12°

Salute-Fitness

«Neuroni specchio, sistema in funzione già alla nascita?»

«Neuroni specchio, sistema in funzione già alla nascita?»
1

Per capire come «nascono» i neuroni specchio Pier Francesco Ferrari, del Dipartimento di Biologia Evolutiva e Funzionale dell’Unviersità di Parma, ha ricevuto più di un milione e cento mila dollari dal National Institutes of Health (NIH). Grazie, infatti, a una collaborazione con Stephen Suomi dell’NIH, Amanda Woodward dell’Università di Chicago, Nathan Fox e Pepe Contreras dell’Università del Maryland, Ferrari ha potuto coinvolgere l’Ateneo in un prestigioso consorzio di ricerca che nel complesso ha ottenuto sei milioni di dollari dai fondi federali americani per studiare lo sviluppo e le funzioni del sistema dei neuroni specchio, una tematica di forte interesse scientifico e dalle numerose ripercussioni cliniche.  «Studiare - spiega Ferrari - come il sistema dei neuroni specchio possa emergere durante lo sviluppo è importante per comprendere le anomalie che possono derivare sia quando l’ambiente sociale viene a mancare - nel caso dei bambini che non hanno cure materne adeguate - sia quando, a causa di problemi di natura genetica, il sistema non risponde bene agli stimoli sociali, come nel caso dell’autismo».
Professor Ferrari, per ottenere il finanziamento dell’NIH avete presentato una cospicua documentazione di dati preliminari. Di che cosa si tratta?
I dati preliminari raccolti e presentati sono il frutto di un lavoro d’équipe tra il gruppo di Parma, il National Institutes of Health di Bethesda e l’Università del Maryland. All’inizio abbiamo raccolto una serie di dati comportamentali sui piccoli macachi alla nascita e abbiamo scoperto una serie di competenze che i piccoli presentano alla nascita, similmente ai neonati della nostra specie. In particolare abbiamo pubblicato una serie di studi che indicano come, a poche ore dalla nascita, i macachi neonati sono in grado di riconoscere alcune espressioni facciali. Non solo le riconoscono, ma le imitano. Per quanto semplice possa sembrare questa osservazione, da un punto di vista teorico pone un problema non secondario: come fa un neonato senza alcuna esperienza visiva relativa al viso o al sorriso, a riconoscere questi «oggetti» fondamentali per la relazione? 
Il passo successivo è stato, dunque, capire come fa il cervello a codificare questi stimoli.
Insieme a Stephen Suomi e Nathan Fox, esperto di encefalografia dell’University of Maryland, abbiamo messo a punto un sistema di registrazione elettroenecefalografica per studiare i ritmi cerebrali nei neonati di scimmia. In particolare stiamo studiando il ritmo mu che è presente negli adulti della specie umana quando un soggetto osserva o compie un’azione. Questo ritmo sembra riflettere un’attivazione della corteccia sensorio motoria, un «marcatore» indiretto dei neuroni specchio. L’ipotesi che vogliamo verificare è che il sistema dei neuroni specchio sia funzionante alla nascita e permetta al neonato di riconoscere le espressioni facciali, così determinanti per le prime relazioni sociali. I risultati preliminari di questi studi li abbiamo inseriti all’interno del progetto e siamo oramai già in fase avanzata di raccolta dati e di scrittura di alcuni lavori.
Perché è importante studiare come il sistema dei neuroni specchio possa emergere durante lo sviluppo?
I motivi sono diversi. Questo sistema è fondamentale nelle relazioni sociali. Ma il nostro essere sociale si esprime nelle prime relazioni, principalmente con la madre. Il neonato ha quindi delle competenze alla nascita (e anche prima) che gli permettono di riconoscere e rispondere in maniera adeguata agli stimoli provenienti dal suo mondo sociale. Parte di queste competenze devono essere presenti alla nascita, ma si devono anche raffinare e modificare in base al tipo di feedback che il bambino riceve. Il sistema dei neuroni specchio quindi non deve essere pensato come un sistema che è presente così come noi lo conosciamo nell’adulto, ma probabilmente ha delle componenti innate che vengono modificate nel corso dell’esperienza motoria, cognitiva e sociale di un individuo.
Come funziona il sistema e come si evolve se determinate esperienze sociali vengono a mancare? Possiamo avere dei «marcatori» neurali della funzionalità di questo sistema nel neonato? Queste domande sono particolarmente rilevanti perchè in alcuni disturbi neuro comportamentali dello sviluppo, come nel caso dell’autismo, le competenze sociali sono compromesse già in età precoce ed esistono evidenze sia nei bambini più grandi, in età scolare, che negli adulti, che il sistema dei neuroni specchio non è pienamente funzionale. Se riuscissimo ad avere dei «marcatori» neurali precoci dei neuroni specchio, potremmo avere degli strumenti per una diagnosi precoce, permettendo un possibile intervento già nelle prime fasi dello sviluppo del bambino.
Nell’ambito del progetto finanziato quale sarà il contributo del gruppo di ricerca di Parma?
Alcuni dei dati preliminari che sono stati inseriti nel progetto sono stati raccolti qui a Parma.  In collaborazione con il professor Fogassi e il professor Rizzolatti dell’Università di Parma stiamo studiando i neuroni specchio delle scimmie in situazioni più rilevanti da un punto di vista etologico. Questo ci permetterà di capire meglio in quali contesti sociali i neuroni specchio modulano la propria attività. Uno degli obiettivi del progetto finanziato dall'NIH è quello infatti di chiarire le funzioni del sistema dei neuroni specchio. Qui a Parma stiamo lavorando da diversi anni a questi aspetti anche grazie al collega Stefano Rozzi e a un gruppo di giovani ricercatori che sono la nostra vera forza, sia  nella raccolta che nell’elaborazione dati: Luca Bonini, Monica Maranesi, Francesca Ugolotti, Francesca Rodà, Lucio Simone e Stefania Bruni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Alfredo Calligaris

    04 Dicembre @ 14.11

    Trovo tutto molto interessante, la mia idea è che ritengo che così come si è sviluppato l'interesse in termini di estetica e di comprensione della produzione artistica credo, e me ne sto occupando empiricamente, sono un medico dello sport , che un campo di ricerca potrebbe essere quello della pratica motoria in genere sportiva in particolare e di interferenza con lo sviluppo nuove forme di formazione specialistica e del possibile utilizzo in riabilitazione e di ristrutturazione motoria.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Cafè: vestiti anni '50

Pgn feste

Hub Cafè: vestiti anni '50 Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

CALCIO

A Salò un Parma affamato

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

Lesioni

Borgotaro, carnevale insanguinato

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Parma

Concerto benefico con Frisina e il coro di Roma: coda per entrare in Duomo

Evento per i 10 anni dell'Hospice delle Piccole Figlie e per ricordare il vescovo Bonicelli, scomparso nel 2009

Parma

Straordinari non pagati: Poste condannate a risarcire portalettere Video

Prima sentenza in Italia

1commento

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

carabinieri

Inseguimento a Vicofertile, recuperato bottino da 15mila euro Video

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Appennino reggiano

Scontro fra moto: intervengono due elicotteri, un ferito grave portato a Parma 

L'altro motociclista è stato portato a Baggiovara (Modena)

SQUADRA MOBILE

Nigeriane costrette a prostituirsi: arrestata donna complice del racket

Dalle indagini, il racconto dell'odissea delle ragazze reclutate in Africa

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

5commenti

ITALIA/MONDO

loreto mare

I furbetti del cartellino sono stati traditi dai loro telefonini

Padova

Curava le pazienti con "orgasmi terapeutici": medico condannato

1commento

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

sport

Inaugurato il Parma Golf Show Videointerviste

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia