18°

Salute-Fitness

"Overeaters", quando il cibo è un'ossessione

"Overeaters", quando il cibo è un'ossessione
3

Laura Birra
Entrando nel gruppo di Overeaters anonymous alcuni sono riusciti a controllare la dipendenza dal cibo. Come Francesca: «A 10 anni pesavo 75 chili - dice -. A 18 avevo raggiunto i 105. Le mie compagne di scuola mi raccontavano l’amore, io sentivo di non poterlo neanche sognare. Ma non era solo l’estraneità a quello che vivevano le ragazze della mia età a rendermi insofferente: era il senso di colpa che provavo per la mia smoderata voglia di mangiare».
 Francesca le aveva provate tutte: dalle diete prescritte dai professionisti a quelle «fai da te». Eppure la sua dipendenza dal cibo non è scomparsa: «Di solito iniziavo la dieta il lunedì, dopo le grandi abbuffate della domenica. Mi concedevo quell'ultimo giorno: "Domani smetto", mi dicevo». E’ un po' come l’ultima sigaretta che fumava Zeno nel romanzo di Kafka: i buoni propositi rimanevano solo quello, propositi.
Due anni fa Francesca è arrivata a pesare 125 chili. Oggi ha 34 anni e sta imparando a tenere sotto controllo la sua malattia: «Da poco più di un anno sono Francesca, mangiatrice compulsiva. Questa ammissione mi sta salvando la vita: ho preso coscienza della mia dipendenza e mi astengo giorno dopo giorno dal mangiare compulsivo. Ho perso 33 chili, sono più positiva, vesto colorato e - sorride - ho comprato una macchina verde brillante».
Isabella, invece, è arrivata ad Overeaters anonymous tre anni fa, ha iniziato con il gruppo di Reggio-Emilia: «Ero depressa, infelice, arrabbiata con me stessa e col mondo. Avevo spesso degli scatti d’ira - dice -. Frequentando Overeaters anonymous ho capito che questa rabbia era legata all’ossessione per il cibo. Mi sentivo una fallita: lottavo per ottenere il controllo sul cibo e non ci riuscivo. Lottavo per ottenere il controllo sulla mia vita ma questa mi sfuggiva di mano. Stavo rinunciando a vivere, allontanavo le amicizie perché non uscivo di casa. Ascoltando l’esperienza degli altri membri del gruppo ho ritrovato la speranza. Overeaters anonymous non mi impone obiettivi come fa un dietologo: mi è stato detto che c'è un metodo, che funziona. E l’ho visto sulla pelle degli altri, ho capito che è vero. Prima mi svegliavo al mattino e il mio primo pensiero era mangiare. Oggi faccio tre pasti al giorno e non dover più pensare al cibo tra un pasto e l’altro mi ha regalato tanto tempo per vivere la mia vita».
Quell'ossessione che avvolge la mente tutto il giorno l’ha conosciuta anche Carlotta e anche lei sta imparando a lasciarsela piano piano alle spalle.
«Avevo un’amica anoressica - spiega - e la invidiavo, perché riusciva a non mangiare. E mi sentivo in colpa per questo. Cercavo su internet i metodi per vomitare, per avere quello che aveva lei, e cioè il riuscire a non assimilare cibo. Eppure nessuna dieta, nessuna volta in cui ho vomitato ha cancellato la mia ossessione. Il mio cammino in Overeaters anonymous non è stato semplice: all’inizio non riuscivo a seguire il programma, ma vedere che intorno a me c'erano tanti altri che ce la facevano
mi dava speranza. E oggi tengo sotto controllo la mia ossessione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ROBERTA

    23 Settembre @ 18.22

    MEETING OBESITA ROMA 8 OTTOBRE SIETE TUTTI INVITATI nn e vero che l'operazione è complicata in una settimana 15 gg sei in forma certo che devi abituarti a mangiare in maniera diversa daltra parte il tuo stomaco nn ne accetta di piu. parlo per esperienza e adesso sono felice e diversa

    Rispondi

  • Franca

    22 Settembre @ 17.58

    Il problema dell'obesità ha mille facce: Francesca ha trovato la sua strada, per altre persone funziona meglio la psicoterapia individuale, a volte è opportuno assumere farmaci SSRI che riducono la fame nervosa; per i grandi obesi la chirurgia può essere una soluzione, anche se un intervento chirurgico comporta sempre dei rischi e il post operatorio è lungo e impegnativo per quanto riguarda l'assunzione di cibo. Se la persona operata riprende le abbuffate, si torna al punto di partenza. L'importante è non scoraggiarsi, trovare la cura adatta per sé, mettere in conto qualche ricaduta nelle abbuffate senza farne una tragedia, non comprare schifezze su internet e non aspettarsi miracoli, ma obbiettivi da raggiungersi con tanto impegno.

    Rispondi

  • ROBERTA

    21 Settembre @ 20.48

    ma basta con questi falsi ideologici perche continuare a soffrire per ottenere un risultato veramente efficace esiste la chirurgia bariatrica. su questa nuova scoperta dovete fare informazione che invece nn si sa perche viene sempre evitata.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Prostituta uccisa a Bologna, confessa un suo cliente

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

LEGA PRO

Il Parma sbanca Gubbio 4-1. Recuperati 2 punti al Venezia

In gol Calaiò, Nocciolini e Iacoponi. Infortunio muscolare per Giorgino. Crociati terzi a 8 punti

1commento

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno: "Un segno del destino" 

Valeria Vicini si è laureata in Scienze politiche e delle relazioni internazionali, il figlio Leonardo Ranieri in Scienze dell’architettura

1commento

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

20commenti

TRAVERSETOLO

Sotto il parcheggio del Conad c'è un insediamento preistorico?

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno i controlli dal 27 al 31 marzo

Parma

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

7commenti

Il commosso addio di Collecchio a Graziella

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

1commento

Dai lettori

"Borgo delle Colonne e piazzale D'Acquisto: parcheggi selvaggi ma niente multe di notte" Foto

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

1commento

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

SOCIETA'

la peppa

Tartine fiorite

centro giovani

"Noi che....": così si raccontano i giovani di Parma Il video

1commento

SPORT

MOTOGP

vince Vinales dopo una "battaglia" con Dovizioso. Rossi terzo

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017