-1°

Salute-Fitness

Emicrania: chirurgia anziché farmaci

Emicrania: chirurgia anziché farmaci
0

Sconfiggere l’emicrania con un intervento chirurgico in anestesia locale. Sembra aprire a questa prospettiva il tipo di intervento - unico sul piano internazionale e con una percentuale di successo assai elevata - perfezionato in questi mesi presso la Sezione di Chirurgia Plastica del Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell’Università di Parma.
«La procedura - racconta Edoardo Raposio, direttore della Sezione di Chirurgia Plastica del Dipartimento chirurgico - consiste nell’effettuazione in anestesia locale di una piccola incisione a livello dello scalpo, zona in cui sono presenti i capelli e nella quale eventuali cicatrici non sono visibili. Con l’utilizzo di un particolare endoscopio, si procede in maniera mini-invasiva a sezionare, al di sotto della cute, i sottili muscoli presenti, in base alla sede dell’emicrania. Si interviene nella regione della fronte in prossimità delle sopracciglia, sui muscoli depressore e corrugatore del sopracciglio e il muscolo procero, mentre nella regione occipitale si agisce sul muscolo occipitale».
La contrazione di tali muscoli - la cui attività è appositamente indebolita dall’intervento - risulta infatti essere la causa, in molti pazienti, dell’irritazione di alcuni nervi responsabili dello scatenamento degli attacchi di emicrania.
L'intervento dura circa 45 minuti, si completa con un punto di sutura e la degenza è di soltanto un giorno.
«Nei primi 15 pazienti operati – sottolinea Raposio - si è registrata una percentuale di successo pari al'80% dei pazienti trattati, con una completa scomparsa dell’emicrania o una significativa diminuzione del numero, della gravità, e della durata degli attacchi».
L'idea dell’intervento è nata dall’osservazione casuale - riportata per primo da Bahman Guyuron della Case Western University di Cleveland nel 2000 - che pazienti affetti da emicrania sottoposti per ragioni estetiche a chirurgia endoscopica volta al lifting del terzo superiore del volto riportavano, quale conseguenza dell’intervento, anche una riduzione o scomparsa degli attacchi di emicrania.
Da lì l’idea - sempre di Guyuron - di effettuare in pazienti affetti da emicrania parte del medesimo intervento di ringiovanimento della fronte non più a fini estetici ma terapeutici.
 «Tale approccio è stato validato da numerosi studi scientifici» spiega Raposio.
«Il nostro gruppo di ricerca ha migliorato la tecnica intervenendo in anestesia locale e totalmente per via endoscopica mediante una sola piccola incisione cutanea. A questo proposito abbiamo appena terminato la stesura di un lavoro riportante la nostra tecnica e casistica. Inoltre abbiamo ottenuto riscontri positivi in occasione di presentazioni scientifiche sia al Congresso Nazionale Congiunto della Società Italiana dei Chirurghi Universitari (Sicu), della Società Italiana Ricerche in Chirurgia (Sirc) e dell’American College of Surgeons - Italian Chapter, sia al XXVII Congresso Nazionale della Società Italiana per lo Studio delle Cefalee (Sisc), svoltosi nei giorni scorsi a Perugia». Gli obiettivi più immediati del gruppo di ricerca guidato da Raposio sembrano essere la validazione o meno della tecnica anche per la terapia delle cefalee tensive, ma, più importante, la divulgazione di tale possibilità terapeutica attualmente poco conosciuta.
«I pazienti candidabili - sottolinea Raposio - sono quelli affetti da emicranie farmaco-resistenti, ovvero pazienti nei quali non si riesce a ottenere una risposta terapeutica soddisfacente mediante i trattamenti farmacologici tradizionali, così come in pazienti nei quali la presenza di controindicazioni od effetti collaterali importanti impongono la ricerca di trattamenti alternativi. Risultati preliminari incoraggianti sono stati ottenuti anche in alcuni casi di cefalea tensiva, mentre per gli altri tipi di cefalea (quali la cefalea "a grappolo" o altre forme di cefalea secondarie) non vi sono indicazioni al trattamento chirurgico».
L’intervento apre a nuovi scenari anche sul versante del contenimento delle spese sanitarie.
«I risparmi economici correlati ai casi di successo dell’intervento sono rilevanti - sottolinea Raposio - sia in termini di riduzione della spesa sanitaria - correlata ad una diminuzione o sospensione della terapia farmacologica e visite specialistiche correlate – sia, soprattutto, in termini di riduzione o eliminazione di assenze lavorative e mancata produttività ad esse correlata. Non da ultimi vanno citati i benefici in termini di miglioramento di qualità della vita dei pazienti trattati con successo, conseguenti alla diminuzione o scomparsa dei sintomi e degli effetti collaterali dei farmaci».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le evoluzioni al palo di Maria Aguiar

Pole dance

Evoluzioni al palo: Maria Aguiar è campionessa sudamericana Video

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

4commenti

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

lega pro

Parma: missione punti e continuità

Crociati in campo al Tardini, oggi, alle 14.30 contro il Teramo

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

3commenti

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

6commenti

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

2commenti

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Fuori Orario

Serata "I love Rock": ecco chi c'era Foto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

2commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

A volte fa più male la gentilezza

ITALIA/MONDO

Crisi di governo

Mattarella convoca Gentiloni al Quirinale. Renzi: "Torno a casa davvero"

turchia

Autobomba nel centro di Istanbul: 13 morti e decine di feriti

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

5commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti