ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI TUTTE  LE SEZIONI DEL SITO

BUONI A NULLA

BUONI A NULLA

 
Musica in Circolo:  nuovo concerto pocket
Parma

Musica in Circolo: il 24 ottobre nuovo concerto pocket

 
Musulmani di Parma a Kuminda: foto di gruppo
Stranieri

I musulmani di Parma contro l'Isis: "No all'odio"

 
Regali dal telefonino,  con un'app tutta parmigiana
Hi-tech

Regali dal telefonino, con un'app tutta parmigiana

 
Golf TGI, quando il metano dà davvero una mano
MOTORI

Golf TGI, quando il metano dà davvero una mano

 
La chiusura della Borsa e l'economia di Parma
TV PARMA

La chiusura della Borsa e l'economia di Parma

 
 Le esperienze della vita entrano nell'arte di Sciff
Galleria Centro Steccata

Le esperienze della vita entrano nell'arte di Sciff

 
Parma dormiente e incantata nelle fotografie di Pezzani
Portici del grano

Parma dormiente e incantata nelle fotografie di Pezzani

 
autunno figliage
viaggi

L'orizzonte tra gli aceri del Québec

 
smartphone
smartphone

La carica dei supertelefonini

 
La Gazzetta aderisce alla raccolta di Munus per gli alluvionati
Iniziativa

La Gazzetta aderisce alla raccolta di Munus per gli alluvionati

 
Mirànt, sèmma a sinch gàti zvélja ch' a n’é ora tato
Dialetto

Mirànt, sèmma a sinch gàti zvélja ch' a n’é ora tato

 
E' morta Lilli Carati
Lutto nel cinema

E' morta Lilli Carati

 
 Gioacchino Giovanni Iapichino
Le nostre iniziative

Riso dall'antipasto al dolce con il libro della Gazzetta

 
«Mollo tutto e vado in Australia con la mia moto»
I nuovi emigrati

«Mollo tutto e vado in Australia con la mia moto»

 
Offerte di lavoro
occupazione

Offerte di lavoro

 
Gli invitati di Michelle...
comare & co.

Gli invitati di Michelle...

 
Alluvione a Parma: la settimana più lunga
cronaca di 7 giorni

Alluvione: la settimana più lunga

 
"Noi in prima linea contro l'Ebola: portiamo cibo a orfani e famiglie"
Salute

"Noi in prima linea contro l'Ebola: portiamo cibo a orfani e famiglie"

 
I ragazzi dell'Istituto Mainetti di Traversetolo
Traversetolo

Scuola, il Mainetti all'avanguardia

 
La miss che non sa leggere la schedina
gaffe

La miss che non sa leggere la schedina Video

 
Mamma Rosa

Mamma Rosa

 
Las Karne Murta, sostegno dal palco
Venerdì prossimo

Las Karne Murta, sostegno dal palco

 
Donne: tutte le news al femminile
la città rosa

Donne: tutte le news al femminile

 
Fai affari con Kauppa, il social commerce alla parmigiana!
Kauppa

Fai affari con Kauppa, il social commerce alla parmigiana!

 

C inema

ALTMAN

ALTMAN

Genere Documentario

Durata 95

 

Salute-Fitness

Protesi al seno "incriminate" - Corradi: in regione sono 331

Protesi al seno "incriminate" - Corradi: in regione sono 331
4

BOLOGNA – Sono solo 331 in Emilia-Romagna le protesi mammarie della ditta francese sotto accusa per aver usato silicone industriale, così il consigliere regionale leghista Roberto Corradi chiede che la Regione si uniformi «al principio di precauzione, consentendo a tutte le interessate la possibilità di rimuovere le protesi».

Presentando una risoluzione per sollecitare la Giunta regionale, Corradi sottolinea che le 331 protesi 'incriminatè censite (126 a Rimini, 124 a Bologna, 59 a Ravenna, 15 a Parma, cinque nella provincia di Forlì-Cesena e due a Modena) potrebbero non essere un numero definitivo, per l’assenza in Italia di un Registro delle protesi mammarie (mentre esiste ad esempio per le protesi all’anca che ha permesso un più preciso intervento regionale). Corradi stigmatizza così che «dal 2009 sia fermo in Parlamento un disegno di legge voluto dall’allora sottosegretario leghista alla sanità, on.Francesca Martini», proprio per istituire quel registro, che ha permesso al ministero francese (dopo aver appurato otto casi di tumori) un piano che offre gratuitamente la rimozione di quella protesi.
L'Emilia-Romagna «ha deciso – prosegue Corradi – di non procedere ad una rimozione generalizzata delle protesi, limitando gli espianti ai soli casi in cui emergano gravi evidenze cliniche», ma così secondo lui si rinuncia alla prevenzione e si espongono a 'gravi rischì centinaia di donne: invita così la Regione a seguire il 'modello francesè, confermando «la rimozione gratuita per le donne sottoposte ad impianti per ragioni sanitarie», ma non per chi l’ha fatto per ragioni estetiche, da chiamare «a contribuire ai costi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 4
  • wolf

    11 February @ 11.27

    Bravo Corradi. Più che giusto: a chi ha rifatto il seno per ragioni sanitarie dove essere rimossa la protesi gratuitamente, ma chi l'ho fatto solo per ragioni estetiche se la pagano di propria tasca. Chi bella vuole apparire deve soffrire.. anche nel portafoglio.

    Rispondi

  • andrea

    10 February @ 20.18

    solo 331? mmm, non mi fido, voglio toccare con mano!

    Rispondi

  • roberto

    10 February @ 19.32

    Meglio 2 tette cadenti che 2 buoni motivi per mettere a rischio la propria salute!!!

    Rispondi

  • gigi

    10 February @ 18.13

    la prossima volta la protesi al cervello....magari si potra' ottenere un migliore risultato......forse questo insegnerà a molte galline a non pensare solo al risparmio ..... tutto ha un prezzo ed il low cost della salute per apparire è molto molto pericoloso..!

    Rispondi