-4°

Salute-Fitness

Depressione: oltre 10 mila persone colpite

Depressione: oltre 10 mila persone colpite
4

Caterina Zanirato
Vasco Rossi ha fatto scalpore, dichiarando su Facebook, davanti a migliaia di fans, di essere malato di depressione e di dover assumere farmaci per restare sereno. Può essere che il suo sia stato un gesto più o meno «promozionale», comunque, la realtà non cambia: le persone che soffrono di depressione sono molto di più di quello che si pensa. Anche a Parma.
 Le stime parlano di 10mila persone all’anno colte da depressione solo nella nostra provincia. E in questo momento sono 2mila le persone in cura al reparto di Psichiatria dell’Ausl di Parma. Cifre elevate, che fanno intuire come la diffusione di questa malattia non sia da sottovalutare, visto che nel 15% dei casi porta addiruttura al suicidio.
La depressione colpisce soprattutto le donne dai 30 anni in su: si calcola che una ogni 4 ne soffra almeno una volta nella vita. «Ci sono vari fattori di rischio - spiega Carlo Marchesi, psichiatra dell’Ausl - e non vere e proprie cause. Si può dire che tutto concorra: si parla anche di familiarità, ovvero se ci sono già stati casi di depressione in famiglia, di sesso femminile, oppure di eventi traumatici precoci, cioè  nei primi mesi di vita. Ma incide molto anche la personalità e l’insicurezza, oltre che l’ansia provata. In genere la goccia che fa traboccare il vaso sono gli eventi stressanti, come la perdita di qualcosa o di qualcuno, per lutto o per la fine di rapporti, oppure la sconfitta di un obiettivo non raggiunto. La famiglia in questi casi può fare molto per allievare i dolori, ma non è detto che si riesca ad impedire che la depressione si manifesti. Si tratta di  una vera malattia. E va curata molto seriamente».
 In media, i periodi di depressione durano sulle 20 settimane, ma a volte anche di più: per curarsi si usano farmaci, che alleviano il dolore e l’ansia di vivere, impedendo al paziente di compiere gesti folli. Nei casi più lievi anche dei placebo, come manipolazioni o agopuntura. Una persona depressa, infatti, percepisce sensazioni molto forti di scoramento, stanchezza, mal di vivere. Si chiude al mondo, non trova più stimoli, non prova più piacere. E i malati pensano che la situazione sia immodificabile, per questo nei casi più gravi arrivano a togliersi la vita o addirittura a toglierla ai propri cari. Una volta guariti, comunque, rimane un rischio di ricaduta. La percentuale è piuttosto alta,  va dal 50% all’80% dei casi. I periodi più delicati sono dopo il parto, nel periodo premestruale e premenopausa. I sintomi sono la stanchezza, l’inappetenza, l’insonnia. Il fatto di non sentirsi adeguati e di non aver voglia di fare nulla: i depressi arrivano a licenziarsi e a evitare contatti col mondo».
 «Vorrei spiegare a tutti che dalla depressione si guarisce - conclude Marchesi -. Ma è necessario chiedere aiuto, per limitare i danni che si possono compiere nei periodi in cui ne siamo colpiti. Ma sia chiaro che si può venirne fuori, con aiuti competenti».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Franca

    03 Settembre @ 19.10

    @ Luisa: come psichiatra e psicoterapeuta mi sento di dire che la psicoterapia va bene DOPO una diagnosi da parte di un medico specialista in psichiatria. La psicanalisi non è per i casi più gravi, è completamente un'altra cosa. Se la diagnosi è di depressione maggiore, vanno usati i farmaci; gli antidepressivi non danno dipendenza e non "sconvolgono" il fegato (in 30 anni di attività non ho mai visto cose del genere). Naturalmente ci vuole un monitoraggio attento da parte del medico psichiatra. Un po' di nervosismo o di stress è una cosa, una malattia potenzialmente fatale (non dimentichiamo il rischio del suicidio, magari allargato ai figli piccoli nel caso di giovani mamme) è un problema del tutto diverso, e può essere anche un'urgenza .

    Rispondi

  • patrizia

    03 Settembre @ 06.29

    io ne ho sofferto.molto. e porto la mia testimonianza volentieri perchè forse potrebbe aiutare qualcuno.è una malattia molto dolorosa.hai paura di vivere e anche di morire.io l'ho curata con farmaci. da sola non riesci a saltarci fuori.quando ti dicono "devi reagire" non capiscono che le tue possibilità di "reagire" sono azerate.io non ho fatto psicoterapia con medici. ma mi sono creata una catena di aiuti da persone che , prima di me, avevano avuto questo orribile disturbo, e che per aiutarmi mi hanno ascoltata: parlandone con loro, continuamente, raccontando le mie sensazioni, il mio senso di vuoto, i miei timori.confrontando con essi i miei stati d'animo. questo è un aiuto importante: parlarne. non tenere niente dentro. e i farmaci.quelli assolutamente si. non vergognatevi del vostro disturbo.non siete pazzi.ne' malati di mente.spero di essere stata d'aiuto a qualcuno.

    Rispondi

  • franco

    18 Agosto @ 14.22

    ALLa redazione : credo abbiate fatto il miglior articolo in assoluto . purtroppo sono temi dolorosi ,ma bisogna affrontarli ,e dare le corrette indicazioni per poterne uscire. Mi complimento con voi . FALCO.

    Rispondi

  • luisa poluzzi

    17 Agosto @ 15.44

    come farmacista insisto nella necessita' di consigliare, prima dei farmaci, la "terapia del la parola" con un buon psicologo o se molto grave, uno psicanalista. i farmaci hanno un effetto euforizzante e spesso, troppo spesso i depressi ne abusano e danno consigli ad altre persone che non sono depresse ma semplicemente stressate da situazioni pesanti questi farmaci, inutile dirlo, danno dipendenza e sconvolgono il fegato se gestita bene di depressione si migliora e si impara a riconoscerla quando sta per ripresentarsi

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

IL FATTO DEL GIORNO

Massese pericolosa, Brambilla: "Il rimpallo di responsabilità è inaccettabile" Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

14commenti

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

5commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

sabato

Per tenere viva la Curva Nord torna la riffa dei Boys

1commento

Gazzareporter

Massimo Mari: "Parma, inverno"

1commento

Wopa

I genitori omosessuali fra difficoltà e pregiudizi

Presentato libro a Parma in un dibattito moderato da Chiara Cacciani

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

1commento

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

Rigopiano (Pescara)

Hotel sommerso da una slavina: due vittime accertate, decine di dispersi Foto

2commenti

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta