14°

Salute-Fitness

Prevenire il cancro grazie all'Aspirina?

Prevenire il cancro grazie all'Aspirina?
0

Una piccola dose giornliera di aspirina (da 75 a 300 milligrammi) ridurrebbe in modo significativo il rischio di ammalarsi di cancro. E’ la conclusione del lavoro di ricerca di un gruppo della Oxford University pubblicato sull’autorevole rivista scientifica «The Lancet».
Abbiamo chiesto ad Andrea Ardizzoni, direttore dell’Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma, quale sia l’attendibilità e la portata della notizia che vede il farmaco più comune del mondo schierato nella battaglia contro le neoplasie.

Quali sono i risultati a cui sono arrivati i ricercatori britannici?
Si tratta di due articoli, pubblicati rispettivamente a novembre e dicembre 2010, che suggeriscono un possibile ruolo dell’aspirina nel prevenire il cancro. Il primo articolo riporta i risultati di una meta-analisi di 4 studi randomizzati (studi di confronto in cui un gruppo di pazienti riceveva il trattamento ed un gruppo di controllo era senza trattamento, ndr), che hanno arruolato un totale di 14000 pazienti. Lo scopo era valutare l’utilità dell’aspirina a basse dosi (75-300 mg al giorno) nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, per ricercare un eventuale effetto preventivo sui tumori dell’intestino. Questa analisi indicherebbe che l’uso giornaliero di aspirina a basse dosi per un periodo di almeno 5 anni sarebbe in grado di ridurre il rischio di sviluppare tumori a livello del tratto prossimale dell’intestino e di morire a causa di questo tumore. Il beneficio assoluto osservato in termini di riduzione della mortalità è comunque piccolo (1.7%). Letto in un altro modo, significa che dovremmo trattare circa 60 soggetti per prevenire una morte per cancro del colon (gli altri 59 avrebbero assunto il farmaco inutilmente).

Quali i contenuti del secondo studio pubblicato a dicembre?
L’altro studio, condotto dagli stessi autori, ha messo insieme 8 studi randomizzati, per un totale di 25000 trattati o meno con aspirina per almeno 5 anni, dimostrando una riduzione complessiva di circa il 30% dell’insorgenza di tumori solidi in generale (in particolare quelli gastro-intestinali) e una riduzione della mortalità per cancro di circa il 20%, corrispondente a un miglioramento assoluto però solo di circa lo 0.7%. Anche in questo caso è come dire che bisognerebbe trattare un gran numero di soggetti (circa 140) per prevenire una sola morte per cancro; gli altri 139 soggetti prenderebbero il farmaco inutilmente subendone solamente gli effetti collaterali.

Come è possibile che la semplice aspirina sia in grado di agire contro i tumori?
Le evidenze suggeriscono che l’aspirina potrebbe svolgere un’azione preventiva sui tumori attraverso il suo effetto anti-infiammatorio. Sappiamo che l’infiammazione cronica è uno dei possibili fattori causali di alcuni tumori. Purtroppo, l’effetto appare piuttosto piccolo a fronte di un trattamento molto prolungato (almeno 4-5 anni) e non privo di effetti collaterali (gastrite, emorragie ecc). Inoltre, questi risultati non possono essere considerati conclusivi. Va sottolineato che questi studi non erano stati condotti con la finalità di dimostrare l’effetto dell’aspirina nel prevenire i tumori ma nel prevenire malattie cardiovascolari. Si tratta pertanto di un’analisi non preventivamente programmata e di un osservazione accessoria. In questi casi è sempre necessario almeno un ulteriore studio prospettico disegnato specificamente per dimostrare l’effetto chemiopreventivo dell’aspirina definendone la dose necessaria, la durata ottimale del trattamento ed il profilo di tollerabilità.

L’ambito rimane comunque quello della prevenzione.
Sì. E’ bene precisare che non stiamo parlando di curare una malattia tumorale già in atto ma di prevenirne l’insorgenza. E’ quella che viene definita «chemioprevenzione», ovvero una prevenzione secondaria (quella primaria consiste nella riduzione dei fattori di rischio come ad esempio, fumo di sigaretta e dieta) attuata mediante farmaci (invece che con test diagnostici quali mammografia, pap-test e ricerca del sangue occulto nelle feci). Al momento, l’unico altro farmaco per il quale è stato dimostrato un effetto «chemiopreventivo» è il tamoxifene, nei confronti dei tumori della mammella nelle donne ad alto rischio. Ci sono anche dati recenti su un possibile effetto chemiopreventivo delle statine, farmaci utilizzati per combattere l’ipercolesterolemia. Il problema della chemioprevenzione, in generale, è il rapporto rischio-beneficio. Ci vorrebbe un farmaco molto efficace e privo di effetti collaterali. Purtroppo questi farmaci hanno un’efficacia dubbia o modesta, non sono privi di effetti collaterali e andrebbero assunti per molti anni.

Serve cautela, dunque, prima di suggerire l’assunzione di aspirina per ridurre il rischio di ammalarsi di cancro.
Non credo che i dati a nostra disposizione, al momento, giustifichino l’assunzione di aspirina con la finalità di prevenire un tumore. Non sapremmo a che dose dovrebbe essere assunta e per quanto tempo e non possiamo escludere che le conseguenze negative possano essere anche superiori ai benefici attesi.

Aspirina a parte quali sono le nuove frontiere della ricerca oncologica?
La ricerca oncologica prosegue a passi spediti, soprattutto nell’ambito delle conoscenze molecolari che potrebbero aprire la strada a nuove terapie mirate. Vi sono alcune neoplasie, o alcuni specifici sottotipi di neoplasie, nelle quali è stato possibile identificare l’«interruttore molecolare» che è il principale responsabile dell’«accensione» del tumore e per le quali è stato possibile realizzare terapie specifiche mirate a «spegnere» quel particolare «interruttore» malfunzionante. Sono una decina le neoplasie per le quali sono già disponibili una ventina di farmaci di questo tipo, molti dei quali somministrabili per bocca in regime ambulatoriale, anche se la chemioterapia rimane il cardine del trattamento antineoplastico per la maggior parte dei tumori sia in fase avanzata sia in fase precoce. I passi avanti ci sono, ma sono piccoli e graduali.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

1commento

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

13commenti

Lealtrenotizie

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto

Parma

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

Trasporto pubblico

Con Busitalia tornerà Mauro Piazza: "I timori per il personale? Solo terrorismo"

13commenti

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Convegno

Come cambiano il territorio e la sua economia: la presentazione di "Top 500" Foto

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

2commenti

processo aemilia

Traffico di yacht e gruppi russi: quegli incontri a Parma della 'ndrangheta Tg Parma

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

vigili

Sicurezza e giovani, Noè: "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

7commenti

amministrative

Provincia Nuova attacca Fritelli e denuncia inciucio fra ex 5 Stelle e Pd

FIDENZA

Crac Di Vittorio, primi rimborsi

il caso

Legionella, domani nuovo incontro pubblico alla Don Milani

1commento

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

2commenti

Lega Pro

Parma, che attacco sarà senza Baraye

COSMETICA

Davines, crescita in doppia cifra

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

7commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

efsa

I batteri resistenti agli antibiotici fanno 25mila morti all'anno in Europa 

MAFIA

Ucciso e dato in pasto ai maiali: 4 arresti nell'Ennese

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

5commenti

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

LA RIO in pillole

Nuova Kia Rio, lancio sabato 25: da 10.900 euro

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv