12°

Salute-Fitness

La medicina personalizzata nelle malattie respiratorie

La medicina personalizzata nelle malattie respiratorie
0

La diversa risposta  dei trattamenti standard nei pazienti affetti da asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è  uno dei più dibattuti interrogativi medici. L’edizione 2012 di «Respiration Day» - oggi  all'auditorium Paganini, organizzata da Chiesi e Fondazione Chiesi con l'Università di Parma -   vuol  fornire a clinici e ricercatori le più attuali conoscenze sull’applicazione della medicina personalizzata alle malattie respiratorie.
«Respiration Day», giunto all'ottava edizione,  è un evento internazionale di elevato spessore scientifico  per  clinici e ricercatori che annualmente, condividendo esperienze ed idee,  confrontano   le più recenti acquisizioni scientifiche nel campo delle malattie respiratorie. L'obiettivo è contribuire a una sempre migliore comprensione dei meccanismi patofisiologici di tali malattie, favorendo lo scambio d’idee sulle più recenti esperienze,  per  far convergere i punti di vista del clinico, del ricercatore e del paziente.
«Respiration Day» ha visto la luce nel 2005 grazie alla collaborazione tra l’Università di Parma e la Fondazione Chiesi. Sono numerosi gli argomenti discussi nelle passate edizioni: dalla scelta dei migliori parametri per valutare l’efficacia dei trattamenti o per una diagnosi precoce ed accurata,  a come trasferire efficacemente le informazioni degli studi randomizzati controllati alla pratica clinica, a come la fenotipizzazione clinica di asma e BPCO possa contribuire a una migliore gestione del paziente. Quest’anno più di 700 clinici e ricercatori arrivano a Parma da tutto il mondo per discutere di un argomento di crescente interesse: la medicina personalizzata.
Le relazioni introduttive verteranno sui concetti di base della medicina personalizzata e della sua applicazione ad asma e BPCO. La comprensione delle basi genetiche di malattie quali asma e BPCO può certamente apportare sensibili benefici. Primo, e più importante, in grado di fornire informazioni sui passaggi-chiave nella patogenesi della malattia, è l’identificazione dei geni coinvolti nell’insorgenza e nella progressione della malattia. Attualmente la stratificazione biologica è impiegata per selezionare i pazienti asmatici eleggibili per la terapia con anti-IgE, e, nei pazienti con BPCO, per il trattamento con alfa-1-antitripsina.  È   meritevole di ulteriore approfondimento la possibilità di utilizzare l’informazione genetica allo scopo di definire sottogruppi di pazienti che potrebbero meglio rispondere alle nuove terapie respiratorie.
Le due successive sessioni saranno dedicate alla possibile applicazione di terapie mirate in pazienti affetti da malattie respiratorie ostruttive al fine di migliorare la loro gestione e decorso clinico. Sono già stati compiuti notevoli progressi specialmente nel trattamento di asma severa e difficile da trattare. Infatti, da un lato, la somministrazione di anticorpi monoclonali (hMab) diretti verso specifiche interleuchine (IL-5, IL-13) e, dall’altro, la termoplastica, hanno fornito incoraggianti risultati in ben definiti gruppi di pazienti.
Sebbene la presenza di numerosi fenotipi clinici e patologici di BPCO sia ben riconosciuta, non è ancora ben chiaro come questo possa impattare sul trattamento. Per esempio, non vi sono attualmente differenze terapeutiche fra pazienti che presentano un predominante coinvolgimento delle vie aeree periferiche e quelli con predominanza di enfisema. La ricerca genetica, proteomica e metabolomica potrebbe fornire a breve altre evidenze sul processo infiammatorio alla base della BPCO, facilitando l’identificazione di specifici bersagli per una terapia più personalizzata.
L’ultima sessione verterà sui pazienti con segni e sintomi sia di asma sia di BPCO. Asma e BPCO sono malattie eterogenee, con origini sia genetiche sia ambientali. Esistono differenze fra asma e BPCO nella loro presentazione clinica, età d’insorgenza, sintomatologia ed evoluzione della malattia. Tuttavia, la coesistenza di asma e BPCO nello stesso paziente è   ampiamente riconosciuta, anche se non ancora ben descritta. La predisposizione genetica alla deviazione di certi processi biochimici potrebbe aiutare a definire sottogruppi di pazienti con asma e BPCO. Questo potrebbe  consentire di stratificare i pazienti secondo il loro patrimonio genetico, aprendo  nuove prospettive terapeutiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Aggiudicazione provvisoria⁩

Parma

Trasporto pubblico, gara a Busitalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

4commenti

Parma

Ancora animali avvelenati: un caso in zona Montanara Foto

La polizia municipale, su Twitter, invita a fare attenzione in via Torrente Manubiola

Parma

Mattinata di incidenti: quattro feriti in poche ore Foto

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

5commenti

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

1commento

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

tg parma

Il pugile Fragomeni dona 25mila euro all'Ospedale dei Bambini Video

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

Gazzareporter

Parcheggio "selvaggio" in via Marchesi

Sant'Ilario d'Enza

Rissa a colpi di sedie e tavolini: quattro stranieri in manette

Due indiani e due pakistani si sono affrontati fuori da un kebab di via Roma, nel paese della Val d'Enza

5commenti

Rugby

Al Molino Grassi un super-derby Foto

Al fotofinish grazie alla mischia i gialloblù trovano la meta e superano i «cugini» dell'Amatori

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Salsomaggiore

Addio a Iolanda Campanini, una vita fra libri e giornali

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

1commento

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

2commenti

ITALIA/MONDO

vercelli

Voleva salvare il cane: travolto dal trattore di papà

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

LA PEPPA

La ricetta: Whoopies arlecchino per il carnevale dei piccoli

SPORT

ATLETICA

«Ayo» Folorunso campionessa italiana nei 400

Stadio Tardini

Parma-Samb 4-2: ecco il gol di Munari

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery