22°

Salute-Fitness

Certificati per lo sport: Parma tiene alta la guardia

Certificati per lo sport: Parma tiene alta la guardia
Ricevi gratis le news
0

 Andrea Del Bue

Certificato di idoneità alla pratica sportiva agonistica: questione di cultura, non solo di salute. In Italia, esami certosini e guardia alta.  Con l’Europa che si adegua al Belpaese, prendendone esempio. Altra parte del globo, Stati Uniti d’America: non esiste un’idoneità obbligatoria all’attività fisica, ma solo un premio assicurativo che si alza se il soggetto è affetto da qualche patologia.
Dopo la tragica morte del 53enne podista  stroncato a Calestano durante la «Tartufo Trail» dell'altro ieri,  il tema dei certificati è più caldo e attuale che mai. Con l’età dell’agonismo (varia a seconda delle Federazioni, ma la media è 12 anni), in Italia è obbligatorio passare una serie di esami: visita clinica, misura pressione arteriosa, elettrocardiogramma a riposo e sotto sforzo (il cosiddetto «gradino»), esame delle urine e spirometria. In alcuni casi, si rende necessario un accertamento ulteriore; ad esempio, per chi corre in moto o in auto, così come per gli sciatori, è necessaria la visita neurologica. 
Oppure i subacquei, che devono essere sottoposti all’esame audiometrico. E così via. Se va tutto bene, viene rilasciato dal medico un certificato di idoneità a praticare sport a livello agonistico.  I ragazzi che non hanno ancora compiuto il diciottesimo anno d’età, per fare gli esami gratuitamente si rivolgono all’Ausl: a Parma l’ambulatorio è all’interno del palazzetto dello sport, in provincia ci sono sedi a Fidenza, Langhirano e Borgotaro. Se maggiorenni, oltre che nella struttura pubblica, si può andare, a pagamento (in media 50 euro), in uno dei dodici centri accreditati.
Quando lo specialista rileva qualche anomalia, formula un’ipotesi diagnostica e prescrive all’atleta accertamenti ulteriori. In caso di alterazioni elettrocardiografiche o di un «soffio» al cuore, ad esempio, si ricorre alla consulenza di un cardiologo per un’ecocardiografia o un esame sotto sforzo massimale, con cicloergometro o tapis roulant. Dopo i 40 anni, di norma, lo sforzo cui bisogna sottoporsi è sempre massimale, già dalla prima visita.
Nel caso di rinvio a ulteriori accertamenti, la delicatezza del medico è fondamentale: talvolta il paziente, soprattutto se giovane, si sente malato senza esserlo (tanto che, nel 2011, solo 3 atleti, su 15561 visite tra pubblico e privato, non hanno ottenuto l’idoneità: lo 0,2%) e nei genitori monta la preoccupazione. C’è addirittura chi pensa che, dopo il caso Piermario Morosini, il calciatore del Livorno morto sul campo, durante un incontro, il 14 aprile 2012, a causa di un arresto cardiaco causato da una displasia aritmogena del ventricolo sinistro, lo scrupolo dei medici sia eccessivo e che sia difficile ottenere un certificato di idoneità agonistica senza passare da esami più approfonditi. Niente di tutto questo. 
A garantirlo è Alberto Anedda, direttore del Centro di Medicina dello Sport di Parma: «Il caso Morosini non ci ha toccato particolarmente - sottolinea -, soprattutto perché in quel caso è stata accertata una patologia cardiaca, anche se di difficile riscontro. Gli eventi che hanno fatto alzare il livello d’attenzione, semmai, sono le morti senza una causa nota o eventi anomali quali la morte di un ragazzino davanti ad un videogioco o di atleti non sottoposti a particolari stress fisici come un portiere di calcio».
Sono i dati a dire che non è vero che il medico sportivo è sempre più restio a rilasciare l’idoneità alla prima visita. Confrontando i primi otto mesi del 2012 con lo stesso periodo del 2011, risulta effettivamente che a Parma ci sono state più richieste di esami suppletivi: si è infatti passati dal 6,53% di richieste di approfondimenti, all’8.47% (258 casi su 3046 visite nel 2012, rispetto ai 222 su 3397 del 2011). E’ vero anche, però, che ci sono cause precise. 
«Innanzitutto, da quest’anno abbiamo inserito i ragazzi undicenni della pallavolo e del basket, causando, pertanto, un aumento di prime visite sulle quali è doveroso prestare attenzione particolare - sottolinea Anedda -. C’è poi l’aspetto del sensibile aumento di ragazzi di colore, di cui conosciamo tutto a livello di morfologia di base, ma pochissimo sulle modificazioni strutturali indotte dall’esercizio fisico. Infine, non si può negare che cresce il numero di cardiopatie di tipo virale, soprattutto le miocarditi e le endocarditi, e sono aumentate le conoscenze relative alle cardiopatie su base genetica, soprattutto le canalopatie».
Ci sono altri numeri che portano il medico sportivo ad alzare la soglia di attenzione, quelli relativi alle morti improvvise dal 2000 al 2010: «Nei primi cinque anni, cinque casi accertati; dal 2005 al 2010, invece, praticamente il doppio - spiega Anedda -. Sono ancora in fase di studio le cause di morte improvvisa di questi atleti, ma è innegabile che fattori favorenti possano essere la globalizzazione delle attività sportive, l’innalzamento dell’età media dell’atleta che pratica agonismo e l’esasperazione del gesto atletico».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»