17°

32°

Salute-Fitness

Emicrania: chirurgia anziché farmaci

Emicrania: chirurgia anziché farmaci
Ricevi gratis le news
0

Sconfiggere l’emicrania con un intervento chirurgico in anestesia locale. Sembra aprire a questa prospettiva il tipo di intervento - unico sul piano internazionale e con una percentuale di successo assai elevata - perfezionato in questi mesi presso la Sezione di Chirurgia Plastica del Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell’Università di Parma.
«La procedura - racconta Edoardo Raposio, direttore della Sezione di Chirurgia Plastica del Dipartimento chirurgico - consiste nell’effettuazione in anestesia locale di una piccola incisione a livello dello scalpo, zona in cui sono presenti i capelli e nella quale eventuali cicatrici non sono visibili. Con l’utilizzo di un particolare endoscopio, si procede in maniera mini-invasiva a sezionare, al di sotto della cute, i sottili muscoli presenti, in base alla sede dell’emicrania. Si interviene nella regione della fronte in prossimità delle sopracciglia, sui muscoli depressore e corrugatore del sopracciglio e il muscolo procero, mentre nella regione occipitale si agisce sul muscolo occipitale».
La contrazione di tali muscoli - la cui attività è appositamente indebolita dall’intervento - risulta infatti essere la causa, in molti pazienti, dell’irritazione di alcuni nervi responsabili dello scatenamento degli attacchi di emicrania.
L'intervento dura circa 45 minuti, si completa con un punto di sutura e la degenza è di soltanto un giorno.
«Nei primi 15 pazienti operati – sottolinea Raposio - si è registrata una percentuale di successo pari al'80% dei pazienti trattati, con una completa scomparsa dell’emicrania o una significativa diminuzione del numero, della gravità, e della durata degli attacchi».
L'idea dell’intervento è nata dall’osservazione casuale - riportata per primo da Bahman Guyuron della Case Western University di Cleveland nel 2000 - che pazienti affetti da emicrania sottoposti per ragioni estetiche a chirurgia endoscopica volta al lifting del terzo superiore del volto riportavano, quale conseguenza dell’intervento, anche una riduzione o scomparsa degli attacchi di emicrania.
Da lì l’idea - sempre di Guyuron - di effettuare in pazienti affetti da emicrania parte del medesimo intervento di ringiovanimento della fronte non più a fini estetici ma terapeutici.
 «Tale approccio è stato validato da numerosi studi scientifici» spiega Raposio.
«Il nostro gruppo di ricerca ha migliorato la tecnica intervenendo in anestesia locale e totalmente per via endoscopica mediante una sola piccola incisione cutanea. A questo proposito abbiamo appena terminato la stesura di un lavoro riportante la nostra tecnica e casistica. Inoltre abbiamo ottenuto riscontri positivi in occasione di presentazioni scientifiche sia al Congresso Nazionale Congiunto della Società Italiana dei Chirurghi Universitari (Sicu), della Società Italiana Ricerche in Chirurgia (Sirc) e dell’American College of Surgeons - Italian Chapter, sia al XXVII Congresso Nazionale della Società Italiana per lo Studio delle Cefalee (Sisc), svoltosi nei giorni scorsi a Perugia». Gli obiettivi più immediati del gruppo di ricerca guidato da Raposio sembrano essere la validazione o meno della tecnica anche per la terapia delle cefalee tensive, ma, più importante, la divulgazione di tale possibilità terapeutica attualmente poco conosciuta.
«I pazienti candidabili - sottolinea Raposio - sono quelli affetti da emicranie farmaco-resistenti, ovvero pazienti nei quali non si riesce a ottenere una risposta terapeutica soddisfacente mediante i trattamenti farmacologici tradizionali, così come in pazienti nei quali la presenza di controindicazioni od effetti collaterali importanti impongono la ricerca di trattamenti alternativi. Risultati preliminari incoraggianti sono stati ottenuti anche in alcuni casi di cefalea tensiva, mentre per gli altri tipi di cefalea (quali la cefalea "a grappolo" o altre forme di cefalea secondarie) non vi sono indicazioni al trattamento chirurgico».
L’intervento apre a nuovi scenari anche sul versante del contenimento delle spese sanitarie.
«I risparmi economici correlati ai casi di successo dell’intervento sono rilevanti - sottolinea Raposio - sia in termini di riduzione della spesa sanitaria - correlata ad una diminuzione o sospensione della terapia farmacologica e visite specialistiche correlate – sia, soprattutto, in termini di riduzione o eliminazione di assenze lavorative e mancata produttività ad esse correlata. Non da ultimi vanno citati i benefici in termini di miglioramento di qualità della vita dei pazienti trattati con successo, conseguenti alla diminuzione o scomparsa dei sintomi e degli effetti collaterali dei farmaci».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

"Dai un bacio a Chiara"  Fedez e Chiara Ferragni approdano a Capri

gossip

Fedez e Chiara Ferragni (e Rovazzi) a Capri: folla in delirio Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Samuele Turco suicida in carcere
delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

Ultime notizie

Le parole del giovane parmigiano

SONDAGGIO

Da bagolón a bagolone: come cambia il dialetto dei giovani

di Mara Varoli

1commento

Lealtrenotizie

Bimba di 8 mesi inala un pezzo di peperoncino: intervento salvavita all’ospedale di Parma

Ospedale

Bimba di 8 mesi inala pezzo di peperoncino: intervento salvavita al Maggiore

La piccola, residente nel Reggiano, è stata operata da Maria Majori

omicidio di natale

Delitto di San Prospero, per Alessio Turco probabile rito abbreviato Video

baganzola

Terzo furto al Pronto Carni, in azione tre uomini dell'Est Video

parma

Schiaffi e pugni per rubare la borsetta a una 19enne: nigeriano arrestato

allarme

Il garante: "Carcere di Parma, 2 suicidi in 3 mesi"

La relazione

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

Il caso Turco

«Il suicidio? Impossibile prevederlo»

montechiarugolo

Pronti a colpire, arrivano i carabinieri: ladri in fuga nei campi

la curiosità

Biciclette e corsie per gli autobus: il «carosello» dei segnali stradali

nuovi acquisti

Dezi: "Per me è importante avere la fiducia del Parma" Video

cantiere

Al via in agosto la riqualificazione di piazza della Pace

IL CASO

Colorno, «portoghesi» del bagno in piscina. Ora le denunce

IL PERSONAGGIO

Torrechiara, Alberto Angela «gira» nel castello

Lutto

La morte di Igino Lemoigne, una vita nelle assicurazioni

L'intervista

Insinna: «Vi racconto la verità sui fuori-onda»

Fidenza

Roslyn, campionessa di nuoto a 74 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Salso, l'avvenire non è dietro le spalle

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Monte Argentario

La comandante dei vigili spara al figlio 17enne ucidendolo e poi si toglie la vita

profitti

Samsung, utili record: sorpasso con Apple alle porte

SPORT

il tormentone

Oggi Cassano si svincola dal Verona. Ma è vero addio al calcio?

mondiali nuoto

Pazzesca Pellegrini, impresa in rimonta: è oro. "Vorrei fare la velocista" Foto

SOCIETA'

Spettacoli

Angelina Jolie rompe il silenzio su Brad Pitt Video

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

MOTORI

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video

anniversario

Pajero One/Hundred, Mitsubishi festeggia il secolo di vita