21°

Salute-Fitness

Pronti al Maggiore per il trapianto "incompatibile"

Pronti al Maggiore per il trapianto "incompatibile"
0

Monica Tiezzi

La cura della leucemia  ha una data miliare: il  4 marzo 1993 quando,  all'ospedale di Perugia, un ragazzo ventenne di Reggio Emilia venne sottoposto a un trapianto di cellule staminali da midollo osseo estratte da un donatore non compatibile. Era la prima volta al mondo, e l'èquipe che eseguì il trapianto  era diretta da  Franco Aversa, neodirettore dell'Ematologia e Centro trapianti midollo osseo dell'ospedale Maggiore: «Avevamo forti certezze di successo perchè gli esperimenti sui topi avevano dato risultati positivi. Decisivo fu l'atteggiamento del padre del ragazzo, che ci dette fiducia».
 Da allora  in Italia sono stati eseguiti poco meno di 800 trapianti «incompatibili», due terzi  dei quali a Perugia, e gli altri  negli ospedali  San Raffaele di Milano, Policlinico Tor Vergata, San Martino di Genova, Pescara, Bambin Gesù, Pavia. La tecnica ultimamente è stata  «esportata» anche in Usa, Belgio, Olanda e Germania, e Aversa annuncia: «Siamo pronti per il trapianto incompatibile anche a Parma. Potrebbe avvenire entro marzo».
Professor Aversa, come si possono trapiantare cellule non compatibili?
Abbiamo capito che nel midollo osseo ci sono tante cellule e dobbiamo scegliere quelle che hanno capacità positive  e non effetti negativi. Questo è possibile con una tecnica di «purificazione» delle staminali, messa a punto in collaborazione con l'Istituto Weizmann di Israele. Parallelamente, bisogna preparare il ricevente sopprimendo la sua capacità immunitaria (per evitare il rigetto) e distruggendo  il midollo osseo malato (per  curare la leucemia). Nel 90% dei  trapianti incompatibili si usano le cellule prelevate dal sangue (metodo più semplice per il donatore),  mentre nella metà circa dei trapianti compatibili si usano ancora cellule prelevate dal midollo osseo. 
I rischi per il donatore? 
Praticamente nessuno. Questo è un trapianto in vita per la vita. Le cellule staminali del donatore si rigenerano già a poche ore dalla donazione.   
I vantaggi del trapianto incompatibile?
Su 100 pazienti, poco più di  20 hanno la possibilità di trovare un donatore geneticamente compatibile fra i familiari.  E anche il registro dei Donatori volontari di midollo  consente, con gli  oltre  12 milioni di iscritti, la possibilità di trapianto solo ad un 20-30% di pazienti in lista di attesa. Il trapianto incompatibile   offre  la possibilità del trapianto praticamente a tutti. L'uso del donatore incompatibile consente un tempismo cruciale: intervenire nel «momento giusto», quando il paziente ha maggiori possibilità di guarire e cioè subito dopo aver raggiunto la «prima remissione» con 1-2 cicli di chemioterapia. Se poi si considera che oggi si trapiantano anche soggetti anziani (fino a 70 anni),  si comprende come il trapianto sia diventata una terapia senza limiti di età e compatibilità. Abbiamo operato con questa tecnica anche bambini di due-tre mesi e si spera di poter proseguire anche a Parma nel campo pediatrico grazie alla collaborazione  con la Pediatria e l'Oncoematologica pediatrica.  
Le percentuali di successo?
Variano dal tipo di malattia, dalla fase della malattia e dal donatore e vanno dal 20% all'80%. Se si sceglie bene il donatore e si opera nel momento giusto, la percentuale si aggira intorno  al 70-80%.
L'Ematologia  di Parma è pronta per questo intervento?
L'Ematologia di Parma ha una grande tradizione. Negli anni Ottanta Vittorio Rizzoli, il mio predecessore,  è stato  uno dei pionieri del trapianto autologo, nel quale il paziente è sia donatore che ricevente. Fra Parma e Perugia c'è una collaborazione ultratrentennale. Qui ci sono  una scuola e un patrimonio umano validi. In questo momento i tecnici di laboratorio di Perugia stanno collaborando con il personale del Maggiore. Per ora abbiamo in programma trapianti compatibili, ma spero di  eseguire  un   incompatibile già a marzo. E' importante partire e dimostrare la «fattibilità» del programma.  Il mio obiettivo per il 2012 è di almeno 10 trapianti tra compatibili  e incompatibili. 
Parma potrebbe diventare un centro di attrazione?
Sì, perchè saremmo il primo ospedale in Regione a fare il trapianto incompatibile. Per questo è importante che l'Azienda creda e investa nel progetto. Attualmente abbiamo  dieci  medici, ma due sono precari e il loro contratto è in scadenza. E anche due dei tre biologi in servizio hanno contratti a tempo determinato, mentre su  cinque  specializzandi, due  sono al termine della borsa di studio.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tenuta del Buonamico: c'è un bel Fortino,speziato ed elegante

IL VINO

Tenuta del Buonamico: c'è un bel Fortino, speziato ed elegante

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

assemblea

Zebre rugby: Pagliarini si dimette, la Falavigna presidente

polizia municipale

Incidente tra tre auto a Chiozzola: due feriti

anteprima gazzetta

Arsenale in casa per la banda che voleva rubare la salma di Ferrari

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

6commenti

Personaggi

Francesco Canali: "Il mio messaggio di speranza ai malati di Sla"

 Il “maratoneta in carrozzina” ha scritto un articolo per la “sua” Gazzetta

5commenti

32a giornata

Parma-Maceratese anticipata alle 18.30 (domenica 2 aprile)

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

12commenti

saranno famosi

Langhirano: Ettore, 7 anni e la sua super batteria Video

1commento

politica

Elezioni 2017, un gruppo solo in corsa per il simbolo M5S

Solo gli "Amici di Beppe Grillo" hanno presentato richiesta entro i termini

3commenti

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

2commenti

corte dei conti

Interviste a pagamento, assolto Villani. Condannati 6 ex consiglieri regionali

2commenti

Crisi

Copador, si apre la strada del risanamento

2commenti

sos animali

Bocconi avvelenati: nuovo allarme in via Capelluti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

L'ora della Brexit. Non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

studio

Cucina: i libri di ricette sono pieni di errori sulla temperatura di cottura

manchester

"Ingombri la strada", il ciclista s'infuria e reagisce Video

SPORT

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

Il personaggio

Bassi: «Il Parma a Gubbio finalmente ha fatto il Parma»

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

Motori

Il lusso? Oggi veste il made in Italy di Alcantara