ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI TUTTE  LE SEZIONI DEL SITO

DORAEMON 3D

DORAEMON 3D

 
Speciale economia del 31 ottobre
Tg Parma

Speciale economia del 31 ottobre

 
Quando Miss Parma indossa l'abito da sposa
TV PARMA

Quando Miss Parma indossa l'abito da sposa Video

 
Federico Pagani al Labò
spettacolo

Federico Pagani al Labò Video

 
A Parma si allontana lo spettro della deflazione
soldi

A Parma si allontana lo spettro della deflazione

 
Riconosciuta ai docenti precari l'anzianità maturata
Tribunale del lavoro

Riconosciuta ai docenti precari l'anzianità maturata

 
Rapid Spaceback, l'essenza di Skoda
PROVA SU STRADA

Rapid Spaceback, l'essenza di Skoda

 
Piazza Garibaldi: arrivano le panchine
parma centro

Piazza Garibaldi: arrivano le panchine

 
Unitalsi, solidarietà quotidiana: ecco i corsi per i volontari
Tg Parma

Unitalsi, solidarietà quotidiana: ecco i corsi per i volontari

 
La notte di «Galloween» per l'Abracadabra
solidarietà

La notte di «Galloween» per l'Abracadabra

 
"Care" tasse universitarie? L'Ateneo: "Dati errati"
Università

"Care" tasse universitarie? L'Ateneo: "Dati errati"

 
La nostra Grande Guerra: una galleria di vite e di storie
CULTURA

La nostra Grande Guerra: una galleria di vite e di storie

 
3,2 milioni di disoccupati: mai così tanti dal 2004
lavoro

3,2 milioni di disoccupati: mai così tanti dal 2004

 
Il soccorso al capriolo ferito nella Parma
Video dei lettori

Il soccorso al capriolo ferito nella Parma

 
Torna il "November porc": si parte da Sissa
tg parma

Torna il "November porc": si parte da Sissa Video

 
Reggio: ragazze pestano coetanea perché non è musulmana
Reggio emilia

Ragazze pestano coetanea perché non è musulmana

 
Stonehenge
VIAGGI

Stonehenge, una magia millenaria

 
La montagna ha ricordato il cardinal Bruno Bertagna
Tg Parma

La montagna ha ricordato il cardinal Bruno Bertagna Video

 
E in passerella va il cioccolato
PARIGI

E in passerella va il cioccolato Video

 
Sousa,  indó l’àni catè chilù? Mauri l’ùnnica béla notìssja
Dialetto

Sousa, indó l’àni catè chilù? Mauri l’ùnnica béla notìssja

 
Addio per sempre, Bridget Jones
comare & co.

Addio per sempre, Bridget Jones

 
Trattoria Pescacciatore

Trattoria Pescacciatore

 
#Parmaweb: e il Tg pesca nella Rete
Tv Parma

#Parmaweb: e il Tg pesca nella Rete

 
Las Karne Murta, sostegno dal palco
Venerdì prossimo

Las Karne Murta, sostegno dal palco

 
Donne: tutte le news al femminile
la città rosa

Donne: tutte le news al femminile

 
Fai affari con Kauppa, il social commerce alla parmigiana!
Kauppa

Fai affari con Kauppa, il social commerce alla parmigiana!

 

C inema

Salute-Fitness

Protesi al seno "incriminate" - Corradi: in regione sono 331

Protesi al seno "incriminate" - Corradi: in regione sono 331
4

BOLOGNA – Sono solo 331 in Emilia-Romagna le protesi mammarie della ditta francese sotto accusa per aver usato silicone industriale, così il consigliere regionale leghista Roberto Corradi chiede che la Regione si uniformi «al principio di precauzione, consentendo a tutte le interessate la possibilità di rimuovere le protesi».

Presentando una risoluzione per sollecitare la Giunta regionale, Corradi sottolinea che le 331 protesi 'incriminatè censite (126 a Rimini, 124 a Bologna, 59 a Ravenna, 15 a Parma, cinque nella provincia di Forlì-Cesena e due a Modena) potrebbero non essere un numero definitivo, per l’assenza in Italia di un Registro delle protesi mammarie (mentre esiste ad esempio per le protesi all’anca che ha permesso un più preciso intervento regionale). Corradi stigmatizza così che «dal 2009 sia fermo in Parlamento un disegno di legge voluto dall’allora sottosegretario leghista alla sanità, on.Francesca Martini», proprio per istituire quel registro, che ha permesso al ministero francese (dopo aver appurato otto casi di tumori) un piano che offre gratuitamente la rimozione di quella protesi.
L'Emilia-Romagna «ha deciso – prosegue Corradi – di non procedere ad una rimozione generalizzata delle protesi, limitando gli espianti ai soli casi in cui emergano gravi evidenze cliniche», ma così secondo lui si rinuncia alla prevenzione e si espongono a 'gravi rischì centinaia di donne: invita così la Regione a seguire il 'modello francesè, confermando «la rimozione gratuita per le donne sottoposte ad impianti per ragioni sanitarie», ma non per chi l’ha fatto per ragioni estetiche, da chiamare «a contribuire ai costi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 4
  • wolf

    11 February @ 11.27

    Bravo Corradi. Più che giusto: a chi ha rifatto il seno per ragioni sanitarie dove essere rimossa la protesi gratuitamente, ma chi l'ho fatto solo per ragioni estetiche se la pagano di propria tasca. Chi bella vuole apparire deve soffrire.. anche nel portafoglio.

    Rispondi

  • andrea

    10 February @ 20.18

    solo 331? mmm, non mi fido, voglio toccare con mano!

    Rispondi

  • roberto

    10 February @ 19.32

    Meglio 2 tette cadenti che 2 buoni motivi per mettere a rischio la propria salute!!!

    Rispondi

  • gigi

    10 February @ 18.13

    la prossima volta la protesi al cervello....magari si potra' ottenere un migliore risultato......forse questo insegnerà a molte galline a non pensare solo al risparmio ..... tutto ha un prezzo ed il low cost della salute per apparire è molto molto pericoloso..!

    Rispondi