-2°

Salute-Fitness

Pronti al Maggiore per il trapianto "incompatibile"

Pronti al Maggiore per il trapianto "incompatibile"
0

Monica Tiezzi

La cura della leucemia  ha una data miliare: il  4 marzo 1993 quando,  all'ospedale di Perugia, un ragazzo ventenne di Reggio Emilia venne sottoposto a un trapianto di cellule staminali da midollo osseo estratte da un donatore non compatibile. Era la prima volta al mondo, e l'èquipe che eseguì il trapianto  era diretta da  Franco Aversa, neodirettore dell'Ematologia e Centro trapianti midollo osseo dell'ospedale Maggiore: «Avevamo forti certezze di successo perchè gli esperimenti sui topi avevano dato risultati positivi. Decisivo fu l'atteggiamento del padre del ragazzo, che ci dette fiducia».
 Da allora  in Italia sono stati eseguiti poco meno di 800 trapianti «incompatibili», due terzi  dei quali a Perugia, e gli altri  negli ospedali  San Raffaele di Milano, Policlinico Tor Vergata, San Martino di Genova, Pescara, Bambin Gesù, Pavia. La tecnica ultimamente è stata  «esportata» anche in Usa, Belgio, Olanda e Germania, e Aversa annuncia: «Siamo pronti per il trapianto incompatibile anche a Parma. Potrebbe avvenire entro marzo».
Professor Aversa, come si possono trapiantare cellule non compatibili?
Abbiamo capito che nel midollo osseo ci sono tante cellule e dobbiamo scegliere quelle che hanno capacità positive  e non effetti negativi. Questo è possibile con una tecnica di «purificazione» delle staminali, messa a punto in collaborazione con l'Istituto Weizmann di Israele. Parallelamente, bisogna preparare il ricevente sopprimendo la sua capacità immunitaria (per evitare il rigetto) e distruggendo  il midollo osseo malato (per  curare la leucemia). Nel 90% dei  trapianti incompatibili si usano le cellule prelevate dal sangue (metodo più semplice per il donatore),  mentre nella metà circa dei trapianti compatibili si usano ancora cellule prelevate dal midollo osseo. 
I rischi per il donatore? 
Praticamente nessuno. Questo è un trapianto in vita per la vita. Le cellule staminali del donatore si rigenerano già a poche ore dalla donazione.   
I vantaggi del trapianto incompatibile?
Su 100 pazienti, poco più di  20 hanno la possibilità di trovare un donatore geneticamente compatibile fra i familiari.  E anche il registro dei Donatori volontari di midollo  consente, con gli  oltre  12 milioni di iscritti, la possibilità di trapianto solo ad un 20-30% di pazienti in lista di attesa. Il trapianto incompatibile   offre  la possibilità del trapianto praticamente a tutti. L'uso del donatore incompatibile consente un tempismo cruciale: intervenire nel «momento giusto», quando il paziente ha maggiori possibilità di guarire e cioè subito dopo aver raggiunto la «prima remissione» con 1-2 cicli di chemioterapia. Se poi si considera che oggi si trapiantano anche soggetti anziani (fino a 70 anni),  si comprende come il trapianto sia diventata una terapia senza limiti di età e compatibilità. Abbiamo operato con questa tecnica anche bambini di due-tre mesi e si spera di poter proseguire anche a Parma nel campo pediatrico grazie alla collaborazione  con la Pediatria e l'Oncoematologica pediatrica.  
Le percentuali di successo?
Variano dal tipo di malattia, dalla fase della malattia e dal donatore e vanno dal 20% all'80%. Se si sceglie bene il donatore e si opera nel momento giusto, la percentuale si aggira intorno  al 70-80%.
L'Ematologia  di Parma è pronta per questo intervento?
L'Ematologia di Parma ha una grande tradizione. Negli anni Ottanta Vittorio Rizzoli, il mio predecessore,  è stato  uno dei pionieri del trapianto autologo, nel quale il paziente è sia donatore che ricevente. Fra Parma e Perugia c'è una collaborazione ultratrentennale. Qui ci sono  una scuola e un patrimonio umano validi. In questo momento i tecnici di laboratorio di Perugia stanno collaborando con il personale del Maggiore. Per ora abbiamo in programma trapianti compatibili, ma spero di  eseguire  un   incompatibile già a marzo. E' importante partire e dimostrare la «fattibilità» del programma.  Il mio obiettivo per il 2012 è di almeno 10 trapianti tra compatibili  e incompatibili. 
Parma potrebbe diventare un centro di attrazione?
Sì, perchè saremmo il primo ospedale in Regione a fare il trapianto incompatibile. Per questo è importante che l'Azienda creda e investa nel progetto. Attualmente abbiamo  dieci  medici, ma due sono precari e il loro contratto è in scadenza. E anche due dei tre biologi in servizio hanno contratti a tempo determinato, mentre su  cinque  specializzandi, due  sono al termine della borsa di studio.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

Emergenza

Crescono le truffe agli anziani

LEGA PRO

Oggi Sudtirol-Parma

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

Sala Baganza

Un cinquantesimo nel segno dell'altruismo

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

parma

Luminarie: spesi 125mila euro

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Scivolano in un dirupo: un morto e due feriti

Governo

Renzi si è dimesso

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video