-2°

Salute-Fitness

Pronti al Maggiore per il trapianto "incompatibile"

Pronti al Maggiore per il trapianto "incompatibile"
0

Monica Tiezzi

La cura della leucemia  ha una data miliare: il  4 marzo 1993 quando,  all'ospedale di Perugia, un ragazzo ventenne di Reggio Emilia venne sottoposto a un trapianto di cellule staminali da midollo osseo estratte da un donatore non compatibile. Era la prima volta al mondo, e l'èquipe che eseguì il trapianto  era diretta da  Franco Aversa, neodirettore dell'Ematologia e Centro trapianti midollo osseo dell'ospedale Maggiore: «Avevamo forti certezze di successo perchè gli esperimenti sui topi avevano dato risultati positivi. Decisivo fu l'atteggiamento del padre del ragazzo, che ci dette fiducia».
 Da allora  in Italia sono stati eseguiti poco meno di 800 trapianti «incompatibili», due terzi  dei quali a Perugia, e gli altri  negli ospedali  San Raffaele di Milano, Policlinico Tor Vergata, San Martino di Genova, Pescara, Bambin Gesù, Pavia. La tecnica ultimamente è stata  «esportata» anche in Usa, Belgio, Olanda e Germania, e Aversa annuncia: «Siamo pronti per il trapianto incompatibile anche a Parma. Potrebbe avvenire entro marzo».
Professor Aversa, come si possono trapiantare cellule non compatibili?
Abbiamo capito che nel midollo osseo ci sono tante cellule e dobbiamo scegliere quelle che hanno capacità positive  e non effetti negativi. Questo è possibile con una tecnica di «purificazione» delle staminali, messa a punto in collaborazione con l'Istituto Weizmann di Israele. Parallelamente, bisogna preparare il ricevente sopprimendo la sua capacità immunitaria (per evitare il rigetto) e distruggendo  il midollo osseo malato (per  curare la leucemia). Nel 90% dei  trapianti incompatibili si usano le cellule prelevate dal sangue (metodo più semplice per il donatore),  mentre nella metà circa dei trapianti compatibili si usano ancora cellule prelevate dal midollo osseo. 
I rischi per il donatore? 
Praticamente nessuno. Questo è un trapianto in vita per la vita. Le cellule staminali del donatore si rigenerano già a poche ore dalla donazione.   
I vantaggi del trapianto incompatibile?
Su 100 pazienti, poco più di  20 hanno la possibilità di trovare un donatore geneticamente compatibile fra i familiari.  E anche il registro dei Donatori volontari di midollo  consente, con gli  oltre  12 milioni di iscritti, la possibilità di trapianto solo ad un 20-30% di pazienti in lista di attesa. Il trapianto incompatibile   offre  la possibilità del trapianto praticamente a tutti. L'uso del donatore incompatibile consente un tempismo cruciale: intervenire nel «momento giusto», quando il paziente ha maggiori possibilità di guarire e cioè subito dopo aver raggiunto la «prima remissione» con 1-2 cicli di chemioterapia. Se poi si considera che oggi si trapiantano anche soggetti anziani (fino a 70 anni),  si comprende come il trapianto sia diventata una terapia senza limiti di età e compatibilità. Abbiamo operato con questa tecnica anche bambini di due-tre mesi e si spera di poter proseguire anche a Parma nel campo pediatrico grazie alla collaborazione  con la Pediatria e l'Oncoematologica pediatrica.  
Le percentuali di successo?
Variano dal tipo di malattia, dalla fase della malattia e dal donatore e vanno dal 20% all'80%. Se si sceglie bene il donatore e si opera nel momento giusto, la percentuale si aggira intorno  al 70-80%.
L'Ematologia  di Parma è pronta per questo intervento?
L'Ematologia di Parma ha una grande tradizione. Negli anni Ottanta Vittorio Rizzoli, il mio predecessore,  è stato  uno dei pionieri del trapianto autologo, nel quale il paziente è sia donatore che ricevente. Fra Parma e Perugia c'è una collaborazione ultratrentennale. Qui ci sono  una scuola e un patrimonio umano validi. In questo momento i tecnici di laboratorio di Perugia stanno collaborando con il personale del Maggiore. Per ora abbiamo in programma trapianti compatibili, ma spero di  eseguire  un   incompatibile già a marzo. E' importante partire e dimostrare la «fattibilità» del programma.  Il mio obiettivo per il 2012 è di almeno 10 trapianti tra compatibili  e incompatibili. 
Parma potrebbe diventare un centro di attrazione?
Sì, perchè saremmo il primo ospedale in Regione a fare il trapianto incompatibile. Per questo è importante che l'Azienda creda e investa nel progetto. Attualmente abbiamo  dieci  medici, ma due sono precari e il loro contratto è in scadenza. E anche due dei tre biologi in servizio hanno contratti a tempo determinato, mentre su  cinque  specializzandi, due  sono al termine della borsa di studio.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

3commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

6commenti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

Parma

Incendio di canna fumaria a Porporano

Sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

13commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

10commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017