pagamenti con assegni oggetti di furto e protestati

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

15commenti

reggio emilia

I tifosi della Reggiana ci ricascano: assalto al bus dei veneziani

Dopo il derby contro il Parma nuovo agguato degli ultras granata con pietre e fumogeni

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

1commento

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

16commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017