-0°

12°

Salute-Fitness

«Neuroni specchio, sistema in funzione già alla nascita?»

«Neuroni specchio, sistema in funzione già alla nascita?»
Ricevi gratis le news
1

Per capire come «nascono» i neuroni specchio Pier Francesco Ferrari, del Dipartimento di Biologia Evolutiva e Funzionale dell’Unviersità di Parma, ha ricevuto più di un milione e cento mila dollari dal National Institutes of Health (NIH). Grazie, infatti, a una collaborazione con Stephen Suomi dell’NIH, Amanda Woodward dell’Università di Chicago, Nathan Fox e Pepe Contreras dell’Università del Maryland, Ferrari ha potuto coinvolgere l’Ateneo in un prestigioso consorzio di ricerca che nel complesso ha ottenuto sei milioni di dollari dai fondi federali americani per studiare lo sviluppo e le funzioni del sistema dei neuroni specchio, una tematica di forte interesse scientifico e dalle numerose ripercussioni cliniche.  «Studiare - spiega Ferrari - come il sistema dei neuroni specchio possa emergere durante lo sviluppo è importante per comprendere le anomalie che possono derivare sia quando l’ambiente sociale viene a mancare - nel caso dei bambini che non hanno cure materne adeguate - sia quando, a causa di problemi di natura genetica, il sistema non risponde bene agli stimoli sociali, come nel caso dell’autismo».
Professor Ferrari, per ottenere il finanziamento dell’NIH avete presentato una cospicua documentazione di dati preliminari. Di che cosa si tratta?
I dati preliminari raccolti e presentati sono il frutto di un lavoro d’équipe tra il gruppo di Parma, il National Institutes of Health di Bethesda e l’Università del Maryland. All’inizio abbiamo raccolto una serie di dati comportamentali sui piccoli macachi alla nascita e abbiamo scoperto una serie di competenze che i piccoli presentano alla nascita, similmente ai neonati della nostra specie. In particolare abbiamo pubblicato una serie di studi che indicano come, a poche ore dalla nascita, i macachi neonati sono in grado di riconoscere alcune espressioni facciali. Non solo le riconoscono, ma le imitano. Per quanto semplice possa sembrare questa osservazione, da un punto di vista teorico pone un problema non secondario: come fa un neonato senza alcuna esperienza visiva relativa al viso o al sorriso, a riconoscere questi «oggetti» fondamentali per la relazione? 
Il passo successivo è stato, dunque, capire come fa il cervello a codificare questi stimoli.
Insieme a Stephen Suomi e Nathan Fox, esperto di encefalografia dell’University of Maryland, abbiamo messo a punto un sistema di registrazione elettroenecefalografica per studiare i ritmi cerebrali nei neonati di scimmia. In particolare stiamo studiando il ritmo mu che è presente negli adulti della specie umana quando un soggetto osserva o compie un’azione. Questo ritmo sembra riflettere un’attivazione della corteccia sensorio motoria, un «marcatore» indiretto dei neuroni specchio. L’ipotesi che vogliamo verificare è che il sistema dei neuroni specchio sia funzionante alla nascita e permetta al neonato di riconoscere le espressioni facciali, così determinanti per le prime relazioni sociali. I risultati preliminari di questi studi li abbiamo inseriti all’interno del progetto e siamo oramai già in fase avanzata di raccolta dati e di scrittura di alcuni lavori.
Perché è importante studiare come il sistema dei neuroni specchio possa emergere durante lo sviluppo?
I motivi sono diversi. Questo sistema è fondamentale nelle relazioni sociali. Ma il nostro essere sociale si esprime nelle prime relazioni, principalmente con la madre. Il neonato ha quindi delle competenze alla nascita (e anche prima) che gli permettono di riconoscere e rispondere in maniera adeguata agli stimoli provenienti dal suo mondo sociale. Parte di queste competenze devono essere presenti alla nascita, ma si devono anche raffinare e modificare in base al tipo di feedback che il bambino riceve. Il sistema dei neuroni specchio quindi non deve essere pensato come un sistema che è presente così come noi lo conosciamo nell’adulto, ma probabilmente ha delle componenti innate che vengono modificate nel corso dell’esperienza motoria, cognitiva e sociale di un individuo.
Come funziona il sistema e come si evolve se determinate esperienze sociali vengono a mancare? Possiamo avere dei «marcatori» neurali della funzionalità di questo sistema nel neonato? Queste domande sono particolarmente rilevanti perchè in alcuni disturbi neuro comportamentali dello sviluppo, come nel caso dell’autismo, le competenze sociali sono compromesse già in età precoce ed esistono evidenze sia nei bambini più grandi, in età scolare, che negli adulti, che il sistema dei neuroni specchio non è pienamente funzionale. Se riuscissimo ad avere dei «marcatori» neurali precoci dei neuroni specchio, potremmo avere degli strumenti per una diagnosi precoce, permettendo un possibile intervento già nelle prime fasi dello sviluppo del bambino.
Nell’ambito del progetto finanziato quale sarà il contributo del gruppo di ricerca di Parma?
Alcuni dei dati preliminari che sono stati inseriti nel progetto sono stati raccolti qui a Parma.  In collaborazione con il professor Fogassi e il professor Rizzolatti dell’Università di Parma stiamo studiando i neuroni specchio delle scimmie in situazioni più rilevanti da un punto di vista etologico. Questo ci permetterà di capire meglio in quali contesti sociali i neuroni specchio modulano la propria attività. Uno degli obiettivi del progetto finanziato dall'NIH è quello infatti di chiarire le funzioni del sistema dei neuroni specchio. Qui a Parma stiamo lavorando da diversi anni a questi aspetti anche grazie al collega Stefano Rozzi e a un gruppo di giovani ricercatori che sono la nostra vera forza, sia  nella raccolta che nell’elaborazione dati: Luca Bonini, Monica Maranesi, Francesca Ugolotti, Francesca Rodà, Lucio Simone e Stefania Bruni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Alfredo Calligaris

    04 Dicembre @ 14.11

    Trovo tutto molto interessante, la mia idea è che ritengo che così come si è sviluppato l'interesse in termini di estetica e di comprensione della produzione artistica credo, e me ne sto occupando empiricamente, sono un medico dello sport , che un campo di ricerca potrebbe essere quello della pratica motoria in genere sportiva in particolare e di interferenza con lo sviluppo nuove forme di formazione specialistica e del possibile utilizzo in riabilitazione e di ristrutturazione motoria.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cecilia Rodriguez accolta dai fischi in discoteca fa il gesto dell'ombrello

Gf Vip

Fischi per Cecilia Rodriguez, che fa il gesto dell'ombrello

Johnny Halliday, l'addio del suo popolo. Macron: "applaudiamolo"

Spettacolo

Johnny Halliday, l'addio del suo popolo. Macron: "applaudiamolo" Video

Extra Urban Fashion Party al Cubo: ecco chi c'era

FESTE PGN

Extra Urban Fashion Party al Cubo: ecco chi c'era Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Massese bloccata

maltempo

Vetroghiaccio e rami rotti: Massese bloccata nel Tizzanese

ALLE PORTE DELLA CITTA'

Lupo investito da un'auto in via Emilio Lepido

5commenti

SENZATETTO

Il Natale lontano di chi vive sotto i ponti

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

FORNOVO

Polemiche sull'albero di Natale

SALSO

Ancora furti: due case messe a soqquadro

1commento

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Intervista

Paolo Fresu mercoledì al Regio

Rimpatriata

Caro, vecchio quartiere Marchi

inverno

Neve nel Parmense: rischio strade ghiacciate. Treni fermi. Bardi e Berceto: domani scuole chiuse Video - Foto

1commento

ecco la neve in città

Parma indossa un manto bianco Gallery

gabriella corsaro

Concerto di Natale al presidio Froneri Video

1commento

via fratti

Ruba un cane per mendicare: pochi giorni dopo entra in azione in un distributore

3commenti

antidroga

Marijuana tra i mattoni della Pilotta e nelle siepi di via dei Mille: blitz dei carabinieri

4commenti

classifica

Furti nei negozi? Ancora noi sul podio: la terza merce più rubata è il parmigiano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, il difficile comincia adesso

di Paolo Ferrandi

L'ESPERTO

Naspi cumulabile con altri redditi? Sì, ma solo in determinati casi

ITALIA/MONDO

GRAN BRETAGNA

Neve, caos a Heathrow. Scuole chiuse e -15°

Pania della croce

Tragedia sulle Apuane, escursionista muore cadendo, ferito il compagno

SPORT

POSTICIPO

Il Milan soffre ma piega il Bologna

SERIE B

Il Palermo stende il Bari 3-0 e prende il volo. Parma secondo La classifica

SOCIETA'

Calcio

Le magie di Zola nel disco del rocker King Krule Video

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS