15°

28°

dibattito

Il suicidio di Dominique e noi

Eutanasia: fra i lettori si è acceso un forte dibattito

Eutanasia: quel suicidio assistito che fa discutere
Ricevi gratis le news
72

Dominique Velati, militante radicale e malata terminale, ha ottenuto il suicidio assistito in Svizzera, a Berna, ed è deceduta il 15 dicembre.

Lo ha reso noto il radicale Marco Cappato autodenunciandosi per aver aiutato la donna ad ottenere l'eutanasia. Cappato ha annunciato la disobbedienza civile, contravvenendo al Codice penale italiano ed ha promesso un aiuto economico, con il pagamento del biglietto di viaggio, ai malati terminali che vogliono il suicidio assistito in Svizzera. 

.........................

Questa la notizia, che riapre un dibattito già emerso con i casi Welby ed Englaro. Voi come la pensate? Che cosa vorreste vi accadesse nel caso di malattia terminale? E' un tema complesso: dite la vostra nello spazio commenti sotto questo articolo, dove già si è sviluppato fra i lettori un forte dibattito con opinioni contrapposte

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    25 Dicembre @ 21.18

    SIGNOR ENRICO , LE SUE LETTERE AI PARENTI E AL MEDICO NON SERVONO A NIENTE . Nessuno può essere sottoposto ad accertamenti o terapie che non accetti. Per questo viene chiesto il consenso informato del paziente , ed è questo il momento in cui può consentire o non consentire. Il consenso informato , comunque , viene richiesto per ogni singola prestazione , quindi dire che non si vuole l' "accanimento terapeutico" non significa praticamente nulla , a meno che lei non si riferisca al " do not resuscitate" degli anglosassoni , che , però , si applica a casi ben precisi di terminali agonizzanti . Lei dice di voler rifiutare l' "alimentazione forzata". Di quale "alimentazione forzata" parla ? Si può farla per via endovenosa per periodi di tempo limitati , finché l' ammalato non torna ad alimentarsi . Secondo lei è "accanimento terapeutico" ? Suppongo che lei , visto che parla di "intervento chirurgico" , si riferisca alla gastrostomia . Ci sono persone che ci convivono per anni . Secondo lei è "accanimento terapeutico" ? Ma , gastrostomia a parte , ci sono persone che vivono per anni con una colostomia. Lei la ritiene "accanimento terapeutico" e la rifiuta ? C' è chi vive per anni con una tracheostomia . E' "accanimento terapeutico" e la rifiuta ? C' è chi ha un' ureterostomia . E' "accanimento terapeutico" e la rifiuta ? C' è chi , per anni , deve andare tre volte alla settimana ad un Rene Artificiale per sottoporsi ad emodialisi . E' "accanimento terapeutico" e lo rifiuta ? Un' eventuale gastrostomia richiederebbe il suo consenso informato , quindi è del tutto improbabile che si possa fargliela contro la sua volontà , Ma la "denuncia a carico dei medici" che lei minaccia finirebbe archiviata in cinque minuti . Un Medico può essere condannato per aver provocato la morte di un paziente, non per averlo tenuto in vita . La gastrostomia è una procedura terapeutica clinicamente consolidata , e non è una "lesione volontaria grave" . Allora lo sarebbe anche un' appendicectomia . Per quanto riguarda la "circonvenzione di incapace" , se lei fosse "incapace" , non potrebbe decidere niente . Al suo posto dovrebbe decidere il suo Tutore. Molte persone , finché sono sane , parlano come lei , dicendo "io non accetterei mai di ridurmi così !" , ma poi, quando viene il momento , vogliono vivere.

    Rispondi

  • enrico

    25 Dicembre @ 09.47

    Io penso che chi si riconosce in una religione ne debba rispettare le regole, ma tali regole non possono essere imposte a chi, come me,non è credente, altrimenti si tratta di fondamentalismo religioso. Per quanto mi riguarda ho scritto una lettera ,lasciata ai parenti ed al medico, in cui dico che non voglio accanimenti terapeutici come l'alimentazione forzata , che per essere applicata necessita di un intervento chirurgico, per cui se venisse effettuato contro la mia volontà ho dato disposizione di presentare denuncia a carico dei medici per lesioni volontarie gravi e circonvenzione d'incapace.Punto. Enrico.

    Rispondi

  • LaoTzu

    23 Dicembre @ 14.05

    Eccoli, i soliti Cattolici, nella loro infinita superbia e arroganza di credere di essere gli unici detentori della verità assoluta, che fortunatamente esiste solo nella loro testa o quando hanno (purtroppo) il potere sufficiente per imporla nella società civile. A questi arroganti "timorati di dio" vorrei solo ricordare che la superbia è uno dei sette peccati capitali. Nessuno può essere padrone della vita altruii!!!

    Rispondi

    • stefano

      23 Dicembre @ 20.52

      Non signor Cinese. Il cattolicesimo è religione di amore e misericordia e nessuno pretende di imporre l'amore verso il prossimo. Sta al prossimo accoglierlo o meno, i cattolici espongono le proprie idee. I superbi e arroganti sono i figli e i nipoti che per anni, dopo il 43, hanno stuprato torturato e ucciso uomini donne e bambini in emilia, quelli erano veri padroni della vita altrui.

      Rispondi

      • tibura

        26 Dicembre @ 09.55

        Qualche anno indietro una ragazina brasilian stuprata è rimasta incinta da gemelli. I medici che li hanno fatto un aborto per protegere la sua vita sono stati escomulgati dal vescovo. Lo stupratore no. Caso concretto di religione di amore e misericordia

        Rispondi

      • paolo

        24 Dicembre @ 08.12

        e la santa(si fa per dire)inquisizione,non le ricorda nulla?nel nome di dio si sono compiute tante nefandezze da fare accapponare la pelle!!! sig stefano lasci stare il dopo 43,e si riveda l'oscurantismo della chiesa della santa inquisizione!!!!

        Rispondi

      • LaoTzu

        24 Dicembre @ 05.59

        E che centrano quelli del '43... ai tempi della Grecia antica già sapevano che la terra era una sfera e ne avevano già misurato il diametro con una buona precisione, poi sono arrivati i "cristiani" e la chiesa cattolica e la terra è diventata piatta e il pensiero è diventato unico, e chi sosteneva diversamente veniva totrurato e ucciso. E chi professava altre idee o altre fedi religiose era un eretico e venica perseguitato e ucciso. Questa è l'eredità millenaria del cristianesimo e della chiesa cattolica, altro che amore... la stessa religione che oggi vuole imporre le proprie verità assolute, spacciandole per "fare la volontà di dio"?! Pura arroganza e superbia! Nessuno può essere padrone della vita altruii!!!

        Rispondi

        • stefano

          24 Dicembre @ 13.15

          è un ragionamento trito e ritrito. A parte che la "santa" inquisizione era spagnola, i preti che facevano questo sicuramente non seguivano il Vangelo. Cristo non ha mai detto di uccidere o torturare, ha sempre detto di amare tutti. Il cattolicesimo segue il Vangelo, il fatto che degli esseri umani abbiano fatto questo sicuramente non fa di loro dei cattolici e questo sicuramente non cambia l'insegnamento di Cristo.Se lei ruba o uccide è comunque un bravo cittadino solo perchè vive in Italia? La Chiesa non giudica nessuno, riporta gli insegnamenti di Cristo, sta a noi non avere i paraocchi e fare del nostro meglio, compreso ragionare.

          Rispondi

        • paolo

          25 Dicembre @ 20.47

          si mandava al rogo,e si torturava in nome di Cristo,caro sig Stefano,anche se la santa inquisizione era spagnola,galileo galilei rischio' il rogo per le sue osservazioni scientifiche,vedo che difetta di memoria!!!!!!!!!!!

          Rispondi

        • LaoTzu

          25 Dicembre @ 09.46

          La Santa Inquisizione, poi diventata Sant'Uffizio, poi Sacra Congregazione della Dottrina della Fede (di cui Ratzinger è stato Prefetto), oggi Congregazione della Dottrina della Fede, è ed è sempre stata corpo della Chiesa Cattolica Apostilica Romana.

          Rispondi

  • Alberto

    23 Dicembre @ 06.25

    Chi è il proprietario della propria vita? A questa domanda uno può rispondere in vari modi : chi crede che sia la mamma che l'ha portato in grembo per 9 mesi , chi dice che ognuno è proprietario della propria vita, chi infine ritiene che sia un dono di Dio. Io personalmente ritengo che l'ultima delle tre sia quella giusta. Quindi il problema adesso è : come mi comporterei in una sitazione disperata come quelle prese in considerazione ? Da credente e praticante non posso che rispondere in un modo solo : "fare la volontà di Dio". Non potrei certamente rifiutare un dono così grande come la vita. Penso però che prendere una decisione diversa comporti una profonda sofferenza umana , impensabile per un credente , perchè "niente è impossibile a Dio" e per questo le guarigioni inspiegabili dalla scienza medica vengono definiti "miracoli", che sono sempre possibili.

    Rispondi

  • marirhugo

    22 Dicembre @ 22.55

    il reato e il peccato. Da tenere separati dicono i favorevoli alla'eutanasia. Se la volonta di una persona e' quella di mettere fine alla propria vita e per poterlo fare ha bisogno dell'assistenza di un'altra persona,quest'altra persona non puo' venire punita. Ecco che ci vuole una legge che discplini queste situazioni. Pero', per il credente il suicidio e' peccato mortale, il peggiore, ed è irreversibile,vai all'inferno non hai possibilità di chiedere perdono,non esiste il perdono per un peccato prossimo venturo. . Ti liberi della sofferenza terrena e precipiti nella sofferenza eterna. Nella dannazione eterna. E allora non si puo' chedere al credente di lasciare che una persona possa aiutare, chi vuole e non puo uccidersi, perche' la malattia gli ha paralizzato il corpo, ad andare all'inferno. e se per il credente è così, , in uno stato laico, ha un solo modo per impedire ad una persona di aiutare uno a mettere fine alla propria vita, dire no ad una legge sull' eutanasia attiva e passiva. Tenere separati peccato e reato, ma quando si tratta della vita del fine vita Per il credente la nostra vita non ci appartiene. Neppure ,anz,i tanto meno legalmente. il credente non scendera' mai ad un compromesso sull'eutanasia. C'e un altra vita eterna dopo questa: che sia migliore, non l'inferno come destino finale.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

4commenti

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

8commenti

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

Lavori di asfaltatura barriera Repubblica

tg parma

Sicurezza in ospedale: oltre 100 telecamere entro il 2018 Video

1commento

CALCIO

D'Aversa si racconta

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

17commenti

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

1commento

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

francia

Auto contro due fermate dell'autobus a Marsiglia, un morto. "Pista psichiatrica"

dai video

Barcellona, ci sono le immagini del terrorista in fuga dopo strage

1commento

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti