16°

Salute-Fitness

Il tumore al seno? Si combatte con due "squadre"

0

Monica Tiezzi

Sono oltre trentamila le mammografie eseguite dal primo gennaio dal centro screening «Bagnasco» dell'Ausl e  oltre novemila quelle eseguite nel 2011 dal Centro senologico dell'ospedale Maggiore. Una lotta «congiunta» al tumore al seno fra   due strutture -  riunite  fisicamente dal 2010,  con il trasloco del centro screening da via Cecchi al monoblocco del Maggiore, che ospita anche in centro senologico i  -  che stanno lavorando nell'ottica dell'integrazione e della sinergia. Non senza difficoltà.

«Tanti passi avanti»
«L'organizzazione unitaria  ancora non si è compiutamente attivata e le strutture restano funzionalmente separate», sostiene ad esempio Giancarlo Terzi, assessore alla sanità del Comune fra il 2000 e il 2007, che per questo ha scritto nei mesi scorsi sia ad Ausl che all'ospedale. E anche Carlo Naldoni, responsabile regionale dello screening mammografico, ammette che «a livello regionale c'è chi ha superato questo dualismo, come Reggio Emilia, Bologna e Modena. A Parma  siamo sulla buona strada ma bisogna integrare di più, unificando risorse e percorsi diagnostico-terapeutici».
«In realtà la situazione oggi non è paragonabile rispetto a qualche anno fa. Molti passi avanti sono stati fatti sia per i tempi  per le mammografie cliniche,  per le quali oggi si aspettano solo pochi giorni,  sia per l'integrazione fra le due strutture. Siamo soddisfatti,  anche se  non ci accontentiamo», dice il direttore generale dell'Ausl Massimo Fabi.

Gruppo di lavoro interaziendale
Il direttore sanitario dell'Ausl Ettore Brianti ricorda che dal 2008 c'è un gruppo di lavoro permanente interaziendale  che vuol  delineare  un unico percorso integrato per la cura del tumore al seno. Un percorso che coinvolge anche i medici di medicina generale, cui spetta la prima valutazione di «filtro» per decidere l'invio della paziente alla Senologia  del Maggiore, struttura inserita nella Radiologia e centro di riferimento  regionale.
Due sono infatti i canali di accesso della paziente alla mammografia: lo screening programmato e la mammografia clinica.
«Lo screening mammografico preventivo viene eseguito una volta all'anno per le pazienti fra i 45 e i 49 anni, e ogni due anni per le pazienti fra i 50 e i 74 anni», spiega Giovanni Conti, direttore del  centro screening, dove lavorano sei medici, due infermieri, 11 tecnici di radiologia e tre amministrativi. Un programma che vede l'Emilia Romagna prima ed unica  regione italiana per il largo bacino di età cui l'esame è garantito gratuitamente. La mammografia di screening, spiega ancora Conti, viene eseguita da un tecnico di radiologia e valutata dopo pochi giorni da due radiologi (eventualmente da un terzo se fra i primi due non  sono  d'accordo sulla valutazione).
La mammografia clinica, spiega invece Cecilia D'Aloia, responsabile del Centro senologico ospedaliero (vi lavorano  quattro medici,  cinque tecnici,  quattro infermieri e  quattro  archivisti)  viene richiesta in presenza di sintomatologia. «Contestualmente si esegue una visita ed un'ecografia ed eventualmente anche un agoaspirato», spiega D'Aloia.
Il percorso diagnostico-terapeutico  si avvale anche del mammotome (sonda per biopsie), e dell'apporto di radiologi, oncologi, chirurghi, citologi, anatomo-patologi.

Il punto
Cosa si è fatto finora per l'integrazione?
«L'unificazione logistica delle due strutture ha consentito un più facile accesso alla documentazione delle pazienti. Inoltre da un anno   è possibile accedere agli archivi digitali di immagini, mammografie e risonanze magnetiche,  di entrambe le strutture, evitando il ricorso ai cd», spiega Antonio Balestrino, direttore di presidio dell'Azienda ospedaliero-universitaria.
«Stiamo inoltre collaborando con i professionisti dell'Ausl  per eseguire mammografie a Fidenza e San Secondo  e poter accogliere le pazienti con percorsi facilitati, in caso di necessità di approfondimento, nel centro senologico del Maggiore», aggiunge Cecilia D'Aloia. Del processo di integrazione, continua D'Aloia, fa parte anche la collaborazione con radiologi e chirurghi del territorio, soprattutto  Fidenza e San Secondo, che si occupano di senologia. Così come, ricorda Balestrino, la formazione di gruppi di lavoro, fra il centro screening e il centro senologico, per avviare il percorso delle pazienti con familiarità ereditaria per il tumore al seno.
Cosa resta da fare?
«La creazione di un punto di accoglienza unificato. Ci stiamo lavorando e dovrebbe partire entro il 2013», spiega Balestrino. Ancora: la stesura - aggiunge  Balestrino - di procedure concordate che codifichino il percorso delle pazienti di screening una volta effettuata la microbiopsia e uniformino la comunicazione alle pazienti dei risultati degli accertamenti.
C'è poi la questione   del mammotome, per ora utilizzato solo da due dei quattro medici del Centro senologico. Per Conti sarebbe opportuno che anche un medico dello screening potesse ricevere l'addestramento per il suo utilizzo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

L'attore posta video dopo l'infarto: "Pericolo passato"

salvato

Lopez, il video dopo l'infarto: "La paura? Tutto passato"

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Salso: rogo in un garage, distrutte 4 auto; non si esclude natura dolosa

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

Comune

Parma, sconto sull'Imu per chi affitta a canone concordato

1commento

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

5commenti

sicurezza

Via della Salute a Parma: sorvegliano i residenti

piazzale della pace

Fermato mentre scappa con una boutique (falsa) nello zaino: espulso dall'Italia

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

13commenti

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

10commenti

crisi

Copador: sciopero di due ore in vista dell'assemblea soci Video

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

5commenti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

14commenti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

storie di ex

Turchia: legami con Gulen, il Galatasaray caccia Hakan Sukur

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

27commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

2commenti

EDITORIALE

Europa, la dura realtà dopo le celebrazioni

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Economia

Stretta sui "compro oro". Ecco cosa cambia Video

Rimini

Cadavere nel trolley: non è la cinese scomparsa in crociera. La vittima è morta di stenti

SOCIETA'

western

Addio ad Alessandroni, il "fischio" più famoso del cinema Video

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017