21°

33°

Salute-Fitness

"Parto indolore", è boom: scelto da 25 donne su 100

"Parto indolore", è boom: scelto da 25 donne su 100
Ricevi gratis le news
1

Monica Tiezzi

Il parto naturale senza dolore, grazie all'anestesia epidurale, è partito all'ospedale Maggiore   - in forma gratuita per le donne che ne facciano richiesta e non presentino controindicazioni -  il 10 novembre scorso. Le richieste si  sono assestate  a fine marzo al 25% (più della media italiana, che  è del 15-20%)  con previsioni di ulteriori aumenti, in linea con quanto avviene a livello regionale (il Sant'Orsola di Bologna, ad esempio, è già al 37,7%). Al Maggiore nel 2012  avevano  partorito in analgesia l'11,2% delle pazienti.
E' tempo quindi di raccogliere dati su questa pratica - introdotta all'ospedale di Parma da metà degli anni '90 ma limitata a  poco più del  10% delle gestanti,   finchè era a pagamento - per verificare criticità e  studiare  miglioramenti. Anche a questo è servito il seminario di aggiornamento in medicina perinatale -  organizzato dalla Neonatologia e dal Dipartimento materno infantile dell'ospedale Maggiore -  che si è svolto ieri nell'aula congressi dell'Ospedale Maggiore con grande partecipazione di pubblico.
I vantaggi del parto in analgesia sono evidenti: il dolore del travaglio e del parto  è equiparato - ha spiegato l'anestesista Raffaella Troglio,  della seconda Anestesia e rianimazione  del Maggiore - a quello per l'amputazione di un dito, più forte  del dolore da cancro o da frattura. Un'analgesia adeguata riduce lo stress materno. Ma  gli studi  non hanno ancora chiarito se riduce anche  quello del bambino. Ed è proprio il «punto di vista» del neonato  che  si  sta  cercando di approfondire. Il parto in analgesia causa infatti - nel 55% delle donne che ne hanno beneficiato, secondo studi recenti  - l'insorgenza di febbre, nel 25% dei casi oltre i 38 gradi, come ha spiegato Guido Cocchi della neonatologia del Sant'Orsola di Bologna. Una febbre sulla cui natura - infettiva o infiammatoria? - il dibattito è ancora aperto, ma che può comunque causare problemi al bambino. «Bisogna riconoscere in anticipo quali donne sono a maggior rischio di febbre e attuare strategie per contenerla e limitare l'esposizione fetale», spiega Sara Dallaglio, specialista della Neonatologia del Maggiore. Altro problema è l'aumento dei parti «operativi» (ossia che necessitano della ventosa) quando interviene l'anestesia: «Un aumento da 30 a 60 volte», fa notare Cocchi. A Parma i parti operativi fra le donne in analgesia sono stati nel 2012 il 18,5% contro il 7% dei parti non in analgesia.  La partoanalgesia inoltre allungherebbe il travaglio «soprattutto nella fase espulsiva», come spiega Dallaglio, e   avrebbe anche evidenziato un aumento dei ricoveri per iperbilirubinemia.Questo non significa, naturalmente, che il parto naturale in analgesia   sia «bocciato». «L'anestesia nel parto rappresenta un grande progresso, ma la casista e il follow up  sono  ancora limitati. Occorre studiare molto per evitare o minimizzare gli effetti collaterali», spiega Cinzia Magnani, direttrice della Neonatologia del Maggiore. Per questo sta per partire proprio in Neonatologia uno studio di sei mesi che analizzerà l'evoluzione del travaglio nei parti in analgesia e gli effetti sui neonati a breve e a più lungo termine, anche per quanto riguarda l'allattamento al seno che, secondo alcune ipotesi, potrebbe essere alterato o influenzato dai farmaci usati per l'anestesia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • eleonora

    22 Aprile @ 13.23

    Voglio proprio lasciare il mio commento a questo articoli ai limiti della coerenza. Partiamo col non dare troppa importanza ad un mio primissimo pensiero in malafede, ossia, che questo articolo serva un po' da deterrente per limitare il numero di partorienti che scelgono l'analgesia epidurale intasando, evidentemente, tempi e corsie dell'ospedale Maggiore. Continuiamo, dicevo, con un'analisi più lucida e meno viscerale. Da un punto di vista deontologico vorrei proprio sapere su che basi scientifiche o statistiche, l'anestesista Raffaella Troglio paragona il parto naturale a ' l'amputazione di un dito, più forte del dolore da cancro o da frattura'. Mi viene da pensare che abbia personalmente sperimentato sia il parto naturale che tutte le tre sciagure del caso ...altrimenti è solo terrorismo inconsistente. Secondo punto. Dopo averci sconvolto con queste rivelazioni splatter, arriva un MA che mette in discussione tutte le future partorienti: gli effetti dell'analgesia non sono ancora conosciuti e, attenzione attenzione, potrebbero persino danneggiare il feto. Una notizia digeribile per una madre, vero?. Adesso però inizieranno gli studi e i follow up perché un lavoro coordinato ed interattivo con ospedali, soprattutto europei, dove questa tecnica è usata da anni sarebbe una perdita di tempo o forse il contrario: troppo veloce per poter fermare il flusso inarrestabile di donne che non vogliono optare per il giusto e sempiterno 'tu donna partorirai con dolore'.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

America si infuria con Phelps, gara squalo 'truffa'

il caso

L'America s'infuria con Phelps: la gara con lo squalo è una "truffa" Video

Una corona per Miss Parma: chi sarà la più bella del reame?

concorso

Una corona per Miss Parma: chi sarà la più bella del reame?

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

documentario

William e Harry: "Quell'ultima telefonata con mamma Diana" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Lascia la figlia addormentata in auto sotto il sole: denunciato

parma

Lascia la figlia addormentata in auto sotto il sole: denunciato

Il padre accusato di abbandono di minore

DELITTO DI VIA SIDOLI

«Elisa voleva andare a un concerto, io ho perso la testa»

Nuove rivelazioni dell'ex fidanzato

3commenti

anteprima gazzetta

Pusher, la città adesso chiede risposte

tg parma

Rapina un'anziana sul treno durante la sosta a Parma: arrestato Video

Aveva anche molestato altri viaggiatori e spaventato tutti azionando il freno d'emergenza

2commenti

MERCATO

Dezi e Insigne jr, doppio colpo del Parma

1commento

tortiano

Vede scappare i ladri sull'auto della cliente. Ora il lieto fine

L'INCHIESTA

Viale Vittoria, è sempre emergenza spaccio

39commenti

Fraore

Black-out programmato. Ma nessuno lo sapeva

1commento

SALA

E' morta la Milla, regina della torta fritta

fontevivo

Schianto tra furgone e bicicletta: un ferito

UN MACEDONE

Ricercato per condanna a Parma, arrestato al confine a Trieste

INTERVISTA

Bonatti, utili triplicati e maxi-commessa in Egitto

Intervista al presidente Paolo Ghirelli: il 90% dei ricavi (saliti a 800 milioni) all'estero. E il portafoglioordini sale a 1,4 miliardi di euro

langhirano

Un "dolce" Festival del Prosciutto: arriva Ernst Knam Foto

Incredibile

Straordinaria scoperta nel Po: trovata la mandibola di un leone

7commenti

Traversetolo

Escluso dai servizi scolastici chi non paga

1commento

siccità

Regione: nessun rischio di razionamento dell'acqua

Domani incontro per il Po. Gazzolo, da concordare soluzioni agricole tra Regioni padane

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

2commenti

AMARCORD/1

Quando c'era "Un disco per l'estate" Video

di Vanni Buttasi

ITALIA/MONDO

LONDRA

I genitori di Charlie si arrendono, "Vai con gli angeli" Video

torino

Assalti ai bancomat, presi i banditi mascherati da Trump Video

1commento

SPORT

Calciomercato

Cassano: "Mia moglie ha sbagliato, mi ritiro"

SCHERMA

Mondiali: fioretto donne, oro all'Italia

SOCIETA'

il caso

Bibbia in ebraico, Verde respinge le accuse di Klaus Davi

degrado

Venezia: e ora i turisti si tuffano (anche) dal ponte di Calatrava

3commenti

MOTORI

BMW

Serie 2 Coupé e Cabrio, debutta il restyling

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori