17°

30°

Salute-Fitness

Ordine Psicologi Emilia Romagna contro ludopatia

Ordine Psicologi Emilia Romagna contro ludopatia
2

 Tentare la fortuna con il Gratta e Vinci, il Superenalotto e il Win for Life, piuttosto che con lotterie e slot machine, rischia di trasformarsi in una forma di dipendenza patologica. Il fenomeno è cresciuto e continua a farlo dinnanzi al ritardo della politica e della società che a lungo hanno sottovalutato il problema. Finalmente la tendenza sembra invertirsi. Gli psicologi dell'Emilia Romagna accolgono con interesse e partecipazione le recenti iniziative di alcuni comuni e associazioni del territorio, volte a sensibilizzare i cittadini e a limitare il gioco d'azzardo.

I centri specializzati nella cura di questa patologia registrano un costante aumento di persone che chiedono aiuto: nel Ser.T di Cesena, durante il 2011, i casi sono aumentati del 50% rispetto l'anno precedente; il centro Papa Giovanni Paolo XXIII di Reggio Emilia ha seguito una quarantina di malati l'anno scorso e ne ha accolti già più di venti da gennaio ad oggi. La tendenza si può vincolare all'acuirsi della crisi economica, all'angoscia e frustrazione che ne derivano, ma anche all'imporsi - quasi in parallelo - di un modello culturale che premia vincite e ricchezza facile. Negli ultimi tempi, infine, sono cresciute le occasioni per giocare: si sono moltiplicate le estrazioni del lotto, hanno debuttato nuove lotterie e giochi on line, le slot machine si sono diffuse capillarmente in bar, tabacchi e perfino in luoghi a partecipazione pubblica come gli aeroporti.
"Circa il 3% di chi acquista abitualmente una scheda della lotteria o si siede davanti a una slot machine rischia di sviluppare un attaccamento patologico al gioco. Può diventarne schiavo", considera Manuela Colombari, Presidente dell'Ordine degli psicologi dell'Emilia Romagna. Questo disturbo altera il comportamento di chi ne è soggetto, con alcuni elementi costanti: il bisogno di giocare con quantità sempre maggiori di denaro, l'impossibilità di controllare l’impulso, la tensione emotiva quando si cerca di resistere e l'appagamento nel momento in cui ci si abbandona al gioco, le bugie dette per nascondere la gravità del problema e delle perdite, le ripetute richieste di prestiti, la compromissione delle relazioni personali e l'impossibilità di mantenere gli impegni familiari, professionali o di studio. 
"Si tratta di una fenomenologia del tutto simile a quella che deriva dalle classiche dipendenze da sostanze chimiche o stupefacenti", riassume Colombari. Ma c'è una grossa differenza, che continua a favorire il diffondersi strisciante di questo tipo di patologia: mentre il consumo di droghe è socialmente stigmatizzato, quello del gioco d'azzardo no. La malattia, in questo caso, consiste nella ripetizione compulsiva di una attività che di per sé è lecita. Peraltro, ormai non occorre nemmeno più rinchiudersi in un Casinò o in una bisca. Bastano una carta di credito e una connessione a internet.
"È proprio la liceità e legalità dei comportamenti che sono alla base delle new addictions come il gioco d'azzardo che rende ancora più complessa la richiesta di soccorso. E' difficile chiedere aiuto per qualcosa che viene accettato socialmente e talvolta apprezzato per le sue potenzialità”, valuta Colombari. Cercare di sgretolare il consenso, la permissività o quantomeno la noncuranza che circondano questo disturbo è fondamentale per aiutare chi ne soffre e per sviluppare le difese di tutti i cittadini. "Per questo, consideriamo essenziali e preziose iniziative volte a mantenere viva l'allerta sociale e a restringere i margini legali di un'attività che può facilmente degenerare, come quella del presidente dell'Anci e sindaco di Reggio Emilia Graziano Delrio e di altri comuni del territorio. Per troppo tempo si è fatto finta di non vedere il problema e si sono abbandonate centinaia di persone al proprio destino".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giorgio

    03 Maggio @ 09.28

    resta inutile che pubblicizzate tanto il male del secolo se poi di fianco allo stesso pubblicizzate il modo come ottenere un prestito di denaro i dipendenti del gioco porranno solo la loro attenzione ad'esso !!!!!!!!!! per quale motivo tanto nefasto non pubblicizzate delle associazioni che possono aiutare tutti queste persone malate di gioco d'azzardo non sarebbe più conveniente per il vs gruppo di dottori tanto all'avanguardia

    Rispondi

  • giorgio

    03 Maggio @ 09.19

    sono un soggetto patologicamente compromesso dal gioco di slot e ne conosco a migliaia con lo stesso mio problema la cosa piu eclatante della situazione è che i tantissimi pensionati vuoi per la solitudine vuoi per il tanto tempo libero si stanno rovinando piu dei giovani ho visto persone di 80 anni delapidare i risparmi di un'intera vita di lavoro per colpa della nuova generazione di slot nelle quali puoi inserire banconote di taglio illimitato. e poi la cigliegina sulla torta e che ho visto gente che queste slot le utilizzano come lavatrici di soldi sporchi sapete quanti delinquenti le usano per giustificare i loro illeciti commerci come droga e prostituzione? sapete che introducono milioni di banconote guadagnate illecitamente e poi vanno ad'intascare i tket facendoli passare come vincite alla slot? !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

E' morto Roger Moore: l'ex James Bond aveva 89 anni

cinema

E' morto Roger Moore: è il primo addio a un protagonista di "007"

Il fiscalista di Corona: "faceva 130mila euro di nero al mese"

PROCESSO

Il fiscalista di Corona: "Faceva 130mila euro di nero al mese"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cher, a 71 anni look ose' a Billboard Music Awards

MUSICA

Cher, look osé. A 71 anni incanta ancora

1commento

Lealtrenotizie

Incendio all'ex scuola di Baganzola, in fumo l'archivio della Magnanini

tg parma

Ex scuola di Baganzola, rogo distrugge l'archivio "Magnanini". E' doloso? Video

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

2commenti

LEGA PRO

Il Parma vuole la qualificazione

1commento

tg parma

I tifosi crociati moderatamente ottimisti per il passaggio del turno Video

allarme

Sorbolo, non solo parkour. "Ora fingono di finire sotto le auto"

4commenti

stradone

L'associazione dei writers: "Il Comune ci affidi il sottopasso: sarà spazio culturale"

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

8commenti

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

sos animali

Via Aleotti, avvelenato un cane. Sospetto bocconi nell'area verde

polizia

L' "ordinaria" sequenza di furti nei supermercati: denunciati in tre

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

Traversetolo

Spunta un villaggio neolitico sotto il futuro Conad

Fidenza

Bar «Spiga d'oro», due furti in quattro giorni

VIABILITA'

Industria 4.0 in fiera: code al casello di Parma

LANGHIRANO

Motorini, proteste per l'«invasione»

1commento

PERSONAGGIO

Picelli, il «vecio dei Capannoni» e la storia del quartiere Cristo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Garlasco

Omicidio di Chiara Poggi, Stasi fa ricorso straordinario in Cassazione

terrorismo

Italiano rapito in Siria riappare in un nuovo video

SOCIETA'

CESENA

La triatleta Julia Viellehner è morta: donati gli organi

avvistamenti

"Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino": le foto

4commenti

SPORT

Giro d'Italia

Dumoulin e i problemi intestinali: tappa a bordo strada Video

CESENA

Nicky Hayden: la famiglia acconsente all'espianto degli organi

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancor più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare