-1°

Salute-Fitness

La semina “partecipata” di Salvatore Ceccarelli

La semina “partecipata” di Salvatore Ceccarelli
0

“Chi decide quale parte di diversità è utile a me?” Salvatore Ceccarelli parla del suo lavoro di ricercatore e di miglioramento genetico partecipativo, il sistema con il quale da anni semina e fa crescere colture nei campi più aridi e difficili del mondo, insieme agli agricoltori del luogo perché “il ricercatore si limita a dare quanta più diversità possibile ed è l’agricoltore a scegliere i materiali che dopo alcuni anni di selezione diventeranno le sue varietà”. E’ questo metodo, pensato per aiutare i contadini più poveri e delle zone più marginali del pianeta, che lo ha fatto conoscere nel mondo. Un impegno che dura da più di 30anni e per il quale oggi la Provincia di Parma gli ha assegnato il “San Martino 2012”, premio destinato a chi lavora per la valorizzazione della biodiversità e salvaguardia dei territori consegnato nelle precedenti edizioni a Libereso Guglielmi, Carlo Petrini, Vandana Schiva, Susanna Magistretti.

Ceccarelli racconta di sé e delle sue scelte alla platea di studenti, agricoltori e autorità che è venuta ad ascoltarlo, lo fa interloquendo con Marco Fratoddi, giornalista, direttore di Nuova Ecologia, lo storico mensile di Legambiente.
“E’ successo tutto abbastanza casualmente, ho risposto ad una sollecitazione durante un incontro in cui si metteva in evidenza l’assenza di ricercatori italiani nei centri di ricerca internazionali. Sono andato è ho detto che mi interessava”. E’ in quel momento che Ceccarelli, nato a Fiume ma vissuto in Umbria dove ricopriva la cattedra di Risorse genetiche e Miglioramento genetico all’Università di Perugia, cambia la sua vita.  Va in India poi in Siria, dove poi nel 1995 effettuerà la prima sperimentazione partecipativa. Torna anche in Italia per pochi anni a fare il professore, lavoro che poi lascerà per abbracciare definitivamente quello di ricercatore. “Avevo cominciato a chiedermi a che cosa o a chi serve il lavoro che stavo facendo. Dopo due anni in Siria mi sono accorto subito che serviva ai vari Muhammad, Aamir, Hassan.”
Il primo passo è stato portare fuori la ricerca dalle stazioni sperimentali e il secondo quello di sperimentare nei campi con gli agricoltori di quei luoghi, “persone che erano i discendenti di chi aveva addomesticato le piante 10mila anni fa”. 
Ceccarelli ora è consulente in miglioramento genetico dell’Icarda, il Centro internazionale di ricerca agricola per le zone aride, uno dei 15 centri del Consultative Group on International Agricultural Research (Cgiar), organizzazione no profit alla quale è affidata una delle "mete del millennio" decise dalle Nazioni Unite: dimezzare entro dieci anni il numero delle persone che patiscono la fame. Con il suo metodo Salvatore Ceccarelli pianta orzo, frumento, mais, tante colture su cui si possa fondare una autonomia alimentare di quelle popolazioni e segue progetti in Siria, Giordania, Egitto, Algeria, Eritrea, Etiopia, Yemen e Iran Siria. 
Il miglioramento genetico partecipativo (PPB) è “una scienza che in realtà è un miscuglio di scienze”, la combinazione  della scienza moderna con il sapere contadino accumulato in migliaia di anni modificando le piante.  Un modello che dove è stato applicato ha dato risultati anche per la capacità di aumentare la qualità di alimenti. 
Nella sua “lezione” parmigiana Ceccarelli si rivolge spesso con domande agli studenti degli Istituti Bocchialini (Agrario), Bertolucci (Liceo) e Marconi (Liceo), presenti all’iniziativa su invito della Provincia. “E’ importante parlare ai giovani e dire loro che la biodiversità ha senso perché è un marcatore del nostro essere persone, essenziale per il futuro del pianeta” dice il vicepresidente della Provincia Pier Luigi Ferrari che ha aperto la cerimonia. 
“La valorizzazione della biodiversità è un impegno costante di questi ultimi dieci anni di vita dell’amministrazione, una scelta cosciente e consapevole di valorizzazione del territorio con la quale abbiamo creato un piccolo capitale, un patrimonio a disposizione di tutti” – ha detto il presidente Vincenzo Bernazzoli prima della consegna del premio: la pergamena e il tabarro che Ceccarelli indossa ringraziando essendo “tradizionalmente un freddoloso”. Accompagnano il tutto i semi dell’Associazione Agricoltori custodi del Parmense, suggello del legame fra persone che hanno la stessa visione.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le evoluzioni al palo di Maria Aguiar

Pole dance

Evoluzioni al palo: Maria Aguiar è campionessa sudamericana Video

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

4commenti

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

lega pro

Parma: missione punti e continuità

Crociati in campo al Tardini, oggi, alle 14.30 contro il Teramo

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

3commenti

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

6commenti

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

2commenti

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Fuori Orario

Serata "I love Rock": ecco chi c'era Foto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

2commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

A volte fa più male la gentilezza

ITALIA/MONDO

Crisi di governo

Mattarella convoca Gentiloni al Quirinale. Renzi: "Torno a casa davvero"

turchia

Autobomba nel centro di Istanbul: 13 morti e decine di feriti

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

5commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti