20°

Salute-Fitness

Il tumore al seno? Si combatte con due "squadre"

Ricevi gratis le news
0

Monica Tiezzi

Sono oltre trentamila le mammografie eseguite dal primo gennaio dal centro screening «Bagnasco» dell'Ausl e  oltre novemila quelle eseguite nel 2011 dal Centro senologico dell'ospedale Maggiore. Una lotta «congiunta» al tumore al seno fra   due strutture -  riunite  fisicamente dal 2010,  con il trasloco del centro screening da via Cecchi al monoblocco del Maggiore, che ospita anche in centro senologico i  -  che stanno lavorando nell'ottica dell'integrazione e della sinergia. Non senza difficoltà.

«Tanti passi avanti»
«L'organizzazione unitaria  ancora non si è compiutamente attivata e le strutture restano funzionalmente separate», sostiene ad esempio Giancarlo Terzi, assessore alla sanità del Comune fra il 2000 e il 2007, che per questo ha scritto nei mesi scorsi sia ad Ausl che all'ospedale. E anche Carlo Naldoni, responsabile regionale dello screening mammografico, ammette che «a livello regionale c'è chi ha superato questo dualismo, come Reggio Emilia, Bologna e Modena. A Parma  siamo sulla buona strada ma bisogna integrare di più, unificando risorse e percorsi diagnostico-terapeutici».
«In realtà la situazione oggi non è paragonabile rispetto a qualche anno fa. Molti passi avanti sono stati fatti sia per i tempi  per le mammografie cliniche,  per le quali oggi si aspettano solo pochi giorni,  sia per l'integrazione fra le due strutture. Siamo soddisfatti,  anche se  non ci accontentiamo», dice il direttore generale dell'Ausl Massimo Fabi.

Gruppo di lavoro interaziendale
Il direttore sanitario dell'Ausl Ettore Brianti ricorda che dal 2008 c'è un gruppo di lavoro permanente interaziendale  che vuol  delineare  un unico percorso integrato per la cura del tumore al seno. Un percorso che coinvolge anche i medici di medicina generale, cui spetta la prima valutazione di «filtro» per decidere l'invio della paziente alla Senologia  del Maggiore, struttura inserita nella Radiologia e centro di riferimento  regionale.
Due sono infatti i canali di accesso della paziente alla mammografia: lo screening programmato e la mammografia clinica.
«Lo screening mammografico preventivo viene eseguito una volta all'anno per le pazienti fra i 45 e i 49 anni, e ogni due anni per le pazienti fra i 50 e i 74 anni», spiega Giovanni Conti, direttore del  centro screening, dove lavorano sei medici, due infermieri, 11 tecnici di radiologia e tre amministrativi. Un programma che vede l'Emilia Romagna prima ed unica  regione italiana per il largo bacino di età cui l'esame è garantito gratuitamente. La mammografia di screening, spiega ancora Conti, viene eseguita da un tecnico di radiologia e valutata dopo pochi giorni da due radiologi (eventualmente da un terzo se fra i primi due non  sono  d'accordo sulla valutazione).
La mammografia clinica, spiega invece Cecilia D'Aloia, responsabile del Centro senologico ospedaliero (vi lavorano  quattro medici,  cinque tecnici,  quattro infermieri e  quattro  archivisti)  viene richiesta in presenza di sintomatologia. «Contestualmente si esegue una visita ed un'ecografia ed eventualmente anche un agoaspirato», spiega D'Aloia.
Il percorso diagnostico-terapeutico  si avvale anche del mammotome (sonda per biopsie), e dell'apporto di radiologi, oncologi, chirurghi, citologi, anatomo-patologi.

Il punto
Cosa si è fatto finora per l'integrazione?
«L'unificazione logistica delle due strutture ha consentito un più facile accesso alla documentazione delle pazienti. Inoltre da un anno   è possibile accedere agli archivi digitali di immagini, mammografie e risonanze magnetiche,  di entrambe le strutture, evitando il ricorso ai cd», spiega Antonio Balestrino, direttore di presidio dell'Azienda ospedaliero-universitaria.
«Stiamo inoltre collaborando con i professionisti dell'Ausl  per eseguire mammografie a Fidenza e San Secondo  e poter accogliere le pazienti con percorsi facilitati, in caso di necessità di approfondimento, nel centro senologico del Maggiore», aggiunge Cecilia D'Aloia. Del processo di integrazione, continua D'Aloia, fa parte anche la collaborazione con radiologi e chirurghi del territorio, soprattutto  Fidenza e San Secondo, che si occupano di senologia. Così come, ricorda Balestrino, la formazione di gruppi di lavoro, fra il centro screening e il centro senologico, per avviare il percorso delle pazienti con familiarità ereditaria per il tumore al seno.
Cosa resta da fare?
«La creazione di un punto di accoglienza unificato. Ci stiamo lavorando e dovrebbe partire entro il 2013», spiega Balestrino. Ancora: la stesura - aggiunge  Balestrino - di procedure concordate che codifichino il percorso delle pazienti di screening una volta effettuata la microbiopsia e uniformino la comunicazione alle pazienti dei risultati degli accertamenti.
C'è poi la questione   del mammotome, per ora utilizzato solo da due dei quattro medici del Centro senologico. Per Conti sarebbe opportuno che anche un medico dello screening potesse ricevere l'addestramento per il suo utilizzo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

IGERS

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

VIA EMILIA EST

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

2commenti

VIANINO

Furto all'alba nel supermercato

GAZZAREPORTER

Parma 2017, bello spettacolo Barriera Garibaldi...

1commento

Incidente

Auto contro scooter a Fontevivo

Oltretorrente

«Ci riprendiamo il nostro quartiere: yoga in strada e biciclettate»

2commenti

Vandalismo

Strage di gomme in borgo Gazzola

1commento

COMUNE

Carte d'identità elettroniche, il trasporto per anziani e disabili

Appennino

Transumanza, lezione tra i monti per gli studenti del Bocchialini

FONTANELLATO

Riapre il box della torta fritta

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

7commenti

Comune

Sciopero generale di venerdì 27 ottobre, i servizi garantiti

ambiente

Prima l'acqua poi il vento, ma misure d'emergenza fino a giovedì

6commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

RUGBY

Doppia intervista: Minozzi e Giammarioli, «gemelli» azzurri

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CONTROLLI

Autovelox, la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

3commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

Gossip Sportivo

Nuovo look, Wanda Nara è diventata mora

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

2commenti

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

L'UTILITARIA

Skoda Fabia Twin Color più ricca

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro