15°

Salute-Fitness

Nuovo punto debole della malaria identificato dai ricercatori dell'Ateneo

Nuovo punto debole della malaria identificato dai ricercatori dell'Ateneo
0

La malaria è una delle malattie più gravi che affliggono l’umanità.Si stima che ogni anno più di 200 milioni di persone vengano infettati dal protozoo Plasmodium falciparum (e da specie affini) e che circa un milione muoiano – per lo più bambini di regioni tropicali o subtropicali.

Farmaci contro la malaria sono ampiamente disponibili dalla metà del secolo scorso, e una parte importante di questi è costituita da antifolati, cioè farmaci che inibiscono due enzimi deputati alla produzione di acido folico.

Quest’ultimo è una sostanza di cui il Plasmodium falciparum ha estremo bisogno, per cui bloccare la sua sintesi conduce alla morte del protozoo.

Nonostante la validità degli antifolati e di altri classici trattamenti antimalarici, col tempo il loro uso è diventato sempre meno efficace, a causa della diffusione di ceppi di plasmodio resistenti a questi farmaci. Ciò ha portato a notevoli sforzi per identificare nuovi bersagli molecolari, cioè nuovi enzimi di Plasmodium falciparum la cui inibizione possa uccidere il protozoo.

Cercare tra altri enzimi necessari per la sintesi di acido folico (verso i quali sviluppare dei ‘nuovi’ antifolati) sembrava una scelta ovvia. Si sapeva che la sintesi di acido folico richiede complessivamente una decina di enzimi, ma non tutto era chiaro riguardo alla loro identità. In particolare, un enzima specifico mancava all’appello, chiamato aminodeossicorismato liasi (ADCL). Era quasi certo che il plasmodio possedesse questo enzima, ma nessuno era riuscito a trovare il gene corrispondente nel genoma del protozoo, che pure è stato sequenziato da oltre dieci anni.

Il gruppo dell’Università di Parma, coordinato dal prof. Alessio Peracchi, utilizzando competenze specifiche su questo tipo di molecole e un approccio bioinformatico e sperimentale stringente è riuscito prima a individuare nel genoma di plasmodio il probabile gene codificante per l’enzima ADCL e poi a dimostrare che si trattava effettivamente di quell’enzima.

Lo studio, che è stato accettato come accelerated publication sulla rivista britannica Biochemical Journal, è già accessibile online (Magnani G, Lomazzi M, Peracchi A., Completing the folate biosynthesis pathway in Plasmodium falciparum: p-aminobenzoate is produced by a highly divergent, promiscuous aminodeoxychorismate lyase. Biochemical Journal, doi:10.1042/BJ20130896). Il lavoro, oltre a identificare l’enzima, rivela che l’ADCL di plasmodio è notevolmente diversa dalle ADCL di altri organismi, e in particolare lega con insolita efficienza alcuni composti (detti D-amminoacidi), che potrebbero rappresentare un punto di partenza per lo sviluppo di inibitori specifici.

Lo studio è stato reso possibile da un piccolo finanziamento da parte dell’Ateneo (fondi FIL per la ricerca scientifica) e dalla collaborazione amichevole prestata da colleghi dell’Università di Parma e di università estere.

Il primo autore dell’articolo (Giovanni Magnani, ora dottorando presso la Technische Universität München) ha svolto la ricerca nel corso del suo lavoro di Tesi magistrale presso il Dipartimento di Bioscienze dell’Ateneo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia